DA SHAOLIN A MATERA

Di  Raffaele Burgo

 

In qualsiasi direzione vai, vacci con tutto il cuore”. (Confucio)

Matera, la splendida città dei Sassi, Capitale Europea della Cultura 2019 e Shaolin, culla delle arti marziali, nella Regione dell’Henan, in Cina, hanno intrecciato le loro culture, le loro emozioni, il loro sapere, grazie al Maestro Rosario Antezza che, ormai da anni, svolge un meritorio lavoro atto a promuovere il Kung Fu Tradizionale nella sua forma più rispondente a quelli che sono i canoni trasmessi dagli antichi Insegnanti.

Le giornate dell’11 e del 12 febbraio 2017, Matera è diventata anche la capitale del Kung Fu, infatti il Maestro Antezza ha organizzato uno splendido stage tecnico alla presenza di Shifu Shi Yan Ti, Monaco Shaolin della 34^ generazione, prestigioso personaggio capace di trasmettere insegnamenti davvero profondi sia dal punto di vista “esterno” che “interno”.

La sua preparazione tecnica e spirituale ha permesso ad Istruttori e Maestri nel corso della prima giornata, e ad allievi nel corso della domenica, di avvicinarsi ancora più in profondità ad una disciplina splendida, capace di trasportarti in un mondo fatto di cultura, tecnica, filosofia e spiritualità.

Discepolo diretto del Venerabile Abate Shi YongXin, Shifu Shi Yan Ti è molto rispettato nel Tempio Shaolin, tanto da essere annoverato tra i monaci guerrieri e non si occupa soltanto della parte tecnica del Kung Fu, in quanto essendo uno spiritualista, spiega i princìpi fondamentali della filosofia Chan agli studenti interessati. Con questo egli desidera, non solo mantenere in vita la cultura Shaolin, ma anche contribuire ad un maggiore benessere, ad una migliore comprensione reciproca, alla felicità e alla pace nel mondo.

Durante tutto il seminario ha cercato di far comprendere ai partecipanti che l’aspetto fondamentale della pratica risiede nella mente; tutto è governato dalla nostra volontà, dalla nostra intenzione e non si può mai disgiungere tecnica, corpo, cuore e spirito. Soltanto così facendo si potrà comprendere appieno il vero Kung Fu Shaolin.

Shifu Shi Yan Ti ha tenuto con il fiato sospeso i numerosi partecipanti, attraverso la sua classe, il suo modo di insegnare chiaro e pulito, la cura del dettaglio, così come avviene nel mitico Tempio di Shaolin, la sua capacità di immedesimarsi nella tecnica, diventando egli stesso la tecnica.

E’ stato bellissimo vedere come tutti siano stati “abbracciati” da questo grande esperto in un afflato non soltanto tecnico ma anche spirituale, tanto che nel corso dello stage sembrava di praticare direttamente nel suggestivo luogo di nascita del Kung Fu, infatti Shi Yan Ti riusciva a tenere alta l’attenzione con il suo carisma e la sua professionalità.

Ad una nostra domanda su cosa pensasse del comportamento umano, ci ha risposto: “Ogni persona ha buoni semi e cattivi semi nella sua mente. Quelli a cui darà acqua saranno quelli che cresceranno. Sorridere sempre alle persone perché questa è l’acqua per buoni semi!

Sifu Rosario Antezza, visibilmente emozionato e commosso per la presenza del Maestro, lo ha coadiuvato con la sua solita umiltà e con la modestia che caratterizzano ogni sua azione.

Il lavoro che Antezza porta avanti ha dato i frutti sperati, infatti il Monaco Shi Yan Ti ha avuto parole di elogio, in quanto ha potuto apprezzare le qualità di Maestri ed allievi, segno di pratica seria e rispettosa della tradizione.

Lo stage è iniziato sabato mattina, riservato ai soli Maestri e si è svolto nella suggestiva e bellissima Scuola del Maestro Antezza; Shi Yan Ti ha iniziato subito con esercizi di riscaldamento, passando successivamente a tecniche fondamentali, curandone ogni dettaglio. Subito dopo ha insegnato una Tao Lu bellissima, spiegando ai Maestri presenti l’applicazione di ogni movimento, principalmente le tecniche di Qinna.

Nell’esporre i vari movimenti ha sottolineato come a Shaolin i veri Maestri facevano ripetere pochissime tecniche almeno per un anno prima di passare ad altro, proprio per fare assimilare al meglio i vari passaggi; Purtroppo, ha anche affermato come di Maestri davvero buoni ce ne siano pochi, soprattutto in Europa, dove ognuno travisa il Kung Fu e non ne segue le direttive tradizionali.

La domenica lo stage è stato aperto a tutti e, soprattutto, i bambini sono rimasti letteralmente catturati da Shi Yan Ti che, con modi simpatici ma molto seri, li ha fatti divertire ma sempre nel rispetto di quelli che sono i princìpi veri e profondi del Kung Fu.

Il lavoro si è incentrato sul Sanda ( Boxe Cinese) e sul Kung Fu Tradizionale.

Una massima Shaolin dice: “Chi desidera conoscere il sentiero tra le montagne, deve chiedere a coloro che l’hanno già percorso.” Ebbene, Shifu Shi Yan Ti ha messo a disposizione tutto il suo sapere per i partecipanti allo stage, affinchè comprendessero il “Tao”.

Senza uno specchio pulito una donna non può conoscere la situazione del suo viso; senza un vero Maestro l’uomo non può discernere gli errori nelle sue azioni.” ( antico proverbio cinese). Grazie agli insegnamenti del Maestro Antezza e grazie alla sua immensa apertura mentale, che gli permette di organizzate eventi sempre proiettati alla crescita dei suoi allievi, si può conoscere la vera pratica senza fronzoli ma nel rispetto delle regole ataviche.

Un plauso ai Maestri Francesco Viti, Carmine Padula, Vincenzo Raimondi e Giovanni Laperchia che, con grande umiltà, si sono sottoposti al durissimo lavoro cui li ha sottoposti Shi Yan Ti.

Al termine di queste due bellissime giornate, non possiamo che ringraziare il Maestro Rosario Antezza per aver dato a tutti la possibilità e la gioia di condividere momenti altamente qualificanti dal punto di vista tecnico, culturale e spirituale con il Monaco Shi Yan Ti, persona straordinaria anche dal punto di vista umano.

Auspichiamo di poter rivivere presto queste grandi emozioni.

Vito
Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza.
Allievo esperto di Kung Fu
Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − due =