Di Vito “Nik Hollywood” Nicoletti

 

Ciao Paola! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Chi è Paola Lavini?

Quella che vedete: vera e autentica. Sempre.
Paola artista nasce per caso o per destino?

Per destino, per scelta di seguire le mie emozioni, le mie sensazioni in modo coraggioso, contro tutto e tutti.

Paola attrice: le emozioni che provi quando reciti, sono le stesse che provi quando vivi?

Io penso proprio di sì, attingo dalla mia vita per recitare e quindi trovare una verità.Vivo, sempre e comunque, anche nella sofferenza. Cerco di giocare sia nel lavoro che nella vita, più che posso. “To play”

Cosa lega un attore al suo personaggio?

Nel mio caso, mi butto a capofitto nel personaggio, lo vivo, e oggi posso dire, in modo naturale. Mi ci affeziono, ci trovo sempre una parte di me. Lo voglio fare bene, rispettarlo e rispettare il pubblico che lo guarderà ed ascolterà.

Paola cantante: per una cantante il corpo è nella voce?

Io mi sento un’interprete. Anche quando canto attraverso la voce, io racconto, lancio un messaggio, sussurro poesie, parlo d’amore o di dolore e, quindi, la voce è al servizio di quello che voglio esprimere.

Recitazione e canto due mondi completamente diversi?

Per me no! Ribadisco:mi sento sempre un’interprete, sia come attrice che come cantante, non a caso ho fatto molto musical. Due mondi che si uniscono su un palco solo.

A quale progetto stai lavorando in questo periodo?

Sto girando un film ed un cortometraggio. Ho voglia di fare un progetto mio canoro, come cantante, che sto cercando di mettere in piedi.

Delle proposte di lavoro, qual è quella che escluderesti in modo tassativo e quella che invece ti piacerebbe fare che non hai ancora fatto?

A priori, non escludo nulla. Viva la libertà! Mi piacerebbe fare la protagonista in assoluto e possibilmente di un film ben scritto. Una sceneggiatura “magica”. Mi piacerebbe interpretare donne importanti che hanno lasciato il segno nella storia, Eva Peron, Maria Callas e tante altre. Mi piacerebbe fare il transessuale, ovvero una donna che interpreta un uomo che interpreta una donna. Mi piacciono “le donne vere, sbagliate”. Mi piacciono le sfide. Quindi donne e ruoli anche molto diversi da me. Beh, debbo ancora fare un sacco di cose, di ruoli!

Cosa ti ha tolto la vita e cosa invece ti ha dato fino ad ora? … E nel tuo lavoro?

Mi ha tolto un’infanzia e mi ha regalato viaggi, sogni realizzati e sogni infranti, incontri speciali nel mondo, grazie alle lingue che parlo e grazie alla mia curiosità. Mi ha regalato la gioia di vivere, l’entusiasmo per tutto. Nel lavoro e per il lavoro ho sacrificato, forse troppo spesso, Paola. La vita personale. Però è “il lavoro” che sono. Lì mi esprimo, lì posso dare, regalare emozioni ed è come una missione. Forse una missione anche per me stessa. Il lavoro mi ha tolto Paola ma, allo stesso tempo, me l’ha regalata!

I sogni hanno sempre un prezzo?

Credo di si. Però credo valga sempre la pena di riconoscerli, di rincorrerli ed “acchiapparli”, tutti quelli che puoi, proprio come una bambina che mi sento ancora.

La felicità per Paola?

La vita semplice che vorrei . Un amore grande.

Paola, grazie per il tempo dedicatoci. Voce Spettacolo ti fa i migliori auguri per il tuo futuro.

 

Sponsored by

 

 

Tutto Samo Style

 

Vuoi diventare Sponsor? Scrivici a: vocespettacolo@gmail.com

 

Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza.
Allievo esperto di Kung Fu
Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + dieci =