Intervista all’attrice Giada Dovico

Di Vito “Nik H.” Nicoletti

Ciao Giada! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Un bel tuffo nel passato. Da bambina cosa sognavi di fare?

Fin da piccola mi ha sempre affascinato l’arte, nel significato che da la parola. A me piaceva molto disegnare e realizzavo anche piatti in ceramica. Ricordo che quando andavo al cinema, con i miei genitori, al ritorno mi mettevo davanti allo specchio  e ripetevo le battute degli attori che mi avevano più colpita. Li per li’ non avevo un’idea ben precisa di cosa avrei fatto da grande, ma sapevo che, in un qualche modo, l’arte sarebbe poi entrata nella mia vita.

Chi è Giada Dovico?

Sono una donna che lotta per quello in cui crede,  non mi fermo davanti  alle difficoltà e cerco sempre di trovare uno spiraglio di luce anche quando c’è il buio.  Sono una persona che crede molto nei valori della famiglia e non potrei fare a meno dei miei amici che, con gli anni, sono diventati parte integrante della mia vita.

Giada attrice, la recitazione insegna a liberare l’anima?

Credo fermamente che questo mestiere ti porti a scavare nel profondo della tua anima, ogni volta che lavori su un nuovo progetto. Ti porta a esplorare te stessa e a scoprire alcuni  aspetti della tua anima ancora inesplorati.

Si recita per se stessi o per gli altri?

Si parte per un nuovo viaggio ogni volta che lavori su un nuovo personaggio, che va rispettato. Ci si da completamente e poi cerchi di trasmettere questa intensità al pubblico. Personalmente non si recita solo per se stessi, ma per condividere quello che stai vivendo.

Le emozioni che provi quando reciti, sono le stesse che provi quando vivi?

Sia nella vita  di tutti i giorni che quando lavoro su un testo, cerco di trovare la strada giusta per creare quell’emozione che mi serve e le emozioni che ho vissuto e vivo nel quotidiano, mi aiutano. Trovo che siano ambivalenti.

Delle proposte di lavoro, qual è quella che escluderesti in modo tassativo e quella che invece ti piacerebbe fare che non hai ancora fatto?

A meno che non mi debba lanciare da un parapendio, perché soffro di vertigini, penso che non negherei nessun personaggio che mi potrebbero affidare. Sicuramente mi piacerebbe molto lavorare per una fiction in costume.

Per una donna è sempre tutto più difficile?

Viviamo in un mondo in cui  la donna ha saputo farsi sentire  nel corso dei secoli e oggi ha modo di ricoprire  anche cariche importanti. Ci sarà sempre ancora da lottare per i propri diritti. Penso che, nel mio mestiere, la donna abbia saputo farsi valere e trasmettere la sua intensità e la sua forza.

Le arti ( Teatro, Cinema, danza, letteratura.. ecc. ) tutte insieme possono cambiare il mondo?

Credo che, unite, possano fare la differenza perché portano il pubblico a riflettere e a farsi delle domande. In questo modo, ci si può confrontare e il confronto apporta una crescita personale.

Giada di quali emozioni e di quanti colori è fatta?

Dentro di me ci sono tante emozioni che trovo e scopro man mano, a seconda di quello che mi succede sia in privato che nel lavoro. La vita stessa è fatta di colori. I miei  preferiti sono il verde, il blu e il giallo. Mi trasmettono luce, positività e speranza.

C’è chi dice che le favole possano servire a vivere meglio…per Giada, invece, che senso hanno?

Da bambina le favole ti aiutano a sognare, ad immaginarti in un altro mondo. Poi ci sono anche  le favole che fanno paura e, crescendo, ti rendi conto che la vita è fatta di buoni e cattivi, di vittorie e sconfitte.  Le favole ti aiutano a uscire dalla realtà senza perdere la percezione di essa.

In questa vita tutti corrono verso i loro sogni…Giada verso quale sogno sta correndo?…e perché?

I sogni aiutano a darti quella spinta in più per lottare per quello in cui credi. Personalmente, se mi fermo a pensare al futuro, mi vedo a continuare a fare questo bellissimo mestiere che, spero, si possa evolvere sempre di più portandomi ad avere altre possibilità di lavoro nel teatro, cinema e tv.

Oggi è molto difficile dire grazie. Diresti grazie a chi e per cosa?

Credo che ringraziare sia uno strumento molto importante, soprattutto se qualcuno ti da una possibilità o semplicemente un gesto che può valere a volte molto di più delle parole.
Personalmente devo ringraziare la mia famiglia, che mi supporta e mi segue con dedizione, ed i miei amici per esserci anche nei momenti difficili. Ringraziare non è mai scontato e ritengo che, tale espressione, sia un modo per poter far capire alla persona che lo riceve, che è sentito. Non bisogna avere paura di dire grazie, se mai il contrario.

C’e’ qualcosa che ti fa paura?

La paura fa parte della vita. Ti trovi a doverci fare i conti prima o poi, a conviverci, cercando, laddove si può, di non farla prevalere. La mia paura più grande è perdere le persone che amo, la mia famiglia. Penso di non essere l’unica ad averla. Di mio, cerco di dare sempre importanza ai valori e all’amore che provo per le persone a cui tengo.

Hai detto che sin da piccola ti piaceva disegnare…se tu dovessi disegnare l’anima su di un foglio che forma avrebbe e come sarebbe fatta?

L’anima me la immagino come una piuma, leggera e bianca, che si sposta con la forza del vento, ma rimane sospesa fluttuando fra i raggi del sole.

.. e gli aspetti inesplorati come li immagineresti?

…gli aspetti inesplorati li immagino come delle piccole caverne buie che, prima o poi, vanno esplorate e dove occorre accendere la luce… perché la cosa bella è che non sai cosa troverai, sai solo che ne uscirai diversa e arricchita.

Giada e la solitudine si sono mai incontrate lungo il cammino della vita?

Mi è successo. Mi sono resa conto che, in realtà, quando uno si sente solo non lo è mai veramente. Siamo noi che ci creiamo una chiusura verso il mondo, verso le persone, magari per paura, per uno stato psichico momentaneo. In realtà, se tu stai bene con te stesso, non potrai mai essere solo e le persone che incontri nel tuo cammino, possono essere un’aggiunta in più.

Grazie Giada per il tempo che ci hai dedicato. Voce Spettacolo ti fa i migliori auguri per il tuo futuro.

Vito
Follow Me
Latest posts by Vito "Nik H." Nicoletti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × uno =