Abbiamo intervistato il famoso Dj e Produttore francese Klingande. Di seguito l’intervista per voi lettori! (di Michele Valente)

 

Ciao Cedric, grazie per essere ospite di Voce Spettacolo. Sei uno dei produttori più talentuosi del momento in Europa, ci dici come hai iniziato a fare il dj e produrre la tua musica?

 

Hey, grazie per le gentili parole J Ho cominciato molto semplicemente, come tanti ragazzini, nella mia cameretta. Ero a casa dei miei genitori e fui fortunato a ricevere in regalo per Natale la mia prima consolle. Ho cominciato così a fare il dj e da subito ho voluto suonare la mia musica. Ciò mi ha portato a produrre ed è così che ho iniziato.

 

 

Dalla tua biografia viene fuori che hai avuto diverse influenze dalla Svezia e dai produttori svedesi, cosa ti attrae maggiormente del loro modo di comporre musica elettronica?

 

 

E’ stata una sensazione, la progressive house, pop house che personaggi come Axwell, Ingrosso, Angello, Eric Prydz o Avicii hanno creato. Mi ha davvero colpito ed ispirato. Questo è ciò che suonavo come dj in passato, ed è stato normale che queste musiche mi abbiano ispirato. Credo stia seguendo un certo percorso, tra l’elettronica e la musica pop.

 

Sei originario di Croix in Francia, Sembra che il tuo paese continui a produrre nuovi talenti, specialmente nel panorama della musica house. Sembra che sia uno dei pochi ambienti musicali, in grado di competere con la recente esplosione della musica elettronica nel nord Europa. Che ne pensi?

 

E’ divertente perchè quando siamo tra francesi, diciamo sempre che molti talenti vengono dalla Francia ma molti di loro non sono così famosi in Francia. C’è un paradosso tra quello che la cultura di massa vuole ascoltare ed il “tocco francese” che gli artisti hanno da offrire, ed il loro successo fuori dalla Francia. E’ davvero speciale.

Certo che gli artisti francesi possono competere con la musica elettronica del nord Europa, conosciamo la famosa house Olandese da tempo, la musica elettronica è stata forte in Svezia con tanti artisti, come detto prima. Si tratta solo di una continuazione e tutti i posti portano diversi artisti e culture. E questo mi piace.

  

 

Il tuo singolo “Jubel” è stato un grosso successo, che ha scalato la vetta delle classifiche in Italia, Belgio, Regno Unito, Germania e molte altre nazioni. Com’è stato aver raggiunto un tale grande successo nell’ultimo anno? Com’è cambiata la tua vita?

 

 

Suprattutto la mia vita è cambiata. Sono single adesso, sono sempre in viaggio, mi mancano i miei amici e le feste dei weekend con loro. Mi manca anche la mia famiglia. E’ stata un’esplosione improvvisa e non ne ero preparato. Ho dovuto imparare un nuovo modo di vivere, in modo brutale. Non è stato facile ma ora mi piace e mi sto adattando a questo nuovo modo di vivere.

 

 

Hai viaggiato molto in Europa ed hai anche studiato musica a Londra. Quant’è importante avere conoscenza della musica in generale con tutte le sue declinazioni nel tuo lavoro?

 

Come produttore, penso che globalmente si debba conoscere abbastanza di storia della musica, di teoria, delle tecniche e di tutti gli strumenti a disposizione. Non sono un musicista perfetto ma mi piace suonare con tutti gli strumenti di cui mi circondo. Devi solo avere delle basi in molti ambiti per essere in grado di produrre musica in maniera efficace.

  

 

Oggigiorno per essere “seguiti”, specialmente per artisti come te, I social network sono un must ed anche una grossa opportunità per avere nuovi fans e far saper loro di te. Che rapporto hai con I tuoi fans? Ti piace interagire con loro?

 

E’ molto difficile, c’è Instagram, twitter, snapchat, facebook…devo ammettere che non riesco ad interagire con tutti. Cerco di rimanere in contatto con I fans, soprattutto su Instagram e twitter. Non ho molti rapporti diretti con loro a livello sociale perchè non ho abbastanza tempo. Ma quando li incontro da qualche parte in un mio show, trascorro sempre del tempo con I fans, faccio foto ecc. E’ molto importante per me essere disponibile per I miei fans.

 

 

 

Il tuo nuovo singolo “Riva” (Restart the game) è appena uscito e sembra essere un lavoro molto promettente, Cosa ti ha ispirato per questa nuova canzone?

