di Michele Valente.

Ciao Danny e Arthur (Bobby e Miki 🙂), grazie per essere ospiti di Voce Spettacolo. Nel panorama house siete tra gli artisti più interessanti e consistenti. Come avete iniziato a fare i dj e produrre la vostra musica?

 

(Danny) Personalmente avevo lavorato nei negozi di dischi fin da piccolo e sono sempre stato un fan di tutta la musica…di qualsiasi genere. Ho voluto provare a produrre la musica di cui mi circondavo. La scena Rave era appena cominciata nel Regno Unito ed avevo alcune idee per dei pezzi. Avevo incontrato alcuni ragazzi che avevano uno studio di produzione (il che era molto necessario per noi) ed ho iniziato ad imparare come metter giù le mie idee.

 

Da dove prendete il vostro stile musicale e cosa più v’ispira oggigiorno?

 

Sono cresciuto in una casa circondata dalla musica. I miei genitori e mio fratello maggiore avevano una bella collezione di dischi…la casa era piena di canzoni di Sarah Vaughan, Tony Bennett, Stevie Wonder e Steely Dan. Moto Blanco ha sempre incluso il piano come strumento, corde e chitarre…proprio quel sound Disco con cui eravamo cresciuti e che avevamo imparato ad apprezzare.

 

 

Avete lavorato e remixato grossi artisti come Missy Elliot, Kylie Minogue, George Michael, Mary J. Blige, Robbie Williams, Diana Ross, Fatboy Slim, Rihanna, Pet Shop Boys, Lionel Ritchie e molti altri. Quant’è importante avere una mentalità aperta ed avere buone connessioni nel vostro lavoro?

 

Le connessioni sono molto importanti, esser conosciuti come un team che produce un certo tipo di sound ci ha aiutati con molte etichette nel mondo. Ma alcuni pezzi non contraddistinguono il nostro stile, di solito abbiamo bisogno di qualcosa di melodico per lavorarci su. Come ad esempio i remix di Leona Lewis “Bleeding Love” oppure Mary J. Blige “Be without you”…questi pezzi sono canzoni in origine ma volevamo portarle ad essere ballate.

 

 

Siete del sud di Londra, come considerate l’ambiente house di Londra e del Regno Unito nel settore, in confronto all’America oppure ad altre espressioni della musica dance del Nord Europa o altre Nazioni oggi?

 

Il Regno Unito ha sempre avuto una forte cultura dei Club ma lo si può dire di molti paesi oggigiorno…la musica sta esplodendo velocemente in tutto il mondo.

 

Oggigiorno è più facile diffondere musica e soprattutto musica dance, grazie ai tanti siti costruiti ad-hoc, che promuovono artisti ed i loro pezzi ed anche grazie ai social network. Cosa ne pensate di questo in confronto a ciò che succedeva in passato?

 

Con Internet adesso, un sound oppure un certo tipo di scena, diciamo ad esempio Londra o New York possono letteralmente esplodere in una notte…il mondo è diventato un posto piccolo. C’è così tanta musica nel mondo ed è accessibile a tutti oggi. Ogni stile sembra riscoprirsi oggi nuovamente, dando vita ad un nuovo genere.

 

 

 

Quant’è importante avere conoscenza della musica in generale e tutte le sue declinazioni nel vostro lavoro?

 

E’ molto importante…fare i “compiti”. Rimango ancora affascinato quando suono un grosso pezzo del passato e qualcuno prova a trovarlo su Shazam o mi chiede chi è l’artista. Non è tutto quindi solo parlare di nuovi pezzi musicali…c’è tanto da riproporre e riscoprire, prova solo a passare una nottata su youtube, haha..

 

 

Quale credete sia la vostra esperienza professionale piĂą gratificante?

 

Fare ballare la gente…semplicemente. Non c’è nulla di meglio di riempire un locale pieno di gente felice.

 

 

Ci potete anticipare qualcosa a proposito dei vostri programmi e progetti futuri?

 

Stiamo lavorando su una nuova produzione Moto Blanco e coinvolgeremo…lo spero, una gran vocalist femminile di cui tutti noi siamo fan…ma non possiamo dirvi chi è ancora..

 

 

Ragazzi, grazie mille per il vostro tempo. Voce Spettacolo vi augura il meglio per la vostra vita e carriera, spero rimarremo in contatto!

 

english_flag

Hi Danny and Arthur (Bobby and Miki J), thanks for being our guest on Voce Spettacolo. You’re one of the House music world’s most exciting and consistent artists. Can you tell us how you started djing and production?

 

 

I had worked in record shops from a young age and was always a fan of music….. any music. I wanted to create the music I was into. The Rave scene had just started in the UK and I had a few ideas for tracks. I’d met a few guys with studios (which you needed in those days) and began learning how to gets those ideas down.

 

Where did you get your music style influence from and what most inspires you, nowadays?

 

I grew up in a house surrounded by music. My parents and older brother had great record collections… the house was always full of the sounds of Sarah Vaughan, Tony Bennett, Stevie Wonder and Steely Dan. Moto Blanco was always about the piano, strings & guitars…. that Disco sound that we grew up on and loved.

 

 

You’ve worked and remixed big artist like Missy Elliot, Kylie Minogue, George Michael, Mary J. Blige, Robbie Williams, Diana Ross, Fatboy Slim, Rihanna, Pet Shop Boys, Lionel Ritchie and so many others. How important is to be open minded and have good connections in your job?

 

Connections are very important, being known as a team that can deliver a certain sound has helped us with many labels around the world. But some songs will not fit our style, we need something musical to work with. Like with the Leona Lewis “Bleeding Love” & Mary J Blige “Be without you” remixes… those songs are originally ballads but we wanted to take them onto the dance floor.

 

 

You are from south London, how do you consider London and Uk House music environment in the industry, compared to Us or the other expressions of dance music in the north Europe, or other countries nowadays?

 

The UK has always had a healthy club culture but I think you can say that about most places these days…. music is exploding fast all around the world.

 

 

Nowadays it’s much easier to broadcast and diffuse music and most of all dance music thanks to many ad-hoc built websites, promoting artists and their tunes and also thanks to the social networks. What do you think about this, also comparing it to the past?

 

With the internet now a sound or a scene in say London or New York can blow up literally over night….. the world is a small place now. So much music around the world is accessible now. And each style seems to meet now and again and a new genre will be born.

 

 

How important is to have knowledge of music in general and all its declinations in your work?

 

Very important…. do your homework. I’m still fascinated when a play a huge track from the past and someone will try and shazam it or ask me who is the artist. it’s not all about the new unreleased music…. there is a huge amount to go and rediscover, just spend a night on youtube haha..

 

 

 

What do you reckon as your most gratifying professional experience?

 

Making people dance…. simple. Nothing better than making a room full of people happy

 

 

 

 

Can you tell us something in advance about your your plans and new project for the future?

 

We are working on an original Moto Blanco production and we have…. hopefully a great female vocalist who we are huge fans of involved .. but I can’t say whom yet..

 

 

 

Guys, thank you very much for your time. Voce Spettacolo wishes you the best for your career and I hope we will keep in touch!

 

 

 

Sponsored by

Tutto Samo Style

Vuoi diventare Sponsor? Scrivici a: vocespettacolo@gmail.com

Follow Me

Michele Valente

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.
Michele Valente
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =