ARTI E MESTIERI NEI BORGHI LUCANI

Come l’artigianato diventa occasione di occupazione: se ne parla a Trend

Patrimonio, generazioni e sviluppo sostenibile sono questi alcuni concetti cardine intorno ai quali si è articolato un importante dibattito a cura del CRAB – Commissione Regionale per l’Artigianato di Basilicata nell’ambito delle iniziative di Trend Abaco per le generazioni.
Hanno dato il loro contributo Antonio Miele, presidente del Crab insieme ad alcuni componenti della Commissione. Presenti anche Prospero Cassino, presidente Confesercenti della provincia di Potenza e Rosa Solimeno di Confimi Industria Basilicata. Il tema centrale “Le arti e i mestieri dei borghi lucani come patrimonio per le generazioni e la promozione del territorio”.

Secondo quanto ha evidenziato Miele “il ruolo dell’artigianato nei piccoli centri lucani è una occasione strategica di sviluppo del territorio e di sostegno all’occupazione giovanile. Occorre – ha aggiunto – proporre politiche che vadano a sostegno delle aziende ed elaborare progetti mirati anche su aspetti sociali utili alla collettività”.
Per Prospero Cassino “il mondo globalizzato rappresenta una minaccia per le piccole e medie imprese. È altresì raccontata l’esperienza di ‘Pensiamo Basilicata’, una rete di associazioni che sviluppa l’importanza fondamentale del concetto di rete per una crescita sostenibile”. Proprio il concetto di rete è stato ripreso nell’intervento di Rosa Solimeno che ha detto che “in Basilicata manca la capacità di operare in rete, azione che renderebbe il turismo culturale un punto di forza del nostro territorio. In Basilicata – ha aggiunto – occorre coltivare quello che è possibile definire turismo esperenziale”.

In una regione che invecchia, diventa necessario formare le nuove generazioni il tramandare il ‘saper fare’, patrimonio che artigiani maturi possono trasmettere ai giovani. Pensiero ben sviluppato e in linea con le tematiche che la manifestazione Trend mette in campo. A tal proposito il presidente Miele ha raccontato il progetto di voler creare una scuola sperimentale che possa diventare un luogo di incontro per la formazione di nuovi artigiani.
Cassino ha stimolato in chiusura come sia auspicabile l’autoimpresa in Basilicata dato che viviamo i tempi in cui non esiste più il posto fisso.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × uno =