Intervista con Alessandra Giulivo

ale

Il nostro redattore Vito “Nik Hollywood” Nicoletti ha intervistato la giornalista, presentatrice e modella Alessandra Giulivo. Di seguito l’intervista esclusiva per voi lettori.

Ciao Alessandra! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Un bel tuffo nel passato. Da bambina cosa sognavi di fare?

Ciao a tutti! Il piacere è mio! Da bambina volevo fare la presentatrice, anche se non sapevo come. Mi divertivo molto ad imitare i grandi presentatori della televisione e a raccontare storie. Ricordo che a casa, spesso, la mia famiglia era il mio pubblico e intrattenevo tutti con le mie esibizioni. Quante risate. Già da piccola, in fondo, avevo capito quale sarebbe stato il mio destino.

Chi è Alessandra Giulivo?
Una ragazza molto solare, determinata ed ambiziosa con una gran voglia di fare, di mettersi sempre in gioco e di continuare a migliorare. Da buona calabrese porto avanti i valori che mi hanno insegnato i miei genitori dandomi per primi l’esempio: impegno, rispetto per tutti e umiltà. La mia passione per la scrittura, dopo tanti studi e sacrifici, mi ha portata ad intraprendere la via del giornalismo e il salto nel mondo della conduzione è stato immediato. Amo il mio lavoro, poichè alla base c’è una grande passione, una preparazione ed una continua crescita professionale. Inoltre ho la possibilità di viaggiare molto, di conoscere sempe nuove persone e di potermi confrontare con molti professionisti. Sono molto autocritica ed in questi anni, dopo una lunga parentesi nel mondo della moda, che mi ha portata a sfilare per grandi nomi, ho avuto la fortuna di condurre ovvero di presentare moltissimi programmi, talkshow ed eventi di moda, cultura, cinema, musica, sport, mantenendo sempre una vena un po’ comica, perchè ho voglia di sorridere e di far sorridere.

Sei di origini calabrese, quanto c’è di Calabria nella tua vita?

Sono molto legata alla mia terra e credo di portarmi dentro molte cose di essa che contraddistinguono il mio modo di essere ed il mio carattere forte. La Calabria con i suoi paesaggi, i suoi profumi e i suoi colori, presenta panorami d’incomparabile bellezza e vastità. Io, esattamente, sono nata a Reggio Calabria, la città dei Bronzi di Riace, del bergamotto, affacciata sul magico scenario dello Stretto di Messina, famoso nella mitologia di Scilla e Cariddi. Reggio è tutta una fantasmagoria di marine, di colli, di monti, di costiere che s’immergono nel glauco mare e nelle quali sono qua e là incastonate, gemme preziose, le reliquie di grandi ed illustri città greche che resero famosa questa Italia antichissima, questa regione stupenda. Dopo la maturità sono andata a studiare scienze della comunicazione e dello spettacolo allo IULM di Milano e sentivo molto la nostalgia dei miei affetti. Adesso, grazie al mio lavoro, ho la possibilità di dividermi tra la mia terra e Roma.

Alessandra giornalista: il primo dovere di un giornalista?…chi racconta ha delle grandi responsabilità?

Il dovere più pregnante del giornalista e caposaldo del diritto di cronaca è il dovere di verità. Gli organi di informazione sono l’anello di congiunzione tra il fatto e la collettività. Un’informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un consapevole esercizio della sovranità, quindi, il nostro dovere è essere eticamente corretti nel nostro lavoro e valutare con attenzione ogni parola usata. Chi sceglie questo mestiere ha il compito di raccontare secondo i propri occhi e la propria anima, per cui è una grande responsabilità, ma è anche un grande orgoglio. Perché è proprio la dimensione del ”raccontare”, quella che più mi piace di questo mestiere. Un buon giornalista, inoltre, deve anche riuscire a conquistare il lettore. Quotidianamente deve competere con gli altri mezzi di informazione e con altri articoli che compaiono in altre testate quindi deve riuscire a magnetizzare l’attenzione del lettore nelle prime righe e tenerla avvinta sino alla fine.

