Di Valentina Gemelli
Sei in scena a Roma con lo spettacolo “50 fumature di Renzi”. E le 50 fumature di Carlo Frisi quali sono?
Sono i miei tantissimi personaggi che ho proposto e propongo ogni anno, primo fra tutti Papa Francesco.
Da bambino hai mai pensato di “diventare Papa”?
Papa no ma, almeno, Cardinale si.
Qual è il Papa al quale sei, artisticamente, più affezionato?
Sono legato a Papa Wojtyla per tanti motivi, in particolare perché è stato il primo che ho portato nei miei spettacoli.
Voltati indietro, dov’era Carlo dieci anni fa?
Dieci anni fa, facevo lo spettacolo del Bagaglino in TV e, dopo dieci anni, sono ancora qui. Non male.
Nel 1985 Buona Domenica. Poi, Fantastico 6, Serata d’Onore e, nel 1990, vinci la prima edizione di Stasera mi butto, il programma per imitatori condotto da Gigi Sabani. E poi?
Poi un programma pomeridiano bellissimo con Raffaella Carrà, di grande successo ed uno, l’anno seguente, con Magalli. Poi sono entrato a far parte della compagnia del Bagaglino, era il 1993, 22 anni fa.

Quando viaggi preferisci la valigia, il bagaglio a mano o il Bagaglino?

Tutti e tre!

In Italia siamo salvi o, piuttosto, Salvini?

Salvini! È uno dei miei nuovi personaggi che, assieme al presidente Mattarella, mi sta dando molte soddisfazioni. Vi aspetto a teatro, un abbraccio.

 

Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 7 =