Intervista con Federica Cocco

Il nostro redattore Nik Hollywood ha intervistato la Creative/Art Director , Make up Artist- Bodypainter-Stylist-costume designer: Federica Cocco. Di seguito l’intervista esclusiva per voi lettori.

Chi è Federica Cocco

Una sognatrice che ama la musica, l’arte e la gente, le meraviglie della natura e gli animali, mi sento un animale che cerca di nutrire i propri figli e rendere il mio branco migliore. Sono il Direttore Creativo e Artistico del Mensile Bresciaup e lavoro per loro perché sono un’iperattiva ed é l’unica azienda che riesce a farmi fare tutto quello che amo !

I tuoi sogni da piccola

Da piccola sognavo di avere una casa e un padre vicino. Sono cresciuta in una famiglia di artisti, amavo cantare e ballare, travestirmi e truccarmi… ero un po’ esibizionista, ad ogni festa mi facevano ballare.  La domenica mi svegliavo con la musica, ascoltavo Verdi, Rossini, Puccini ecc. Uno dei ricordi più belli che ho è mia nonna. Lei era una cinefila e mi ha trasmesso questo amore per il cinema. Mi faceva notare sopratutto gli abiti ed il trucco e mi diceva: “guarda che vestito si usa, guarda che bel trucco, guarda che arredamento”. Ecco perchè poi sono diventata una Designer-Stylist. Sono anche Truccatrice-Body Painter, creo pubblicità, format eventi e tanto altro, sono una creativa, mi occupo di arte in prima persona ma non sopporto definirmi artista.

Quanto peso hanno per te i sogni?

Enorme peso. Vedo le cose dal backstage, sono una spettatrice al contrario.

Pensi che Il destino abbia deciso per te nella vita?

No, l’ho modificato spesso e volentieri, sapendo bene che mi avrebbe portato guai. Ma sono un animale e seguo il mio istinto. Per caso non succede nulla, forse vincere al lotto sarebbe un caso… ma ci devo comunque prima giocare.

quanto c’è di Federica in tutto quello che fai?

C’è tutto di me. Sono una che racconta la verità, ecco perchè molti mi temono.

Cos’è che ti manca e non c’è?

Vivere con i miei figli come fanno tutte le mamme, o almeno, poter stare con loro la domenica.

Le emozioni a volte fanno male, è quindi giusto viverle a meta?

Questo no. Se fosse così non ci sarebbe l’amore. Le emozioni vanno vissute, non ci sarebbe una vita vera. Fingere non è per me.

Cos’è l’amore per Federica?

E’ vita. Senza amore non siamo nulla. Adoro il corpo umano, il capolavoro per eccellenza. Artisticamente, per me, è quasi ossessione anche se bisogna curare molto quello che si è dentro, il corpo è solo un bozzolo.

Il tuo più bel ricordo?… e nel lavoro?

Nella vita privata è : Io e i miei figli a fare coccole sul divano. Nel lavoro, premesso che ho incontrato centinai di personaggi famosi, è: aver incontrato Cristina D’avena, lei rappresenta la mia infanzia. E’ stato molto emozionante.

Cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere il tuo lavoro?

Di studiare tanto. Se non si è creativi, non tutti possono farlo. Devi averlo dentro. Non è cosa facile

Lavori per il mensile “BRESCIAUP”. Come nasce e perché nasce?

Lavoro per Bresciaup in media 18 ore al giorno, siamo instancabili. Bresciaup è la vetrina di Brescia, una città creativa che ha molto da offrire. Nasce da un’idea di Emanuele Zarcone.

Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − uno =