 

In realtà ho cominciato dal mio lavoro con Broken Back. Abbiamo davvero lavorato a questo insieme. Eravamo a casa mia ed abbiamo cominciato con alcune idee. Ci abbiamo costruito tutto attorno. Lavoravo alla parte con il violino, ma il mio manager mi ha suggerito in vece l’armonica ed è stata una grande idea. J Abbiamo registrato nuove parti con l’armonica con Greg Zlap ed abbiamo realizzato il pezzo finale.

 

  

Su cosa stai lavorando al momento e quali sono i tuoi programmi per il futuro ?

 

Sto lavorando su un remix per Parov Stelar e 2 nuovi pezzi originali. Mi fermerò per i miei tour alla fine dell’anno per finire il moi primo album…

 

 

Grazie Cèdric per il tuo tempo. Voce Spettacolo ti augura il meglio per il tuo futuro e per la tua carriera.

 

Grazie !

———————————————————————————————————————–

 

ENGLISH VERSION

 

Hi Cédric, thanks for being our guest of VOCE SPETTACOLO. You are one of the most talented house producer of the moment in Europe, can you tell us how you started djing and producing your music ?

 

Hey! Thanks for these kind words J I started very simply, like a lot of young guys, in my room. I was at my parents house, and I was lucky enough to get my first decks on a Christmas. I started Djing like this and quickly I wanted to play my own music. That’s what brought me to producing and how I started it.

 

 

From your biography it comes up you had quite a lot of influence from Sweden ad Swedish producers, what attracts you most of their way of compose electronic music?

 

  

It was a feeling, this progressive house, pop house, that guys like Axwell, Ingrosso, Angelo, Eric Prydz or Avicii created. It really touched me, and inspired me. This is what I was playing as a DJ in the past, and it was normal that this melodies inspired me. I guess I’m following a certain path, a crossover between electronic and pop music.

 

  

You’re from Croix, France. It looks France continues to release always new talents, expecially within the House music soundscape. It looks is one of the few music environments, able to compete with the recent explosion of the Electronic music in the north Europe. What do you think about this?

 

It’s actually funny because when we are with french guys, we always say that a lot of Talents come from France, but most of them are not very famous in France. There is a paradox here, between what mass culture wants and listen, and what the “french touch” artists have to offer, and their success outside France. It’s really special.

Of course french artists are able to compete with this electronic music from north Europe. But I’m not sure there is an explosion of Electronic music in north Europe, we know the famous Dutch house since long, electronic music was strong in Sweden as we said with a lot of artists. It’s just a continuation and each territory bring different artists and different cultures. That’s what I like.

 

 

Your single “Jubel” was a great success, climbing the peak of the hits charts in Italy, Belgium, Uk, Sweden, Germany and lots of other countries. How does it sound to have gained such a big success within the last year? How’s your life changed?

 

Mostly my personal life changed. I’m single now, always travelling, missing my friends and parties every weekend with them. I miss my family too. It was a sudden explosion and I was not prepared for it. I had to learn a new way of life, in a rough way. It was not easy but I love it now and I’m stabilizing this new life now.

 

  

You’ve been travelling a lot in Europe and have also studied music in London. How important is to have knowledge of music in general and all its declinations in your work?

 

As a producer, I think you have to know globally a lot about music history, theory and all technics and new stuff you can have. I’m not a perfect musician, but I love to play with all instruments I records around me. You just have to know some basics in a lot of things, to be able to produce music correctly.

 

 

Nowadays in order to be “followed”, expecially for artists like you, social networks are a must and also a big opportunity to gain new fans and let them know about yourselves. What’s the relationship your have with your fans? Do you like interacting with them?

 

It’s really difficult, there is instagram, twitter, snapchat, facebook… I have to admit I can’t interact on all of them. I try to stay in touch with fans mostly on Instagram and Twitter. I don’t have too much relationship with them on socials because I don’t have enough time. But once I meet them somewhere on a show, I always spend some time with fans, take pictures etc. It’s really important for me to be available for my fans.

 

 

Your new single “Riva” (Restart the Game) has just been released and it looks like it’s going to be a very promising gig. What inspired you for this new song?

 

 

Actually I started from my work with Broken Back. We really worked this together. We were at my home and he started some ideas. We built everything around it. I was working on a violin part, but my manager suggested Harmonica and it happened that it was a great idea J We recorded new parts of harmonica with Greg Zlap and we had the finish track.

 

 

What are you working at the moment and what are your plans for the future ?

 

I’m working on a remix for Parov Stelar and 2 new original tracks. I’ll stop touring at the end of the year, to finish my first album…

 

 

 

Thanks Cèdric for your time. Voce Spettacolo wishes you the best for your future and career.

Thank you !

 

———————————————————————————————————————–

 

 

Follow Me

Michele Valente

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.
Michele Valente
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 3 =