Interview with Dj and Producer SEAMUS HAJI

s5

Il nostro redattore Michele Valente ha intervistato il celebre Seamus Haji, Dj e Producer internazionale. Di seguito l’intervista esclusiva per voi lettori!

 

Ciao Seamus! Cominciamo dai tuoi inizi..qual è stato il tuo primo contatto con la musica in generale e qual è stata la maggior fonte d’ispirazione nella tua scelta di comporre, remixare e produrre musica House?

Nel 1982 l’esplosione dell’hip hop nel Regno Unito fu l’introduzione della musica dance. E’ stato fantastico! Tutti provavano la body pop e la breakdance ed anch’io, ma mi interessai più alla musica e all’arte di mixare e scratchare ovvero ciò a cui poi mi sono dedicato. Da subito mi interessai al soul & funk ed iniziai a fare il dj, poi la musica house arrivò con forza nel Regno Unito alcuni anni dopo ed io non mi sono più guardato indietro. La Soul si era lasciata indietro lo swing beat e la hip hop era meno divertente, l’House era la nuova musica dance. Manteneva elementi soul, funk, disco, jazz.. tutto quello con cui ero cresciuto. In qual periodo lavoravo a Soho (Londra) in un negozio di dischi specializzato ed ho incontrato gente che produceva musica ed aveva uno studio e io volevo provare…è stata una naturale progressione.

Secondo te quanto sono importanti le connessioni nel settore con altri artisti per migliorarsi e capire i cambiamenti della musica house, le sue inclinazioni e nuove tendenze?

Penso che ci si può tenere aggiornati con le nuove tendenze nella musica, mantenendo aperte le orecchie ma è anche utile essere in contatto con altri artisti, naturalmente. Molte volte la gente fa ascoltare pezzi ai colleghi per avere opinioni prima di pubblicizzarli, quindi si possono sentire piccoli cambiamenti andando avanti ed ascoltare dei pezzi prima che siano sul mercato. Penso sia giusto essere connessi e non vivere in una bolla ma altri potranno non essere d’accordo.

Qual è stata la tua esperienza professionale più gratificante?

Ce ne sono state diverse…avendo avuto come eroe da piccolo Tony Humphries, direi il pezzo Break my Sonz of Souls “Race Of Survival” in acetato un anno prima che fosse pubblicato nel 1993/94, suonare il mio primo set nel floor principale del Ministry Of Sound nel 1996, approdare al ruolo di promotore/A&R manager alla Defected nel 1999, il mio remix per Bootyluv “Boogie 2Nite” arrivato al numero 2 della classifica nazionale in UK nel ’96 e poi raggiungere la top 15 con il remake di “Last Night a Dj Saved my Life” nel 1997.

Comunicare con la musica spesso significa avere una forte motivazione personale di sapersi esprimere. Cosa ne pensi?

Sono sempre stato creativo. A scuola sono sempre stato portato per l’arte e stavo per iniziare una carriera come graphic Designer ma ero distratto dalla musica. Bisogna essere motivati!

Quanto è importante avere conoscenza della musica in generale e tutte le sue declinazioni nel tuo lavoro?

Non saprei. Ero solito pensare che bisogna conoscere la storia dietro tutto per cui personalmente mi è sempre piaciuto ricercare le origini, ma al giorno d’oggi non so se ha più importanza. Qualche ragazzino ascolta della roba online e butta giù un pezzo nella sua stanza che potrebbe segnare una nuova tendenza. Bisogna fare quello che è giusto per te e lo dico in maniera diretta, a me piace sapere la storia che c’è dietro le cose. La chiave è avere la mente aperta!

Che ne pensi della recente esplosione nel nord Europa della musica EDM? Sembra una formula di successo. Qual è la tua opinione a riguardo?

Mi piaceva qualcosa all’inizio, prima che fosse etichettata come EDM ma ora penso sia andata troppo lontano per i miei gusti. Sebbene, la cosa buona è che ha riportato l’America alla dance, il che non accadeva dai tempi della disco negli anni ’70 per cui apre le porte all’emergere di altri stili quando il pubblico sarà un po’ più maturo e magari un po’ stanco della cosiddetta EDM.

C’è qualche consiglio o suggerimento che vuoi dare ai nuovi Dj e dilettanti?

Si. Imparate la vostra arte. Fate un corso di musica o qualcosa del genere. Imparate come programmare e produrre al meglio delle vostre capacità e se possibile provate ed imparate a suonare la tastiera in qualche misura o almeno abbiate un’idea della teoria nella musica…questa è la chiave. Guardandomi indietro mi sarebbe piaciuto farlo 20 anni fa. Fare musica e fare i Dj si curano da sé. I tempi sono cambiati da quando ho cominciato. Gira tutto attorno al produrre musica, farsi un nome e sviluppare i propri dj set attorno alla propria musica e tutto ciò che ricade nella categoria.

