ANDREA MINGARDI: oggi esce il video del singolo “CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLL”

ANDREA MINGARDI

OGGI ESCE IL VIDEO DEL SINGOLO

“CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLL”

(https://youtu.be/hgmSfFQLh5Y)

IL BRANO CHE ANTICIPA IL NUOVO ALBUM DI INEDITI

“HO VISTO COSE CHE…

in uscita il 18 maggio

 

Da oggi, venerdì 11 maggio, è online il video del singolo “CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLLdi ANDREA MINGARDI. Il videoclip, girato da Roby Boribello, è disponibile al link: https://youtu.be/hgmSfFQLh5Y.

 

Il brano, che anticipa l’album di inediti “HO VISTO COSE CHE…in uscita il 18 maggio, è scritto dallo stesso Andrea Mingardi insieme a Maurizio Tirelli. Il singolo è attualmente in rotazione radiofonica e disponibile in digital download e sulle principali piattaforme streaming e arriva a distanza di 12 anni dall’ultimo inedito del cantautore. “CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLLè inoltre presente in “Maeba”, il nuovo disco di Mina, la più grande voce italiana di sempre, con cui il cantautore ha più volte collaborato e duettato nel corso degli anni.

Inoltre oggi Mingardi presenta il singolo “CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLL” e il disco “HO VISTO COSE CHE…” al Salone Internazionale del Libro a Torino(ore 16:00 – Sala Music ‘n’ Books).

 

«La doppia chiave di lettura di “CI VUOLE UN PO’ DI ROCK’N’ROLL” emerge anche dalle immagini di Roby Boribello – dice Mingardi – A distanza di tempo la rivoluzione musicale che ha sconvolto il mondo a metà degli anni ‘50 ha assunto significato che andrebbero benissimo anche nel presente. C’è la necessità di una scossa, di una sorta di elettroshock, che, svegliando le masse, dia nuovo impulso a un cambiamento impellente».

 

Andrea Mingardi nasce a Bologna, da padre bolognese e madre messinese. È una delle voci più importanti del panorama nazionale e vanta collaborazioni con artisti del calibro di Mina, Adriano Celentano, Lucio Dalla, Gianni Morandi, Ornella Vanoni, Stadio, Franco Califano, Josè Feliciano e Blues Brothers.

Inizia la sua carriera come cantante batterista di rock and roll nei Golden Rock Boys. Contemporaneamente, fa esperienza come cantante nella Rheno Jazz Gang. Incide il suo primo 45 giri, “No girls for me tonight”, insieme a Pupi Avati. Nel 1976 ottiene successo di vendite e critica con il long playing cult “Datemi della musica”, canzone che anni dopo verrà riproposta da Mina. Successivamente crea la band internazionale “Andrea Mingardi Supercircus”, con cui gira Italia e Europa. In seguito, compone canzoni dialettali ironiche, al limite del demenziale, con influenze musicali funky e blues. Nel 1984 partecipa a varie tappe del Festivalbar, compresa la finale all’Arena di Verona, con il brano “Un boa nella canoa”, che si rivela uno dei tormentoni di quell’estate. Nel 1988 partecipa alla realizzazione dell’album “Dalla/Morandi”. Scrive insieme a Lucio la versione italiana di “Time” di Tom Waits e con quella partecipa al Premio Tenco. Nel 1991, con la canzone “Caruso” vince la trasmissione televisiva Sapore di mare, in onda su Canale 5. Nel 1992 incide “Con un amico vicino”, in compagnia di Alessandro Bono e debutta al Festival di Sanremo. Nel 93’ presenta all’Ariston una delle sue canzoni più ispirate: “Sogno”. “Amare amare” e “Canto per te” sono le proposte di Mingardi per i Sanremo 1994-1998. Nel 1995 con una sua fantastica versione della “battistiana” “Io vivrò”, vince la trasmissione televisiva Mina contro Battisti. Nel 2000 pubblica “Ciao ragaz”, duettando con Guccini, Morandi, Carboni, Dalla, Bersani, Curreri e tanti altri. Un intervallo di tempo e Andrea ritorna al Festival della Canzone nel 2004 insieme ai mitici Blues Brothers con il brano “È la musica”. Questa joint li porterà a fare concerti in tutto il mondo. Nel 2006 duettando con Mina nel brano “Mogol e Battisti” (contenuta nell’album della Tigre di Cremona “Bau”), Mingardi inizierà con la grande cantante una collaborazione firmando ben otto brani nello stesso album. Appassionato da sempre di calcio, è fra i fondatori della Nazionale cantanti, squadra nella quale, tra ufficiali e amichevoli, gioca oltre cinquecento partite. Nell’estate 2011 scrive il brano “Gaetano e Giacinto” insieme a Gaetano Curreri, segnando la sua prima collaborazione con gli Stadio da sempre amici del cantautore. Dopo una prestigiosa presenza a Umbria Jazz e la realizzazione di uno straordinario CD, “Tribute to Ray Charles”, con la sua big band. Il 1° dicembre 2012 esce “Auguri auguri auguri”, album di Natale dell’artista, colonna sonora del film “Il peggior Natale della mia vita”. Mingardi compare anche come attore nel ruolo del padre del protagonista bissando il successo della “Peggior settimana della mia vita”.

 

 

Biografia

Andrea Mingardi nasce a Bologna, da padre bolognese e madre messinese. È una delle voci più importanti del panorama nazionale e vanta collaborazioni con artisti del calibro di Mina, Adriano Celentano, Lucio Dalla, Gianni Morandi, Ornella Vanoni, Stadio, Franco Califano, Josè Feliciano e Blues Brothers.

Inizia la sua carriera come cantante di rock and roll: già alla fine del 1959 è il leader dei “Golden Rock Boys”, che si esibiscono a Modena e che hanno, tra i loro brani, il rock blues Rosa rosa e rock’n’roll (canzone che, come si capisce dal titolo, parla delle difficoltà della scuola, e in particolar modo del latino). Il gruppo è costituito, oltre che da Mingardi (che canta e suona la batteria), dal bassista Beppe Federici, dal pianista Antonio Corsello e da Paolo Guarnera alla voce e al sax, che presto lascia il gruppo per entrare nei Gatti (dove suonano Francesco Guccini e Victor Sogliani).

Mingardi debutta con il 45 giri Lentement dans la nuit/Si je pouvais, nel 1962; nello stesso anno entra come cantante nella Rheno Jazz Gang (gruppo dove al clarinetto suona il futuro regista Pupi Avati), con cui incide il secondo disco sul lato B della versione di Ballata di una tromba, successo di Nini Rosso.

Crea diversi gruppi, lavorando intensamente in quelle che erano vere fucine di musica: le discoteche, ben diverse da quelle che conosceremo negli anni ’80 e nel 2000. Il suo gruppo, composto da Lauro Molinari, Giuseppe Martini e una bella squadra ben amalgamata, produce un ottimo Rithm & Blues, inserito in un repertorio vastissimo, dal quale sfuggivano pochissimi brani classici della grande musica americana, sino al twist. al rock, al beat.

Nel 1976 ottiene un discreto successo di vendite con la canzone Datemi della musica (anni dopo riproposta da Mina).

Crea il gruppo Andrea Mingardi Supercircus. Passa dunque a comporre canzoni in dialetto bolognese dal contenuto ironico e divertente, a volte al limite del demenziale, ma con influenze musicali decisamente funky e blues. Ad esempio, una delle sue canzoni più note al pubblico bolognese, A iò vest un marzian parla di un extraterrestre che torna sulla terra da un pianeta ipercivilizzato per respirare un po’ di aria buona e piangere mangiando cipolle.

