Amedeo Brogli inaugura la mostra “Vedute Romane e Figure”

Gran folla di pubblico tra appassionati del mondo dell’arte, nobiltà ed attori per la mostra di Amedeo Brogli dal titolo “Vedute Romane e figure” in corso nella Coffee House fino al 14 febbraio. In una serie di dipinti esposti viene raccontata la “Città Eterna”, attraverso sfaccettature diverse che però  si ricompongono come in un puzzle. Skyline, ruderi, architetture, ponti, cupole, protagonisti delle tele, sono esaltati da colori decisi e bilanciati che conferiscono a quegli spazi un’identità da fiaba contemporanea o meglio visionaria.

Poi i dipinti complessi, quasi concettuali, dove la staticità delle figure, disposte con perizia teatrale, è controbilanciata dalla vitalità dell’elemento cromatico, per opere di grande respiro. Sono notevoli i nudi femminili delle “nuove romane”. Importante è stato il decennale rapporto di Brogli con Renato Guttuso, del quale è stato aiuto in alcuni dipinti su tela e per i dipinti pubblici di Varese e di Messina. Afferma Brogli: “Ho lavorato su un immaginario preesistente, in dipinti che raccontano una Roma tra Sacro e Profano.

Le mie scelte stilistiche ed espressive sono caratterizzate da un figurativo a volte lirico” L’opening ha avuto anche la presenza della madrina della mostra la Principessa Jeanne Colonna. Elena Parmegiani, Direttore Eventi della Coffee House, ha accolto i numerosi ospiti della serata: il Principe Ascanio Colonna, le contesse Marina Pavoncelli e Federica Pecci, la marchesa Rossella Tino Antinori, lo scenografo Jean Paul Troili, Donna Paola Mainetti, le attrici Francesca Valtorta e Lara Almerico, gli attori Graziano Scarabicchi e Vincenzo Bocciarelli e lo stilista Vittorio Camaiani. Il cocktail è stato curato dalla La Maison di Bacco di Claudio Maltese e dalla Cantina Casata Mergè di Marco Mergè. Quest’ultima è una storica azienda familiare situata sulla cornice dei castelli romani. Una serata dedicata all’arte, al bello e alla valorizzazione della città eterna.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × due =