Il Sex Symbol del Cinema sbarca al Lido di Venezia per accompagnarci nel suo lungo viaggio fra le stelle. Ad Astra di James Gray è un film che ci porta in un futuro nel quale l’uomo riesce a viaggiare sulla Luna e raggiungere Marte e Nettuno, spingendosi oltre ogni limite del cosmo.

Roy McBride (Brad Pitt) vive costantemente con i suoi tormenti del passato che la macchina da presa ci propone quasi costantemente. Le tematiche affrontate spaziano nell”immensità silenziosa e ambigua del sistema solare che si rivela un ambiente intimo e familiare per il protagonista dove si dipana l’intero percorso di riavvicinamento verso un padre leggendario, scomparso nel suo stesso mito.


Ho trovato una citazione di Arthur C. Clarke, autore di 2001: Odissea nello spazio – commenta Gray – ed esistono due possibilità: o siamo soli nell’universo, o non lo siamo. Entrambe sono terrificanti. Allora ho pensato che non avevo mai visto un film su di noi, soli nell’universo. L’idea dei viaggi nello spazio è bella e terrificante al tempo stesso: io sono un grande sostenitore delle esplorazioni spaziali, che però a volte sono semplicemente un modo per fuggire. Questo mi ha trasportato in una dimensione intima: la storia di un padre e di un figlio. Spero che le persone capiscano che dobbiamo apprezzare le esplorazioni e amare la Terra. Bisogna preservare la Terra e i legami umani, a ogni costo.”

La bellezza di Ad Astra si evince proprio sulla scelta di soffermarsi su un dramma familiare tra padre e figlio, in quella scoperta dei limiti umani. James Gray porta sul grande schermo storie insolite e intrise di simbolismi e riflessioni sulla natura dell’uomo davvero interessanti. Forse un po’ lento nel montaggio, ma un Brad Pitt che emoziona ancora con i suoi 55 anni.

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − quattro =