Interview with singer EMMA LANFORD

Abbiamo intervistato la famosa e talentuosa cantante EMMA LANFORD.

di Michele Valente.

 

Ciao Emma grazie per essere ospite di Voce Spettacolo. Ci racconti qualcosa di te? Come ha iniziato a cantare?

Ho sempre amato cantare, ero nel coro della scuola ed ho sempre desiderato essere una cantante fin da quando ero piccola. Tutto è capitato senza una reale programmazione, sono capitata semplicemente nel posto giusto al momento giusto quando ho incontrato il partner dell’etichetta di Mousse T, Errol Rennals nella mia città Birmingham una sera. Ha chiesto a chiesto a me è un’amica se fossimo interessate ad essere in un video musicale e noi naturalmente abbiamo detto di sì, così ci ha prenotato un volo in Germania qualche giorno dopo; mentre eravamo lì mi ha chiesto se volevo cantare fortunatamente potevo farlo e ho registrato il testo di “Horny” insieme al coro di Inaya Day, poi il resto è storia!!

Da dove hai preso la tua ispirazione originariamente?

Crescendo mi sono innamorata di Sade, Whitney Houston Michael e Janet Jackson, ma la mia famiglia ascoltava più musica rock, per cui sono cresciuta con una fusione eclettica musicale di stili e saltavo da Whitney agli Iron Maiden, Genesis, Bon Jovi. Ho avuto una grossa influenza anche da mio fratello e dalle mie sorelle… Mi piaceva anche Giulia Fordham, ero così ispirata dalla profonda dolcezza della sua voce ma anche dalla sua estensione.

Quanto sono importanti i tuoi fan per te dedichi loro un po’ del tuo tempo?

I miei fan sono molto importanti, mi fa ridere perché non penso mai al fatto di averne!! Penso di essere stata un po’ pigra nell’ultimo periodo, ma ciò viene dall’aver imparato di non dire molto dei miei programmi fino a quando non sono terminati e pronti davanti a me, non mi piace deludere la gente, per cui tendo a non dir nulla fino a quando non sono sicura al 100% di nuove notizie da poter dare, ma mi piace come i social media rendono semplice per tutti essere in contatto con la gente che ammirano e rispettano. Mi piace ricevere messaggi dalla gente che si diverte con la mia musica e con la mia voce, il che mi dà energia di continuare ad insistere e crescere ancora con la mia musica.
Le collaborazioni e connessioni con importanti artisti, Mousse T prima di tutti, quanto sono importanti nel settore per esprimersi meglio?
Per me le mie collaborazioni hanno significato tutto, suppongo dipenda anche da come sia la tua visione di te stesso e della tua musica, io non avevo un programma precostituito che abbia funzionato bene per me; specialmente nel panorama della musica dance hai bisogno di essere molto ben connesso perché ciò è un grande trampolino per noi cantanti per essere ascoltati.

Hai avuto un grandissimo successo con i singoli “Horny”, “Fire”, “Is it ‘cos I’m cool”, “Right about now”, che rimangono ancora nel cuore della gente. Cosa ci vuole per realizzare un pezzo di successo?

Penso che Mousse T potrebbe rispondere molto meglio a questa domanda, per una cantante penso che l’importante sia avere una bella voce ed uno stile istantaneamente riconoscibile e penso che la mia voce abbia aiutato molto a creare tutte queste grandi Hits.

Quale suggerimento o consiglio daresti ai giovani cantanti per costruire una carriera di successo?

Per prima cosa di credere in se stessi, la tua voce è il tuo strumento e devi amarla, io ho lottato molto con questo concetto ad essere onesti!! Siamo molto spesso i peggiori critici di noi stessi e questo ci può fermare prima ancora di aver cominciato… Il mondo non ha bisogno di copie ha bisogno di originali, se fai il massimo che puoi fare, tutto andrà bene… Non aspettarsi che tutto vada posto immediatamente, bisogna apprezzare il fatto che essere un musicista è una esperienza molto lunga e bisogna godersi il viaggio… Lavorare e lavorare sempre di più; se sei un solista suggerisco di trovare una band e fare delle esibizioni, oppure contattare produttori e fare dei demo. Adesso si possono fare molto facilmente e non si ha bisogno di spendere grosse cifre in studio. Una semplice registrazione a casa andrà bene. Poi amare quello che si fa, se non ami quello che fai …è solo una perdita di tempo!

Quali sono i tuoi programmi e progetti per il futuro?

