Il nostro redattore Nik Hollywood ha intervistato la modella Elena Gallina. Di seguito l’intervista esclusiva per voi lettori.

Ciao Elena! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Un bel tuffo nel passato. Da bambina cosa sognavi di fare?

Ciao e grazie mille a voi! Elena bambina era molto timida e di certo mai e poi mai si sarebbe immaginata di fare un giorno questo lavoro. Ero veramente una bambina molto riservata, semplice e brava nel senso che non disturbavo e non ho mai fatto arrabbiare, per lo meno da quanto mi racconta mia madre! Ho sempre pensato che da grande avrei fatto l’insegnante. Quando mi chiedevano che cosa avrei voluto fare, rispondevo la maestra forse perché avevo una sorta di ammirazione per quella che era la mia maestra o forse perché mi è sempre piaciuto spiegare le cose. In effetti poi i miei studi hanno vertito proprio verso questo settore, ho fatto il Liceo Psico-pedagogico ( le magistrali di 5 anni per intenderci ) e poi ho conseguito la laurea quinquennale in Scienze dell’Educazione all’Università degli Studi di Verona.

Chi è Elena Gallina?

Sono una persona semplice che conduce una vita normalissima, solo che ho avuto la fortuna di fare un lavoro privilegiato e che amo immensamente. Conduco una vita serena. Ho una famiglia composta da mio padre, mia madre e mio fratello che è più grande di me e fa il geometra. Risiedo di base a Mantova, la città meravigliosa in cui sono nata, anche se per ovvi motivi mi sposto molto. Vivo qui con loro insieme al mio gatto, che è il mio amore grande. Ho un fidanzato che per motivi lavorativi vive attualmente lontano da me, ma la distanza non ci fa paura. Siamo fidanzati da 6 anni e siamo sempre riusciti ad andare oltre la lontananza. Quando una persona ci tiene veramente non esiste distanza, come non esiste la stanchezza, non esistono gli impegni e il modo di vederti lo si trova. Io mi ritengo molto fortunata ad avere lui al mio fianco. Ho dei valori se vogliamo all’antica ma ne vado fiera. Mi sento molto diversa dalla maggior parte delle ragazze del giorno d’oggi. Per carità, mi piace uscire con le amiche, divertirmi in serata, fare shopping ecc, le cose tipiche che fanno un po tutte, però su certi valori come la correttezza,l’educazione sono molto quadrata. Inoltre non ho un tatuaggio e mai lo farò, non ho piercing , non ho mai convissuto, non sono mai ricorsa alla chirurgia estetica e così  via, sono molto naturale…come mi vedete!

Fare la modella è una scelta professionale o una scelta di vita?

Fare la modella è una scelta di vita proprio perché ti cambia la vita. Da fuori può sembrare tutto molto appariscente perché è un mondo di
apparenza, di lustrini ma in realtà non è solo quello. È un lavoro che richiede innanzitutto di essere sveglie. Spesso infatti ti danno un
indirizzo e un orario e tu ovviamente da sola devi prendere aereo,treno o auto e farti trovare lì. Capita quindi sovente di viaggiare e di dormire in hotel da sola. Non esistono festività. Io tengo particolarmente al mio lavoro, quindi cerco di condurre una vita sana e regolare, non bevo,non fumo, vado a letto presto e mi mantengo attiva. Devi sempre essere a posto fisicamente perché sei sempre sotto esame… a volte questa cosa un po’ la soffro.

Cosa significa essere modella, oggi.

Cosa significa vorrei quasi saperlo anch’io. Purtroppo sui social vedo spesso e volentieri “attività modella” poi guardo meglio all’Interno del
profilo e non vedo uno straccio di pubblicità commerciale , nomi di azienda ecc. Modella non vuol dire farsi fare delle foto da un Fotoamatore, non vuol dire mettersi d’accordo per farsi fare delle foto, siano queste fatte in studio, in una camera di hotel o nella classica fabbrica abbandonata!! Non vuol nemmeno dire aver fatto concorsi di bellezza o sfilate di paese, come non vuol dire fare la hostess. Fare la hostess è una cosa, fare immagine è un’altra cosa, divertirsi e soddisfare il proprio ego femminile facendosi fare le foto un’altra ancora. Fare la modella, per lo meno per come lo intendo io ( e spero anche la maggior parte delle persone), vuol dire innanzitutto fare una gavetta  dove inizi sì con i concorsi e le sfilate di paese, ma devono essere solo la base, l’inizio per farti aumentare la spigliatezza, il sapere stare davanti a un pubblico, prendere la padronanza della scena. Fare la modella vuol dire partecipare a casting, quindi vuol dire farsi viaggi, farsi file per poi spesso non essere prese, vuol dire prestare la propria immagine per dei brand, per delle aziende, vuol dire giornate pesanti di shooting , dove non serve solo esser ragazze fisicamente ed esteriormente belle ma bisogna saper interpretare, saper muoversi, sapere stare davanti a una macchina fotografica, saper posare ma rimanendo naturali.

Delle proposte di lavoro, qual è quella che escluderesti in modo tassativo e quella che invece ti piacerebbe fare che non hai ancora fatto?

