Coronavirus, in Cina 11 milioni di persone tornano in quarantena

Quando il peggio sembrava essere passato, la città di Harbin, capitale della provincia di Heilongjiang nella Cina nord-orientale, è ripiombata nell’incubo Coronavirus. E tutto a causa di una studentessa di 22 anni rientrata infetta, pur essendo asintomatica, da New York, che ha a sua volta contagiato almeno una settantina di persone, secondo quanto riportato dal quotidiano Daily Mail. Il rischio di una seconda, imminente e più letale ondata era troppo alto, così le autorità hanno deciso di mettere di nuovo in lockdown tutta la città, con i suoi undici milioni di abitanti, con misure che sono state definite draconiane per scongiurare nuovi casi. La ragazza, riporta la stampa locale, era rientrata alla fine di marzo dalla Grande Mela. Ha osservato i 14 giorni di quarantena previsti dalla legge e non ha mai manifestato sintomi. Proprio per questo, aveva poi partecipato ad un incontro nel suo quartiere insieme ad altre persone. È stato proprio in questa occasione, secondo le autorità, che il contagio si è diffuso. (FanPage)

Walter Nicoletti
Follow Me
Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + quindici =