Coronavirus: mancano camici, medici con sacchi plastica

Scarseggiano i camici idrorepellenti per i medici e gli infermieri del reparto Covid dell’ospedale Parini di Aosta tanto che, in assenza di alternative, i sanitari stanno utilizzando anche i sacchi di plastica per l’immondizia. 

E’ questa una delle emergenze su cui l’Usl della Valle d’Aosta e la Protezione civile regionale sta lavorando in queste ore, nell’ambito di un più generale problema di approvvigionamenti dei dispositivi di protezione individuale (Dpi). “Mancano i camici, – spiega il direttore sanitario dell’Usl, Pier Eugenio Nebiolo – se qualcuno è disponibile a costruirli da qualche parte noi siamo interessati a prenderli, ci stiamo ingegnando per riuscire a proteggere i nostri operatori, ci stiamo lavorando sopra, è una criticità, pensiamo ai nostri operatori che lavorano a contatto con questi malati e quindi dobbiamo proteggerli, altrimenti diventa poi difficile curare i pazienti”.

Quella dei camici, spiega ancora Nebiolo, “in questo momento è una carenza significativa perché le mascherine è più facile recuperarle e costruirle, i camici un po’ meno”.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 8 =