Ed Sheeran: “La mia dipendeza da alcol e cibo”

Ed Sheeran aveva già rivelato in passato di soffrire di ansia e attacchi di panico, ma in una recente intervista a un convegno online che affronta la questione, il Hay House Chasing the Present Summit, ha parlato del suo periodo più nero, quando durante il tour di X, tra il 2014 e il 2015, era finito in un tunnel di alcol e cibo spazzatura da cui non riusciva più a vedere la luce:

“Ero in tour, stavo sveglio e bevevo tutta la notte. Dormivo sull’autobus il giorno, poi mi svegliavo e la sera mi esibivo sul palco. Bevevo di nuovo e tornavo sull’autobus. Non ho visto la luce del sole per circa quattro mesi”.

Il cantante di Perfect ha spiegato come la sua vita sia peggiorata in quella fase. “All’inizio era come essere in un parco giochi, è tutto rock ‘n’ roll e divertente. Poi inizia a diventare solo molto triste”. Al problema dell’alcol si è aggiunto quello del cibo spazzatura, che ha contribuito a peggiorare la sua salute mentale: “Mi chiamavano Two Dinner Teddy perché ordinavo due pasti. Se fai così, inizi a ingrassare e quindi a odiare il tuo aspetto. E diventi triste anche per quello”.

Ad aiutarlo a uscire da quella fase molto difficile è stata la moglie Cherry Seaborn, sposata in un matrimonio top secret. Grazie a lei Ed Sheeran è riuscito a trovare la via per uscire dalla sua dipendenza:

“Cherry si allena molto e ho iniziato a correre con lei. Mangia abbastanza sano e ho iniziato a mangiare abbastanza sano con lei. Non beve molto e quindi non bevevo neanche io. Penso che in quel momento tutto sia cambiato”.

Ed Sheeran infine ha aggiunto una riflessione su se stesso per fare capire come probabilmente si è ritrovato in quel buco nero: “Penso che cose come lo zucchero, le cose dolci, il cibo spazzatura, la cocaina, l’alcool, siano tutte cose che sul momento possono farti stare bene, ma sono la cosa peggiore per te. E penso che con la dipendenza sia molto difficile moderare, ma la moderazione è la chiave”.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + 19 =