Hai sfilato per LORENZO RIVA, GAY MATTIOLO, CAMILLO BONA, BALESTRA, ELLA ZAHLAN
PIERRE CARDIN E TANTI ALTRI MARCHI, in Tv : “LA NOTTE DELLE SIRENE”- RAI 2
DOMENICA IN ”- RAI 1 “LA VITA IN DIRETTA ”- RAI 1, VALLETTA PREMI OSCAR TV, RAI 1 –TEATRO ARISTON DI SANREMO, ALL MUSIC- RETE A.
Visto che sei una esperta di moda, quando si parla di moda, di cosa si parla?…di cosa si dovrebbe parlare?

La moda è estro, creatività, intuito ma anche organizzazione, strategia, management e queste componenti, apparentemente contrastanti, devono convivere ed amalgamarsi per assicurare il successo di un’idea imprenditoriale. Il mondo della moda vive di tendenze e gusti che cambiano nel giro di una stagione. Quando parliamo di moda il nostro pensiero non deve essere rivolto soltanto al défilé o agli eventi, perché la moda rappresenta anche un fattore sociale, ambientale ed economico che riesce ad unire mondi differenti tra loro, quali la creatività e il consumo. Sappiamo tutti che la moda italiana ha sempre avuto un’ importanza più rilevante , non solo per il lavoro svolto dai nostri grandi stiliti ,ma proprio per la qualità e la preziosità delle manifatture. Come in tutte i campi ,il futuro siamo noi giovani ,è bene dunque assicurarsi che questo senso di artigianalità di vera e propria ”arte manifatturiera”’ non venga perduto. Ho sempre creduto che la moda sia non solo una leva fondamentale per lo sviluppo del territorio ma anche un grande elemento di attrattività. Bisogna investire nella valorizzazione dei giovani talenti e legare artigianato e cultura, tradizione e innovazione. La moda è un volano produttivo incredibile e può rappresentare una risorsa per la disoccupazione giovanile.

Alessandra Giulivo, da poco nominata direttore generale della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer. Che importanza ha per te questo traguardo?

Ho accettato questo incarico di direttore generale della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer spinta dal grande amore che nutro per la moda e per l’arte. In questo scenario la Camera Nazionale Giovani Fashion Designer può avere un ruolo fondamentale. Come obiettivo principale desidero portare un messaggio concreto, stimolante, innovativo e altamente qualitativo, capace di catalizzare attenzioni nazionali ed internazionali. Un programma a cui credo molto e che mi appassiona con argomenti che vanno dalla valorizzazione delle radici culturali e storiche alla sperimentazione di nuovi percorsi creativi, dalla formazione dei giovani alle forti potenzialità dei connubi tra moda, cinema, arte e musica. Oltre a questi, sarà necessario creare delle sinergie tra i principali soggetti se si vuole arrivare a nuovi e tangibili risultati. Mi appresto quindi ad assumere questo prestigioso incarico, di cui mi sento onorata, nella fiducia di poter contare sulla collaborazioni di chi come me ama profondamente la sua terra. Quello che mi piace sottolineare è che la Camera Nazionale Giovani Fashion Designer non riguardi solo la moda, ma si estenda alle realtà collaterali e come l’attenzione ai giovani non si limiti strettamente all’ambito creativo dell’abbigliamento ma si estenda alle iniziative indipendenti legate a questo settore, creando tutta una serie di eventi che consentono alla camera di confermarsi uno spazio creativo, di accoglienza.

La Camera Nazionale Giovani Fashion Designer è un’ associazione costituita nel 2015. Raccontaci questo progetto.