Non mi sento di escludere nulla a priori perché molte volte si pensa a una cosa e poi crescendo o facendo le esperienze si cambia idea. Posso
solo dire che non sento adatti a me i reality ( ma poi anche lì dipende da quale ). Mi sarebbe piaciuto lavorare con un fotografo in particolare che ammiro tantissimo e purtroppo non ho mai avuto l’onore di lavorare con lui e forse mai lo avrò:  Joseph Cardo.

Le verità del cuore si possono raccontare?…possono servire a farsi conoscere meglio?

Sicuramente il cuore ha le sue verità, il problema è che servono altri cuori che le riescano a leggere. Attraverso i social network fa molta
fatica ad emerge ciò che una persona è realmente. Questa cosa un po’ mi dispiace e spero sempre che le persone vadano oltre l’apparenza.
Se ci si soffermasse di più su ciò che una persona ha al suo interno,la si conoscerebbe molto più in profondità.

Le parole che non hai mai detto…

Se non le ho mai dette non vedo perché dirle ora.

Cosa ti ha tolto la vita e cosa invece ti ha dato fino ad ora? … E nel tuo lavoro?

L’ unica cosa che la vita mi toglie è il tempo, ma purtroppo se non trascorresse non vivrei, forse per quello voglio vivere intensamente…
perché la vita è troppo breve e troppo preziosa per perder tempo. La vita mi ha dato, anzi mi da tantissimo! Mi ha dato la salute, a me e alle
persone a me care, mi ha dato una vita semplice ma allo stesso tempo senza problematiche, mi ha fatto conoscere l’amore e la sofferenza e sono felice anche di quest’ultima… perché se non avessi conosciuto la sofferenza, non saprei quanto importante e bella sia la felicità e la serenità. Nel mio lavoro mi ha dato tante soddisfazioni ma anche tanta fatica. Sono già appagata così… chissà cosa altro la vita mi riserverà.

Hai paura a volte del destino?

Io credo molto nel destino. Penso che niente avvenga per caso, noi possiamo in qualche modo “aggiustarcelo” a nostro piacimento ma più di
tanto non possiamo intervenire. Il destino ad esempio ha messo lo zampino anche nel mio lavoro. Come dicevo in precedenza, non avrei mai pensato di farlo perché non mi sentivo all’altezza, non mi sentivo così bella o comunque portata per un mondo che ammiravo, ma ogni cosa mi spingeva a farlo. Fa quasi ridere se penso ai mie inizi . Ho fatto un concorso di bellezza( il mio primo ) fuori Mantova, a Castrocaro Terme per l’esattezza. Dopo varie insistenze da parte di amici ( e vincendolo), accedevo di diritto alla finale nazionale a Rimini. Mio padre raccontò questa mia esperienza a un suo amico che a sua volta la raccontò a Mino Rizzotti, un presentatore di Mantova, anzi mi correggo, il presentatore di Mantova . Lui mi telefonò cercando il mio numero di casa sulla rubrica, ma rifiutai. Lui non si arrese e me lo chiese più volte finché cedetti. Da lì iniziò il mio percorso. Ho avuto anche un’esperienza sull’emittente nazionale 7 Gold per 3 anni come presentatrice e anche in quel caso il destino ci mise lo zampino. Mio padre va a buttare la spazzatura e incontra il vicino di casa che gli racconta che ha iniziato a fare il cameraman per una trasmissione su 7Gold, e gli racconta dei provini per cercare una presentatrice da affiancare a Franco Oppini. Mio padre gli racconta delle mie esperienze…beh, per farla breve, mi presero. Se mio padre non fosse andato a buttare la spazzatura, non avrei lavorato per 3 anni come presentatrice.

Credi davvero in tutto quello che fai?…e fai davvero tutto quello in cui credi?

Io cerco sempre di impegnarmi molto in quello che faccio. Non mi piace fare molte cose insieme proprio perché ne devo fare una e
fatta bene. Nel lavoro credo di impegnarmi molto ( dovrebbero esser gli altri però a dirlo), mi sento professionale proprio perché mettendoci la  faccia nel vero senso della parola, sono io a volere la buona riuscita del lavoro. Non mi pesa quindi se devo fermarmi più del tempo stabilito, se devo rifare lo scatto o se c’è qualche capo in più da scattare. Penso che la professionalità, la disponibilità e l’umiltà paghino sempre!! Mi spaventa un po il domani, ho paura di fare scelte sbagliate e quindi pondero molto, però a volte così facendo rischio di far passare il tempo e perder pezzi di vita..ecco questa è una mia pecca!

Progetti futuri?

Progetti futuri ne ho tanti… come tutti credo. Spero di creare una famiglia mia e di continuare a essere appagata, lavorativamente parlando, ma il mio progetto futuro più grande è quello di essere felice, di continuare a essere felice proprio come lo sono ora.

Elena, grazie per il tempo dedicatoci. Voce Spettacolo ti fa i migliori auguri per il tuo futuro e la tua carriera.

 

Follow Me

Vito "Nik H." Nicoletti

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Vito "Nik Hollywood" Nicoletti è Caporedattore di Voce Spettacolo. Si laurea in Giurisprudenza.
Allievo esperto di Kung Fu
Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − tre =