Intervista con il cantante. Francesco Guasti

Guasti 3_bassa

Il nostro direttore Walter Nicoletti ha intervistato il cantante Francesco Guasti.

FRANCESCO GUASTI, il talento scoperto da Piero Pelù grazie alla sua partecipazione a The Voice Of Italy nel 2013, presenterà dall’11 maggio, con una serie di appuntamenti live, il suo album d’esordio “PARALLELE”, uscito il 5 maggio (disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle piattaforme streaming) anticipato dal singolo “Piovono Rose”. L’Ep “PARALLELE” (Produzione: T.e.g. Srl etichetta discografica di Piero Pelù / Distribuzione Artist First) nasce sotto la buona stella del rocker Piero Pelù che ha definito il giovane talento “il Rod Stewart italiano”.

L’unione artistica tra Piero Pelù e Francesco Guasti ha dato vita ad un album intenso e dal sound accattivante: filo conduttore un suono moderno mai troppo invadente, che mescola sonorità rock a linee più morbide ed eleganti, per accompagnare testi ricercati, che svelano la passione per le parole.

«Un disco che vuole interpretare varie sfaccettature della musica che ascolto – racconta Francesco in merito al suo nuovo lavoro – Un mix di generi: rock, cantautorato, pop ed elettronica».

Francesco Guasti presenterà al pubblico l’album “Parallele” con una serie di live. Queste le prime date confermate: l’11 maggio al Prato a tutta Birra di Prato, il 20 maggio al Nof Club di Firenze, il 21 maggio al Rock’n Roll di Milano, il 29 maggio al Jarò di Calenzano (Firenze), il 25 giugno al River Pub di Quarrata (Pistoia) e il 27 giugno al Pork’n Roll di Argenta (Ferrara).

“Parallele” è composto da 5 brani inediti ed una cover, registrati all’O-zone studio di Firenze e al Carillon Bit studio. Questa la tracklist: “Un solo giorno in più”, “Fuori controllo”, “Piovono rose”, “Parallele”, “Sembra inutile”, “La favola di Adamo ed Eva”.

FRANCESCO GUASTI nasce a Prato e si avvicina alla musica sin da bambino iniziando a studiare batteria, ma il suo vero talento naturale è una voce graffiante e roca. Nell’adolescenza le prime esperienze con le rock band, come front-man e compositore dei pezzi che porta in giro per club e palchi. Arrivano poi le prime soddisfazioni con il gruppo Supernova, dove viene selezionato fra i finalisti dell’Accademia Sanremo con il brano “Rosa”. Successivamente prende parte ad eventi di spessore, come il Lucca Summer Festival, fino ad arrivare alla partecipazione nel 2013 al talent di Rai2 The Voice of Italy, nel team di Piero Pelù. Nello stesso anno esce il singolo “Un solo giorno in più”, targato Universal. Nell’estate partecipa alla prestigiosa rassegna musicale di Marbella “Starlight Festival” con artisti come Bryan Adams e Enrique Iglesias. Nel 2014 è fra i 60 finalisti di Sanremo Giovani nelle Nuove Proposte, con il brano “Scintilla contro Scintilla”, che rimane primo per diverse settimane nella classifica dell’airplay. Nello stesso anno entra a far parte della Nazionale Italiana Cantanti. Ospite del “Identikit Tour” di Piero Pelù, inizia con lui una collaborazione, dalla quale nasce il brano “Piovono rose”, entrato nelle selezioni finali delle Nuove Proposte per Sanremo 2015.

Ciao Francesco benvenuto su Voce Spettacolo. Da batterista a Frontman. Com’è avvenuto questo passaggio?

Mi sono avvicinato alla musica a partire dall’età di sei anni, poi mi sono avvicinato alla batteria quando già cantavo. Nella band iniziale suonavo e cantavo contemporaneamente. È stata sicuramente un’esperienza interessante e dura perché ho avuto a che fare con la parte ritmica e armonica. Infine sono passato al canto perché ho scoperto questo mio timbro di voce graffiato.

L’esperienza di The Voice ti ha dato visibilità, oltre alla possibilità di conoscere Piero Pelù con il quale hai prodotto il tuo ultimo album “Parallele”.

