Il Pride Village saluta l’estate con una due giorni di cultura e spettacoli

Venerdì 11 e sabato 12 settembre si chiude ufficialmente la XIII edizione del Pride Village, il più grande Festival LGBT+ d’ Italia. Sabato sera gran finale di stagione con Selvaggia Lucarelli.

Con gli ultimi scampoli dell’estate giunge a conclusione anche la XIII edizione del Pride Villageil più grande festival LGBT+ d’Italia che, dalla sua apertura il primo di luglio ha portato alla Fiera di Padova un ricco programma di musica, concerti ed eventi culturali all’insegna del divertimento e dell’affermazione dei diritti civili.

Per il Gran Finale, il Village ha voluto organizzare una due giorni di cultura e divertimento per poter salutare i propri ospiti e dar loro appuntamento alla XIV edizione nel 2021. Venerdì sera ospiterà un dibattito dedicato al rapporto tra Chiesa e omosessualità che vedrà protagonisti il giornalista Luciano Moia di AvvenireMonsignor Giampaolo Dianin,Rettore del Seminario Vescovile di Padova e Francesco Lepore, collaboratore de Linkiesta.it. Sabato sera ospiti della kermesse saranno lo scrittore Filippo Forte e la giornalista più temuta del web italiano: Selvaggia Lucarelli.

Tutte e due le sere, inoltre, il pubblico sarà intrattenuto dalla musica di Radio Wow che, con la conduzione di Giusva Iannitelli e della squadra di speaker diretti da Stefano Mattara, trasmetterà non solo all’interno del Boulevard ma anche sulle frequenze FM dell’emittente del gruppo Sphera Holding. Potrà inoltre assistere al Dinner Showoltre venti spettacoli a sera, ideati dal direttore artistico del Festival Lorenzo Bosio e portati sul palco da tutta l’animazione del Festival.

Cos’è l’omosessualità per la Chiesa di oggi? Chi sono le persone omosessuali? Quale conoscenza dei loro sentimenti e della loro esperienza di vita? Per aprire una riflessione su queste domande, il Pride Village, il più grande Festival LGBT Italiano,ha voluto organizzare un incontro che venerdì 11 settembre vedrà protagonisti Luciano Moia, caporedattore di Noi famiglia & vita, mensile di Avvenire dedicato alla famiglia e Monsignor Giampaolo DianinTeologo Morale e Rettore del Seminario Vescovile di Padova. Punto di partenza del dibattito, moderato dal giornalista Francesco Lepore, collaboratore de Linkiesta.it, è la recente pubblicazione di Luciano Moia “Chiesa e omosessualità. Un’inchiesta alla luce del magistero di papa Francesco” edito dalle Edizioni San Paolo (2020) con la prefazione del Cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo metropolita di Bologna.

«Ci tengo subito a precisare che non è un libro che vuole dare delle ricette o arrivare a delle conclusioni definitive. – sottolinea Luciano Moia – Il testo nasce dalla volontà di dare seguito alle indicazioni di Papa Francesco contenute nell’Esortazione apostolica post-sinodale “Amoris laetitia”, nella quale il Santo Padre invita a non discriminare nessuna persona sulla base dell’orientamento sessuale e ci spiega che anche le persone con tale orientamento hanno diritto di ricevere dalla Chiesa l’accoglienza e un accompagnamento per scoprire quello che Dio chiede loro nella vitaDa qui è nata l’esigenza di capire a che punto è la Pastorale per le persone omosessuali nelle nostre comunità. L’obbiettivo, dunque, è comprendere dalla voce di chi ha affrontato in maniera approfondita questo tema, qual è lo stato delle cose»

“Chiesa e omosessualità” raccoglie dunque una quindicina di interviste, realizzate tra l’autunno 2018 e l’autunno 2019 e pubblicate poi sul mensile di Avvenire, che hanno coinvolto teologi, studiosi di scienze umane e operatori pastorali.

«Il libro vuole essere un punto di partenza. – conclude Moia – Uno spunto di riflessione su quali aspetti dobbiamo ancora camminare perché anche in questo campo la Chiesa sia l’esperta in umanità e in amore che vuole essere».

[Ingresso gratuito fino alle 21.00, poi 5€].

Sabato 12 settembre, per chiudere la propria XIII edizione il Pride Village ha voluto al suo fianco, la scrittrice e giornalista più temuta del web italiano: Selvaggia Lucarelli. Dai propri profili social e sulle pagine del Fatto Quotidiano Selvaggia Lucarelli disserta di politica, media, costume e società. Scrittrice per Rizzoli, da gennaio 2020 è responsabile cronaca e spettacoli per TPI. La sua forte capacità comunicativa l’ha portata a frequenti collaborazioni radiofoniche e televisive, nel ruolo di opinionista, conduttrice o giudice.
Quella al Village sarà una serata-evento, organizzata in collaborazione con Future Vintage Festival, che la vedrà protagonista prima di riprendere la sua carriera di successo: quest’anno sarà a Ballando con le stelle e Piazza Pulita e dal 21 settembre condurrà Ore 9 su Radio Capital.

La serata sarà occasione anche per la presentazione del libro “U ≠ U. Il peso del passato”, esordio al romanzo di Filippo Forte (LINEA Edizioni 2020), nel quale, attraverso pagine intense, recupera la centralità dell’uomo e dei suoi sentimenti, dando voce alle tante persone incontrate durante il suo percorso, alle loro esperienze, ai loro turbamenti interiori e difficoltà. “Romanzo sull’amore, romanzo dell’amore”, come lo definisce la psicologa e scrittrice Vera Slepoj nell’introduzione, “U ≠ U” è un doloroso affresco sulla fatica di essere se stessi, nell’incrocio subdolo delle suggestioni, una sorta di canovaccio tutt’altro che visionario sulla realtà delle relazioni.

Il saluto di tutto lo staff del Village, che in questi mesi ha contribuito a rendere unica anche questa strana estate, saluterà il pubblico dando appuntamento al 2021.

[Ingresso 10 € dalle 19.00].

[LA SICUREZZA] Il Pride Village ha adeguato le proprie norme di sicurezza in ottemperanza all’ordinanza del Ministero della Salute del 16 agosto 2020 e ha elaborato con le autorità preposte un piano di straordinario anti Covid per garantire la completa sicurezza dei propri ospiti. Gli accessi al Festival, che quest’anno si svolge esclusivamente all’aperto in un’area esterna di 10.000 metri quadrati, sono controllati e accessibili solamente previa misurazione della temperatura corporea. È previsto l’obbligo della mascherina.

Non è possibile consumare direttamente al banco, una volta ricevuta la propria ordinazione. L’intera area viene sanificata periodicamente e i bagni igienizzati continuamente con un presidio fisso. All’ingresso e in prossimità di ogni bar e ristorante è disponibile, inoltre, il disinfettante per le mani. Oltre agli uomini della security, l’organizzazione ha coinvolto quest’anno un gruppo di volontarie e volontari che aiuteranno il pubblico ad attenersi al comportamento corretto. Nelle serate dove prevista una maggiore affluenza è presente la Croce Bianca di Vicenza.

Il Festival è organizzato con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di PadovaPartner sono AnimaFlexobitHOUSEwebMedia partnerRadio Wow.

Per informazioni
www.padovapridevillage.it

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 13 =