La Camera Nazionale Giovani Fashion Designer è stata istituita dal comitato nazionale “Italia Art & Fashion” composto da illustri personaggi del mondo della moda e dell’arte e coordina e promuove lo sviluppo dell’ arte in senso lato e della moda in tutte le sue sfaccettature, nel proprio territorio regionale di appartenenza, in Italia e nel mondo. Priorità assoluta della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer è quella di valorizzare, promuovere e sostenere i talenti emergenti della classe creativa dando vita ad iniziative ed eventi che tengano conto della nuova generazione, offrendo possibilità di confronto, formazione, crescita professionale e visibilità, poiché il proprio motto è: New Generation”. E’ importante investire nella valorizzazione dei giovani talenti e legare artigianato e cultura, tradizione e innovazione. Solo con il rafforzamento dell’impegno nell’epoca attuale, infatti, è possibile favorire ed auspicare la crescita delle future generazioni. Il progetto nasce dall’idea di ampliare l’osmosi tra il mondo della moda e dell’ arte. Il progetto vuole, quindi, essere un trampolino di lancio per promuovere i giovani stilisti, dando loro la possibilità di farsi conoscere e di confrontarsi entrando in contatto con il panorama del design Made in Italy. Dunque un’idea vincente che vuole aiutare a concretizzare i sogni dei tanti giovani creativi contribuendo a sostenere la produttività calabrese ed italiana.

Alessandra Giulivo presentatrice: Bellezza mediterranea che ti ha portato a presentare molti eventi tra cui “CHE COS’E’ L’AMOR” DI MARCELLO CIRILLO E DEMO MORSELLI”, “EL SALON DE LA MODE” CON ANTHONY PETH, “UNA VOCE PER L’ESTATE” con ospite GRAZIA DI MICHELE, BRIDAL FASHION SHOW con ospite ENZO MICCIO, “MODA E SOLIDARIETA’ MAX MARA” e tanti altri eventi. Di sicuro, nel mondo dello spettacolo essere belle conta molto…ma quanto costa esserlo?
Credo che la bellezza sia qualcosa di più di un bel volto o un bel fisico. E’ qualcosa che coinvolge tutta la persona nel suo insieme. E’ la mescolanza di fattori oggettivi e soggettivi che vanno dalle caratteristiche prettamente fisiche, all’avere un aspetto curato e che ti valorizza fino a trasmettere simpatia, positività e un’infinità di tante altre cose che costituiscono un valore personale diverso per ciascuno di noi. Tutti noi, nella nostra unicità possiamo definirci belli.

Tutti cerchiamo l’amore, ma nessuno sa cos’è. Cos’è l’amore per Alessandra?

L’ amore è irrazionalità, è il vero motore del mondo, è la porta d’accesso alla felicità, tema inesauribile per canzoni, poesie, romanzi e film, musa privilegiata per tutte le arti. Cercare l’amore è forse l’impresa più importante della nostra vita. Non è certamente semplice ma vale la pena provarci. Vedi, da eterna romanticona, io amo molto la frase sull’amore che il personaggio del famosissimo film “Vi presento Joe Black” , Bill Parrish, dice alla figlia: << L’amore è passione, ossessione, qualcuno senza cui non vivi. Trovati qualcuno che ami alla follia e che ti ami alla stessa maniera! Come trovarlo? Beh, dimentica il cervello e ascolta il cuore, perché la verità è che non ha senso vivere se manca questo. Fare il viaggio e non innamorarsi profondamente, beh, equivale a non vivere. Ma devi tentare perché se non hai tentato non hai mai vissuto>>.

Progetti futuri?

Sarà un anno molto impegnativo. Naturalmente continuerò a lavorare come giornalista. Sono molto entusiasta perchè a breve inizierò un programma televisivo dove si parlerà di moda, di arte e di new generation, inoltre come Camera Nazionale Giovani Fashion Designer abbiamo in cantiere diversi eventi che abbracceranno la moda, il cinema, la musica ed il sociale. Quindi incrociamo le dita.

Senza i sogni non si può… (continua tu)

Senza sogni non si può…vivere, si sopravvive…nulla sarà impossibile se lo desideri veramente.

Alessandra, grazie per il tempo dedicatoci.Voce Spettacolo ti fa i migliori auguri per il tuo futuro e per la tua carriera!

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + otto =