Pus, del 1978, si può ascrivere appieno nel genere demenziale («Il papank e la mamank vanno in giro a dir che sono stank di avere un figlio punk che senz’altro una rotella gli mank.») Nel 1984 partecipa alle varie tappe del Festivalbar, compresa la finale all’Arena di Verona, con il brano Un boa nella canoa, prodotto dalla Cruisin’ Records e che si rivela essere uno dei tormentoni di quell’estate. Nel 1988 partecipa alla realizzazione dell’album Dalla/Morandi apparendo nell’album come corista. Nel 1991 vince con la canzone Caruso la trasmissione Sapore di mare (Mediaset-Canale 5)

Debutta al Festival di Sanremo nel 1992 con Con un amico vicino, in compagnia di Alessandro Bono. Segue una serie di nuove partecipazioni: nel 1993 con Sogno, nel 1994 con Amare amare, nel 1998 con Canto per te e nel 2004 con È la musica (insieme con la Blues Brothers Band). Nel 2006  duetta con Mina nel brano Mogol e Battisti (contenuta nell’album di lei Bau), che segna l’inizio della collaborazione di Mingardi come autore per la grande cantante (sua anche Amiche mai per il duetto Mina-Ornella Vanoni).

È fra i fondatori della Nazionale cantanti, e dal 2006 ne è vicepresidente. Nel 2009 ha fatto parte per alcuni mesi del Consiglio comunale di Bologna nella lista del Partito Democratico. Nell’estate 2011 scrive il brano Gaetano e Giacinto che segna la sua prima collaborazione in veste di autore per gli Stadio da sempre amici del cantautore.

È anche autore di vari libri che spaziano dall’umorismo al noir:

  1. 2000Ciao Ràgaz – il vocabolario. Manuale per la comprensione del dialetto vivo” (Uscito con l’omonimo cd)
  2. 2001Benéssum – alla ricerca dello stupore perduto errando fra dialetto e gergo a Bologna e dintorni” (Press Club Editore)
  3. 2007Permette un ballo, signorina?” (Mondadori Editore)
  4. 2008Socc’mel” (Pendragon Editore)
  5. 2008Un biglietto per l’aldilà – Legal thriller” (Pendragon Editore)
  6. 2012Al giorno d’oggi non c’è più il futuro di una volta. Riflessioni sul senso della vita, e oltre” (Pendragon Editore)
  7. 2016: “Vendetta di sangue” ( Centauria Editore)

Dall’anno 2000 è inoltre il direttore artistico del Festival delle Arti, manifestazione che premia giovani esordienti nei campi della musica, teatro, arti figurative, cabaret e danza.

Dal 2008 al 2011 conduce dei laboratori presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna.

Il 1° dicembre 2012 esce Auguri auguri auguri, album di Natale dell’artista, colonna sonora del film Il peggior Natale della mia vita, in cui Mingardi compare per la seconda volta come attore nel ruolo del padre del protagonista (il film è difatti il seguito di La peggior settimana della mia vita). Nel cd, pubblicato da Saifam (distr. Halidon), Andrea duetta con Rachele Amenta voce prodigio della trasmissione televisiva “IO CANTO” (Mediaset-Canale 5), programma condotto da Gerry Scotti; il disco contiene anche la title-track, canzone-inno per i 50 anni di Conad e sottofondo musicale agli spot tv della stessa, e ben 14 grandi brani natalizi riproposti da Mingardi in versione swing, con piglio da crooner, eseguiti con la The RossoBlues Brothers Band, formazione allargata di grandi musicisti diretta da Maurizio Tirelli.

www.facebook.com/AndreaMingardiOfficial

www.facebook.com/andrea.mingardi.73

www.instagram.com/mingardi_andrea

www.twitter.com/Andrea_Mingardi

Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza.
Allievo esperto di Kung Fu
Vito
Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza. Allievo esperto di Kung Fu

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 5 =