Il mio più grande progetto adesso e crescere i miei bambini J, mi porta via tanto tempo ma sto anche lavorando ad un paio di progetti con diversi produttori e musicisti del panorama dance, sto provando ad accrescere le mie doti di scrittura, è qualcosa che mi piace ma non sono ancora bravissima. Dal momento che vado avanti con gli anni, penso che mi piacerebbe fare un EP che mi faccia esprimere davvero musicalmente. Come sarà? Bisognerà aspettare e vedere…
Grazie 1000 Emma per il tuo tempo, sei stata molto gentile. Voce Spettacolo ti augura il meglio per la tua vita e per la tua carriera!

 ———————————-

 

bild3 Emma_Lanford emma-lanford

ENGLISH VERSION

We’ve interviewed the famous and talented singer Emma Lanford, here following the full interview for you!! (Michele Valente).

—————-

 

Hello Emma, thanks for being our guest on Voce Spettacolo. 
Can you tell us a bit more about yourself ? How did you start singing?

 

Hi guys,

I always loved singing, I was in the school choir and wished to be a singer from an early age, I kind of fell into it though with no real planning, I was simply in the right place at the right time when I met Mousse T’s record label partner Errol Rennals in my home town of Birmingham on a night out. He asked me and a friend if we were interested in being in a music video; we of course said yes, so he booked us a flight to Germany a few days later and whilst we were there asked me if I could sing…luckily I could, so I recorded the verses to “Horny” alongside Inaya Day’s chorus line and the rest is history!!

Where did you get your inspiration from, originally?

Growing up I loved Sade and Whitney Houston, Michael and Janet Jackson but my family were more into rock music so I grew up with an eclectic fusion of musical styles and one day I’d be bopping to whitney to the next Iron Maiden, Genesis, Bon Jovi. I had a lot of influence from my brother and sisters too… I also loved Julia Fordham, I was so inspired by the deep smoothness to her voice but also her incredible range.

How important are your fans for you? Do you dedicate them some of your time?

My fans are very important, it’s funny I still don’t really assume I have any though!!! I think I’ve been a little lazy of late, but that comes learning not to say too much about plans until they are finished and right there in front of you, I don’t like letting people down so I tend to keep quiet unless I have big 100% confirmed news to drop, but I love how social media makes it easy for everyone to have contact to people they admire or respect, I love recieving messages from people who enjoy my voice/music that gives me the energy to keep pushing on with my music..

Let’s talk about your collaborations with important artists, Mousse T. ahead. According to you how important are the connections in the industry with other artists so to better express oneself?

For me my collaborations have been everything, I suppose it depends on how you vision for yourself and your music is, as I didn’t have a master plan it worked great for me, and especially in the dance music scene you need to be well connected as it’s a great springboard for singers to get themselves heard.

You had a huge success with singles ”Horny”, ”Fire“, ”Is It ‘Cos I’m Cool?“, ”Right About Now“ that still remain in the hearts of people. What does it take to realize a successful hit?

I think Mousse T could better answer that question, as a singer I think it’s important to have a voice/style that is instantly recognisable and I think that’s where my voice helped to create those hits..

What advice or suggestions would you give to young singers to build a succesful career?

First believe in yourself, your voice is your instrument and you HAVE to LOVE it, I struggle still with this concept to be honest!!!! We are often our own worst critic and this can stop us trying before we even start.. sound like YOU, the world doesn’t need a copy, it needs original. Be the best YOU can be and that will be just fine.. Don’t expect everything to fall into place immediately, appreciate that being a musician is a lifelong experience an enjoy the journey.. Work, work and more work. If you’re purely a vocalist, get a band and put on shows or contact producers, make up some demos, everyone can do that easily now, you dont need to spend big money on studio time, a simple home recording or video can work too; and love what you do, if you don’t love it, don’t waste time on it!

What are your plans and projects for the future?

My biggest project right now is raising my kids 🙂 this takes up a lot of my time, but I’m also working on a couple of projects with various producers/musicians in the dance music scene, I’m trying to expand my writing skills as that’s something that I enjoy but I’m not great at yet! And as I get older I think I’d really like to make an EP that truly expresses me musically, what that will sound like? We we have to wait and see…

Thanks a lot Emma for your time, you’ve been very kind. Voce Spettacolo wishes you all the best in your career and life.

 

 

Follow Me

Michele Valente

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.
Michele Valente
Follow Me

Michele Valente

Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × quattro =