Intervista alla cuoca Raffella Cecchelli

Di Vito “Nik H.” Nicoletti

 

Ciao Raffaella! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Un bel tuffo nel passato. Da bambina cosa sognavi di fare?

Fin da bambina ho sempre pensato che, per realizzare qualcosa, bisognava impegnarsi. Volevo diventare una ballerina…all’eta’ di 15 anni lavoravo gia’ nella trattoria dei miei genitori (sono figlia d’arte, in quanto i miei avevano già da 30 anni una storica trattoria), dividendomi tra scuola di ballo e cucina. A 20 anni insegnavo gia’ danza moderna ed ho anche vinto alcuni concorsi come Miss Teenager danza, Miss Bravissima (categoria ballo)e se non avessi avuto la testardaggine,non avrei neppure realizzato la meta’ delle cose fatte.

 

Chi è Raffaella Cecchelli?

Non sono mai stata sposata e l’unico amore vero della mia vita è mio nipote Christian. L’ho cresciuto da sola, facendogli da madre e da padre ed è il figlio che non ho mai avuto. Sono rimasta “sola” dei miei genitori abbastanza presto e ho voluto portare avanti la loro “eredita”:la passione per la cucina. Sono determinata, positiva, inarrestabile, una donna sensibile, sognatrice e innamorata della vita. Certo che descriversi con pochi aggettivi e’ difficile non cadere nel banale ed e’ un po’ come descrivere un piatto, senza averlo assaggiato… (sorride).

 

La passione per la cucina nasce per caso o il destino lo ha deciso per te?

Come gia’ detto, vengo da famiglia di ristoratori anche se volevo fare la ballerina. Il destino esiste, ma noi disegnamo i percorsi. Adesso ho una vita di corsa, tra eventi, tv, la mia Osteria ma sono felice di viverla così tra i fornelli, i riflettori e l’autostrada. Mi diverto molto e tutto questo non e’ venuto per caso. Ci è voluto tanto lavoro, determinazione, tante ore in cucina e una valigia piena di mestoli, divisa e tanti sogni ogni volta che parto. Non e’ presunzione, amo e credo in quello che faccio. Sono seguita molto sui social ed i miei follower sono persone speciali, sempre partecipi, sempre attivi. Mi seguono nelle trasmissioni, rifanno i miei piatti e li postano con complimenti verso di me. Questo mi fa commuovere perche’ capisco di essere arrivata allo scopo, ripagandomi di tutta la fatica fatta. Il mio desiderio e’ quello di avere un angolo di cucina in tv, tutto mio,dove trattare ogni giorno di quei piatti dimenticati, semplici, di riciclo, i sapori veri senza tante forzature, quelli con i quali sono cresciuta. Chissa’ se in qualche palinsisesto non possa entrarci nell’anno nuovo …(sorride).

 

Se dico “La prova del Cuoco” tu cosa mi rispondi?

Non nascondo che, quando mi e’ arrivata la telefonata da una delle autrici, sono stata felicissima perchè considero doni queste occasioni. Raffaella a “La prova del Cuoco” resta la Raffaella di sempre, sia al livello personale che professionale. Certo, per me che ho un’osteria in un piccolo paese, ha voluto dire molto. Il ritorno di immagine c’e’e non lo nego e vedermi in tv mi ha fatto capire tante cose. Dopo un po’ d’ansia ho capito che se ero lì, qualcosa in me avevano visto. Ho fatto pace con l’ansia ed alla fine e’ stato un anno ricco di soddisfazioni:  Alice Tv, Rai, fino all’arrivo nel Principato di Monaco, per 4 giorni di Cooking Show, dove sono arrivate anche proposte. 

 

Delle proposte di lavoro, qual è quella che escluderesti in modo tassativo e quella che invece ti piacerebbe fare che non hai ancora fatto?

Escluderei di lavorare all’estero, non lo farei mai (a parte Montecarlo che è vicino all’Italia e ci vengo ogni anno ). Mi piacerebbe fare, cosa che ancora non ho fatto, il giudice in una trasmissione di cucina e presentare un programama di cucina…ci stiamo lavorando.

 

Ogni percorso da e toglie qualcosa alla vita, il tuo percorso cosa ha tolto alla tua vita e cosa invece ti ha dato fino ad ora?

Sicuramente il mio lavoro mi ha dato e mi sta dando molto, sia al livello personale che professionale. Certamente mi ha tolto, soprattutto da ragazza, il tempo da dedicare a me stessa, spesso mi ha tolto gli affetti perchè i miei genitori, essendo sempre impegnati in cucina, le feste come il Natale non le ho mai passate con loro. Sono stata comunque fortunata perchè non mi hanno mai fatto mancare il loro affetto, anche quando,stanchi, ci trovavamo a casa e si mettevano a giocare. Capisci, da adulto, che non importa che ci sia una bella tavola imbandita con tutti intorno. Con il loro amore era Natale ogni giorno e, crescendo, ti accorgi anche di quante cose avrei potuto fare, e di quante cose avrei potuto evitare. Se sono la Raffaella di oggi e’ anche grazie alle scelte, non sempre azzeccate, che ho fatto e che rifarei comunque.

 

Obbedisci più al tuo cuore o alla tua testa?

Vince quasi sempre il cuore e non esistono scelte sbagliate o giuste fino a che nn le vivi. Sono scelte che facciamo in un momento della vita, per vari motivi, poi magari rimaniamo delusi perche’ ci ritroviamo in una situazione divers da quella che ci aspettavamo. Se scegliessi la testa o la razionalità, di sicuro, le aspettative combacerebbero piu’ con la realtà ma sono una romanticona.

 

Il tuo più bel ricordo?

Ricordare…che vita sarebbe senza ricordi? Spesso sono l’unica cosa che ci tiene legati a cio’ che abbiamo perso per sempre. Non si amano solo i ricordi belli,  ad una certa età si amano i ricordi. Charlie Brown diceva : « stai piangendo ? »  « no, mi e’ entrato qualcosa negli occhi.. »  «  cosa ? »  « …un ricordo… ».

 

Esiste in te qualcosa che vorresti fare ma che ti spaventa?

Ci sono cose che fanno paura fino a che non troviamoli coraggio di farle.

 

I sogni hanno sempre un prezzo?

Beh, dipende. Sognare e’ gratis ma realizzare i sogni, a volte , credo abbia un prezzo. Valutiamoci di più, ci penseranno gli altri ad abbassare il prezzo.

 

Progetti futuri?

Cominciando ad arrivare tante proposte per il nuovo anno e faccio gia’ consulenze, sviluppo menu’ per altri locali , ricettari e non perdo di vista la mia Osteria a Massa Marittima, Quello resta il mio VERO lavoro e posso ritenermi soddsfatta perchè, anche quest’anno, ha preso la Chiocciola di Slow Food per il 2019 e tanti altri riconoscimenti su Guide importanti..Vedremo cosa mi portera’ il nuovo anno. Non mi illudo mai e non nascondo che sono felice per tutte queste opportunita’ che mi si stanno presentando. Sono la Raffaela di sempre e sempre lo sarò perchè ho acquistato la consapevolezza di aver trovato un modo, anche in tv,  per esprimere la mia semplice cucina, cercando di fare sempre il meglio. Grazie di questa intervista e di queste bellissime domande. E’ la mia prima vera intervista.

 

Vito
Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza.
Allievo esperto di Kung Fu
Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × cinque =