Governo, Conte: “Buon clima di lavoro”

Il presidente del consiglio incaricato parla di “buon clima di lavoro” tra i due partiti che sono impegnati nella formazione del nuovo governo. Segnali positivi dalla trattativa tra M5s e Pd sul programma del nuovo governo guidato da Conte. E oggi potrebbe tenersi un nuovo vertice tra premier, Di Maio e Zingaretti per sciogliere il nodo vice. Grillo, intanto, spinge per l’intesa: “Abbiamo un’occasione unica; basta parlare di posti e punti, compattiamo i pensieri”. Zingaretti accoglie l’invito: “Mai dire mai: cambiamo tutto e rispettiamoci”. Salvini fa invece appello a Mattarella per un “governo coerente” e attacca: “A Roma c’è un mercato delle vacche che fa schifo”. Il leader della Lega torna ad attaccare il Pd: “Dica se vuole riaprire i porti e far ricominciare il business dell’immigrazione clandestina, lo dica agli italiani”.

Conte: “Buon clima tra Pd e M5S”

Il premier incaricato è intervenuto questa mattina in collegamento con la festa del ‘Fatto Quotidiano’ della Versiliana. Nei negoziati tra Pd e M5S per il nuovo governo c’è “un buon clima di lavoro”, le due forze politiche “sono entrambe predisposte per un progetto comune dedicato al Paese”, ha detto  Conte. “Sono convinto che anche Luigi Di Maio stia lavorando a questo progetto con entusiasmo”.

“Ministri? Priorità è il programma” Pubblicità

“Il tema dei ministri non e’ la massima premura in questo momento”, ora la priorita’ “e’ il programma e le linee strategiche. Poi inviterò le forze politiche che sostengono il governo a sedersi intorno a un tavolo e a darmi suggerimenti, non indicazioni secche ma aperte, in modo da potermi consentire di scegliere la migliore squadra. Che deve avere le migliori caratteristiche”, ha detto ancora il premier incaricato.  “Essere incensurato – ha aggiunto – non e’ una qualita’ per aspirare a governare il Paese, e’ una premessa indispensabile”.

Riserva sciolta entro mercoledì

Il premier incaricato completerà la squadra e scioglierà la riserva “tra martedì e mercoledì della prossima settimana”.  “Questo – ha detto – prevede il cronoprogramma”. “Spero di sciogliere la riserva positivamente”, ha aggiunto precisando che il programma a cui sta lavorando “non ha sensibilità rispettive che verranno confrontate, ma sarà un unico programma condiviso”.

Uno dei nodi da sciogliere è quello del vicepremier, con Di Maio che non intende rinunciare a questo ruolo. E’ Dario Franceschini a intervenire nella questione, riprendendo la proposta di Beppe Grillo:  “Per una volta Beppe Grillo è stato convincente. Una sfida così importante per il futuro di tutti non si blocca per un problema di “posti”. Serve generosità. Per riuscire ad andare avanti allora cominciamo a eliminare entrambi i posti da vicepremier”, ha scritto su Twitter. 

Una proposta che mette d’accordo tutto il Pd, con Zingaretti che twitta: “Un altro contributo del Pd per sbloccare la situazione e aiutare il Governo a decollare”. 

Marcucci: “Troveremo un ruolo per Di Maio”

Luigi Di Maio insiste per fare il vice premier nel nuovo governo M5s-Pd? “C’è un dato politico, ne sono consapevole”. “Se lo scoglio è questo bisogna trovare una soluzione, con responsabilità”, afferma in una intervista al Messaggero il capogruppo dem al Senato, Andrea Marcucci. “Non spetta a me deciderlo” ha aggiunto. Marcucci auspica a breve un vertice politico a tre Conte-Di Maio-Zingaretti, per sciogliere i nodi . “Mi auguro ci sia presto – ha detto – Sarà fondamentale”.

Renzi: “Se governo non sostiene PIL non avrà nostro sostegno”

Matteo Renzi ha avvertito che non sosterra’ un governo Pd-M5s che volesse colpire le imprese anziche’ impegnarsi per far crescere il Pil. “Non avete nulla da temere da un governo che nasce per evitare l’aumento dell’Iva e che abbassa lo spread”, ha detto l’ex premier rivolgendosi al mondo produttivo in un’intervista al Sole 24 Ore, “ma se qualcuno vi volesse far male, sappiate che non avra’ i numeri in Parlamento”.