Quali sono i tuoi programmi e progetti futuri?

Ho introdotto il nuovo nickname Allusion per progetti un pò più profondi per la mia etichetta Big Love ed ho pubblicato 2 EP fino ad ora e stiamo lavorando su alcuni remix per la traccia vocale “Think About Me”. Sto anche per “rivitalizzare” Haji & Emanuel’s “Take me Away”, sempre come Allusion. Faccio sempre molti remix come Seamus Haji… ne ho appena fatto uno per un grande duo di NY, Lion Babe, prodotto da Pharrell Williams per cui sono molto eccitato. Sto lavorando anche per un nuovo singolo come Seamus Haji.

La redazione di Voce Spettacolo ti ringrazia per il tuo tempo e ti augura il meglio per la tua vita e carriera.

 

ENGLISH VERSION

 

Hello Seamus! let’s start from the beginning…what was your first contact with music in general and what was the main influence on your choice to compose, remix and produce House music?

The 1982 hip hop in the UK explosion was introduction to dance music. It was amazing! Everyone was trying ro body pop & breakdance including me but I became more drawn towards the music and the art of mixing & scratching which I pursued. I soon got into soul & funk and started DJ’ing and then house muisc hit the UK in a big way a few years later. Then there was no looking back for me. Soul music had gone the swing beat route and hip hop had beocome less fun and house music was THE new dance music. It contained elements of soul, funk, disco, jazz.. all the muisc I’d grown up on. By this time I was working in specialist record shops in Soho and I met people who produced music & had studios and I wanted to try it out…it was a natural progression.

According to you, how important are connections in the industry with other artists in order to improve yourselves and understanding the change of House music inclinations and trends?

I think you can keep up with new trends in music but keeping your ears open but it’s also good to be in touch with other artists of course. A lot of the time people will run stuff by their peers for comments before they release it, so you can hear subtle changes going on and hear stuff before it’s on the market. I think it’s good to be connected and not live in bubble, but others may disagree.

What was you most gratifying professional experience?

There’s been a few….having childhood hero Tony Humphries Break my Sonz Of Soul track “Race Of Survival” on acetate for a year before it was released in 1993/94, playing my first set in the main room of the Ministry Of Sound in 1996, landing the role of promotions/A&R manager role at Defected in 1999, my remix for Bootyluv “Boogie 2Nite” reaching number 2 in the UK national charts in 96 and then having a top 15 hit with my ‘Last Night A DJ Saved My Life” re-make in 1997.

Communicating with music ofter means to have a very strong inner and personal motivation to express oneself. What do you think about this?

I’ve always been creative. At schoool I was always really good at art and I was going to pursue a career in graphic design but I was distracted by music. You need to be driven!

How important is to have knowledge of music in general and all its declinations in your work?

I don’t know. I used to think you really needed to know the history behind it all so persoanlly I’ve always liked to research the roots but I don’t know if it matters these days. Some young kid might hear some stuff online and knock up a track in his bedroom which could set a new trend. You have to do what’s right for you and I’m very through and I love learning the history behind stuff. The key is to be open-minded!

What do you think about the recent explosion in the north of Europe of the EDM? It looks it is a very successful formula. What’s your opinion about this?

I liked some of the early stuff before it was being called EDM but now I feel it’s gone to far for my tastebuds. The good thing though is that it got America into dance music again which hasn’t happened since the disco era in the 70’s so it opens the doors to other styles to emerge & grow once the audience matures a little and grows tired of so called EDM.

Is there any advice or suggestions you might want to give to new Djs and beginners?

Yes. Learn your craft. Do a music course of some sort. Learn how to programme & produce to your best abilities and if possible try & learn how to play keyboards to some extent or at least have an idea about music theory..this is the key. Looking back I wish I’d done this 20 years ago. Make music and the Dj’ing will take care of itself. Times have changed from when I started out. It’s all about making muisc, building a name for yourself & developing your DJ sets around your own music and others that falls into that category.

What are your plans and projects for the future?

I’ve started a new moniker Allusion for slightly deeper projects on my Big Love label and released 2 Eps so far and we’re working on some remixes for a vocal track called “Think About Me”. I’m going to re-vive Haji & Emanuel’s “Take me Away” too as Allusion. I’m still doing a lot of remixes as Seamus Haji..just did one for a hot new NYC duo Lion Babe produced by Pharrell Williams which I’m excited about. I’m also working on a new Seamus Haji single.

The whole staff of Voce Spettacolo would like to thank you for your time wishes you all the best for your career and life.

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Walter Nicoletti

Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =