3° Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà

Guerre, cybersecurity e il talento ecclettico di Elio Fiorucci sono i temi narrati dalle attese anteprime italiane aperte al pubblico di Taste of CementPre-Crime Italiani – Elio Fiorucci in programma domani, sabato 7 ottobre, al 3° Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà,l’appuntamento meneghino con il cinema del reale (Milano 5/8 Ottobre).

 

Due i luoghi della terza edizione del Festival Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà che fino a domenica 8 ottobre, trasforma Milano nella capitale del documentario con un ricco programma di proiezioni con ingresso gratuito: la suggestiva location dell’UniCredit Pavilion, in Piazza Gae Aulenti 10, e la nuova sede in viale Pasubio 5 della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, centro culturale integrato che indaga le trasformazioni sociali della contemporaneità.

Organizzato da UniCredit Pavilion e dalla società di produzione FRANKIESHOWBIZ, il Festival Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà, è l’occasione per puntare i riflettori su importanti temi di fortissima attualità mondiale narrati e trattati attraverso il racconto originale del cinema della realtà. Madrina della terza edizione del Festival la scrittrice pakistana Fatima Bhutto.

 

Taste of Cement – Regia Ziad Kalthoum – in programma sabato 7 ottobre ore 17:30, Sala Polifunzionale Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Taste of Cement è il racconto della assurda situazione vissuta da alcuni operai siriani costretti a fuggire dal loro paese distrutto dalla guerra. Accolti come rifugiati in Libano, dove un altro conflitto è terminato da poco, si ritrovano a costruire grattacieli a Beirut mentre, nello stesso tempo, le loro case vengono bombardate oltre il confine. Lontani dalla loro terra, prigionieri del cantiere in cui vivono e lavorano per volere della legge libanese, non possono neppure comunicare con le loro famiglie o entrare in contatto con il mondo che li circonda. Gli operai vivono quindi in un limbo a-temporale, tra una guerra e l’altra, vittime due volte di una situazione senza via di scampo e priva di senso: perché costruire palazzi e grattacieli, se poi quelle stesse mura diventeranno macerie quando arriveranno dei nuovi bombardamenti?

L’unica certezza dei protagonisti è che ciò che stanno costruendo, sarà presto abbattuto da un’altra guerra. Una prospettiva angosciante che diventa drammaticamente reale grazie al sapiente montaggio che alterna l’immagine di una gru che costruisce a quella di un carro armato che distrugge.

 

Pre-Crime – Regia Monika Hielscher e Matthias Heeder – in programma sabato 7  ottobre ore 20:30, Sala Polifunzionale Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Pre-Crime è il documentario che indaga sulle più avanzate tecnologie utilizzate dalle forze dell’ordine per tentare di sventare i crimini. Sofisticati software e speciali algoritmi permettono di individuare persone potenzialmente in grado di commettere un reato o di esserne vittima. Le fantasie distopiche di Philip K. Dick raccontate in Minority Report sono quindi diventate realtà, ma a quale prezzo? È possibile essere incriminati per illeciti che non abbiamo commesso? In un viaggio tra Chicago, Londra, Parigi, Berlino, Monaco e altre città del mondo dove si applicano queste tecniche futuristiche, Pre-Crime punta i riflettori anche su storie di persone innocenti finite sotto inchiesta. Il documentario rivolge quindi allo spettatore un quesito fondamentale: fino a che punto è possibile sacrificare la nostra privacy in nome della sicurezza?

 

Italiani – Elio Fiorucci – Regia Ai Nagasawa e sceneggiatura di Ilaria Dessi – in programma sabato 7  ottobre ore 21:15, Sala Polifunzionale Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Italiani – Elio Fiorucci è il film documentario prodotto da Rai Storia che racconta il fenomeno unico dell’impero Fiorucci, fondato sulla performatività, che diventa accessibile a tutti e si distingue per la sua libertà d’espressione. Partendo dall’apertura nel 1967 dello storico negozio in Piazza San Babila a Milano vengono rievocati suoni, colori, atmosfere pop in stile Fiorucci. Nei suoi negozi fa circolare il sound dei Beatles, offre caffè, ha un mercatino dell’usato, nelle sue vetrine si incontrano Andy Warhol e Truman Capote. Ad arricchire la narrazione contribuiscono la fascinosa documentazione storica delle Teche Rai che ripropone interviste d’archivio dello stesso Fiorucci e i numerosi interventi tra cui quello della figlia Erica, della ex compagna Cristina Rossi e della sorella Floria Fiorucci, dell’architetto Franco Marabelli e dell’imprenditore Renzo Rosso.

 

Durante la terza giornata del Festival è inoltre in programma, alle ore 11:00 nella Sala Greenhouse dell’UniCredit Pavilion, il panel Il documentario e l’animazione: oltre i confini del Cinema del Reale, aperto al pubblico, organizzato da Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà e Milano Film Festival, in collaborazione con la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, che prevede la partecipazione di Stefano Savona(documentarista) e Simone Massi (animatore) sul progetto La strada dei Samouni nelle sale nel 2018.

 

Con il patrocinio della Regione Lombardia, del Comune di Milano, di 100autori, l’Associazione dell’autorialità cinetelevisiva, Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà ha la main media partnership di Rai e la media partnership di Rai News24 e Rai Cultura, il sostegno di Rai Cinema, il contributo di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, la collaborazione di Fondazione Giangiacomo FeltrinelliIstituto Luce-Cinecittà,Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, Lombardia Film Commission, Hot Docs, la web media partnership di MyMovies.it, la radio media partnership di Radio Popolare, l’Industry media support di Cineuropa.org e il coinvolgimento delle facoltà e delle scuole di cinema milanesi più rappresentative: IULMCivica Scuola di Cinema Luchino ViscontiUniversità Cattolica del Sacro Cuore di MilanoIED  Istituto Europeo di DesignUniversità degli Studi di Milano Dipartimento di Beni Culturali e AmbientaliCentro Sperimentale di Cinematografia.

 

I luoghi del Festival:

UniCredit Pavilion

Piazza Gae Aulenti 10, Milano

 

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Viale Pasubio 5, Milano

 

#visionifest

da giovedì 5 a domenica 8 Ottobre 2017 – orari: 10:30/23:00

Ingresso gratuito alle proiezioni (fino a esaurimento posti)

www.visionidalmondo.it

Walter Nicoletti
Follow Me
Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − cinque =