“L’Italia rischia grosso”

“L’Italia rischia grosso”, ha avvertito il senatore dem,”la Brexit di Boris Johnson sara’ un disastro sia per il Regno Unito sia per l’Europa. La frenata tedesca rallentera’ la crescita anche nel nostro Nord Est. E in casa nostra il Pil oscilla tra lo zero e il negativo. E’ un passaggio delicato, e’ ora di finirla col teatrino dei bisticci: oggi si tira una linea di demarcazione”.  “Da un lato chi vuole il bene dell’Italia accetti il compromesso e faccia il Governo”, e’ l’auspicio di Renzi, “dall’altro chi pensa solo all’interesse di parte continui pure a chiedere ‘Elezioni’ sapendo che sarebbero una sciagura per la nostra economia”. “Salvini punta alle elezioni per bieco interesse ma il Parlamento non e’ il suo maggiordomo: ci sono delle regole e vanno rispettate. Si va a votare quando lo dice la Costituzione, non quando lo dice Instagram. Perche’ servire le istituzioni e’ una cosa seria, non e’ indossare la felpa della Polizia”.

Lega: “No ad esecutivi-truffa, Mattarella scelga le elezioni”

“Il presidente Mattarella scelga la via delle elezioni: restituire la parola agli italiani e’ l’unica via democratica rispettosa della volonta’ del popolo. No a governi truffa con l’obiettivo di estromettere la Lega, prima forza politica in Italia” cosi’ i capigruppo della Lega Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari.

L’appello di Grillo: “Occasione unica”

Ieri a scuotere il dibattito era arrivato un intervento video di Beppe Grillo alquanto duro dal titolo: “Sono esausto!”. Un intervento pungente, alla Beppe Grillo, che però è anche un’esortazione sia per il M5S che per il Pd a rendersi conto di quello che stanno vivendo e dell’opportunità politica che si trovano davanti. Il fondatore del M5S parla di scenari globali, chiede una visione più ampia dell’orizzonte quotidiano. Ragiona di urbanistica, trasporti, tecnologie e poi parte con l’affondo:  “Questa pena che vedo… questa mancanza di umorismo, di divertimento e anche di euforia” ed esorta: “Dovete sedervi a un tavolo ed essere euforici perché appartenente a questo momento straordinario di cambiamento” sottolineando : “Abbiamo da progettare il mondo, invece ci abbruttiamo, a parlare di scalette, di controscalette … Il posto, lo do a chi… i 10 punti, i 20 punti…”. Con veemenza Grillo dice: “Basta, basta, io mi rivolgo al Pd, alla base, ai ragazzi del Pd. Sarete contenti, è il vostro momento questo, abbiamo un’occasione unica, Dio mio, unica. E allora cerchiamo di ricompattare i pensieri, di sognare un attimo a dieci anni con la visione”.  “Voglio dell’euforia, voglio sentirvi simpatizzanti, voglio che capiate che questa è una nazione straordinaria con della gente meravigliosa, che magari sta lì in un angolo e non è capita”.  Esortando ancora “Abbiamo un’offerta di tecnologia immensa, dobbiamo decidere che tipo di società vogliamo” dice Beppe Grillo nel video registrato nella sua casa di Genova e pubblicato sul suo blog.  “Invece – annota – facciamo discussioni stupide”. “Veramente – domanda – non ci accorgiamo del momento storico straordinario che è questo, che c’è da riprogettare il mondo?”. Grillo ammonisce che “la politica deve scegliere che strada prendere” mentre “ci perdiamo in questa roba qui che non si riesce a capire…”. “Basta, sono esausto” e chiude il collegamento ma il messaggio è partito.

La sponda di Zingaretti

Immediata la risposta di Nicola Zingaretti, segretario del Pd via Twitter a quanto detto e criticato da parte di Grillo: “Caro Beppe Grillo, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci gli uni con gli altri”. 

(RaiNews)

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Walter Nicoletti

Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − dodici =