Ciao! Benvenuti su Voce Spettacolo. “SLOW” è il vostro nuovo album. Qualche anticipazione?

Ciao a voi, amici di Voce Spettacolo! “SLOW” è un concept-album, una sorta di grande inno alla natura e al vivere lento. 12 canzoni che esplorano i temi del clima, dei boschi, dell’acqua, del tempo, del cibo, dell’inquinamento… Un disco pieno di colori. E pieno di noi, come non era mai stato.

La vostra è stata una scelta professionale o una scelta di vita?

Le due cose sono combaciate alla perfezione. Diciamo che la nostra musica assomiglia alla nostra vita e viceversa, in un’osmosi costante.

Vincitori di numerosi premi. Quello che più vi rappresenta?

Ricordiamo con affetto la nostra partecipazione al Muenchen Festival nel 2005, il Festival Internazionale di Monaco di Baviera, in cui siamo stati chiamati come rappresentanti della canzone d’autore italiana all’estero. Una grande accoglienza, uno splendido teatro e tanto calore umano.

Quanto conta la passione in questo lavoro?

Beh, la passione è tutto! Nel senso che è la materia stessa delle canzoni. Testo e musica non sono una mera formula algebrica, è la passione che li tiene insieme, è la passione che li genera. Senza questa spinta interiore – che poi assomiglia all’amore – non esisterebbero le canzoni.

Siete mai stati sul punto di mollare tutto?

Nel nostro caso specifico, in cui vita e lavoro coincidono da oltre 15 anni, sarebbe stato come dire: rinunciamo alla nostra stessa esistenza! No, non ci abbiamo mai pensato. La nostra scelta – quella di fare musica e quella di trasferirci all’Isola del Giglio – è stata solida, ben ponderata, definitiva. Abbiamo scelto il tempo come moneta di tutti i giorni. E il tempo è la cosa più preziosa che c’è.

Il rapporto con il pubblico?

È straordinario pensare che una piccola cosa nata nella propria intima solitudine (la canzone) possa poi diventare un ponte capace di collegare genti, cuori, anime. Il rapporto con il pubblico, quando si crea davvero ed è puro, è un grande dono.

Progetti futuri?

Tanti, come al solito, ma ancora non li conosciamo! Per ora è SLOW il nostro progetto futuro!

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 1 =