The Voice mi ha dato tanto sotto il profilo umano ed artistico. Ho conosciuto Piero e con lui ho lavorato attivamente. Credo sia stato un passaggio fondamentale per la mia carriera artistica. Sono dell’idea che si deve affrontare un talent con il sorriso, come un bagaglio in più da aggiungere sulla propria strada musicale. Non deve essere un punto d’arrivo, ma di partenza.

Oltre 15 anni di musica e di gavetta…

La gavetta è fondamentale per il percorso artistico. Tuttavia la si fa in continuazione. Basti pensare a quando si suona in un pub con meno di 1000 persone o in uno stadio con oltre 40.000 persone. Bisogna sempre dimostrare e far vedere l’amore che noi nutriamo verso la musica.

“Parallele”, il tuo nuovo album.

“Parallele” è composto da 5 brani inediti ed una cover, registrati all’O-zone studio di Firenze e al Carillon Bit studio. (“Un solo giorno in più”, “Fuori controllo”, “Piovono rose”, “Parallele”, “Sembra inutile”, “La favola di Adamo ed Eva”).”Parallele” è il figlio delle storie. Vanta la collaborazione di Piero Pelù insieme ad altri grandi amici. È un disco che racchiude tante sonorità. Anche perché, personalmente, ascolto un po’ tutta la musica. L’album è formato da cinque brani più una cover di Max Gazzè , il quale ha influenzato molto la mia crescita artistica. Ho scelto questa cover perché credo sia molto attuale.

Il videoclip del tuo brano “Scintilla contro Scintilla” è stato girato in carcere? Perche?

Ho voluto dare voce a chi non ha voce. Spesso abbiamo un’idea errata del carcere. Pensiamo ad un ambiente chiuso, in cui i detenuti non hanno possibilità di alcuna crescita umana. È stata un’esperienza molto forte grazie alla quale ho avuto anche la possibilità di conoscere alcuni di loro.

Sei arrivato tra i 60 finalisti a Sanremo giovani. Quali sono, a tuo avviso, le differenze tra la kermesse sanremese ed i talent?

Sanremo è stato sempre il mio pallino, il mio sogno nel cassetto. Una delle pochissime realtà musicali per poter arrivare a tante persone. Un’ottima vetrina Made in Italy.

L’esperienza vissuta alla prestigiosa rassegna musicale di Marbella “Starlight Festival” con artisti come Bryan Adams e Enrique Iglesias.

E stata una grande fortuna poter calcare il palco con questi due grandi nomi. È stata un’ottima esperienza anche perché per tutta la durata del festival si è respirata musica.

Ti capita mai di essere ispirato all’improvviso nello scrivere un brano?

Certo! lo faccio sempre grazie al mio telefonino. Poi mi guardo intorno… chissà se mi prendono per matto! La musica quando arriva, arriva. Può capitarti in doccia, al supermercato, in autogrill, dovunque.

Fai parte della Nazionale Italiana Cantanti.

Ho partecipato alla Partita del Cuore a Firenze ed ho avuto il grande onore di esibirmi davanti ad oltre 40.000 persone. L’energia che ti arriva in quei momenti… è indescrivibile!

Prima di salire sul palco. L’attesa.

Solitamente bevo anche due litri d’acqua, poi mi metto in un angolo sereno e tranquillo. Quando arrivo sul palco, tutta la mia voglia di fare musica e la mia energia interiore si scatenano in una tempesta.

Sei pronto per i tuoi nuovi live?

Certo! Sono nato pronto! Queste le prime date confermate: l’11 maggio a Prato presso “A tutta Birra”, il 20 maggio al Nof Club di Firenze, il 21 maggio al Rock’n Roll di Milano, il 29 maggio al Jarò di Calenzano (Firenze), il 25 giugno al River Pub di Quarrata (Pistoia) e il 27 giugno al Pork’n Roll di Argenta (Ferrara). Vi aspetto numerosi!

http://www.francescoguasti.it/ https://www.facebook.com/FrancescoGuastiOfficial?ref=hl
https://twitter.com/guastifrancesco http://instagram.com/iguasti

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 3 =