Intervista con la giornalista e conduttrice. Elsa Di Gati

di Water Nicoletti.

 

Ciao Elsa! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Giornalisti si nasce o si diventa?

Ci si nasce e ci si diventa. Intendo dire che la nostra natura ci dona sempre una passione, ma poi occorrono : la passione di raccontare indagando, lo studio, l’amore per la verità e tanta onestà che rende imparziali. Ah dimenticavo… piacere mio….

Lo stato di salute dell’informazione in Italia.

Per rimanere nella metafora della salute direi che la febbre sale. C’è molta crisi, i giornali prepensionano, riducono personale, gli editori sono in affanno. Credo che il web abbia inciso molto in una società con pochi lettori.

Mi Manda Rai Tre. Il giornalismo d’inchiesta è il luogo dove risiede la libertà?

Ti rispondo con fermezza sì e ne siamo orgogliosi. Mai nessun veto… parola di Mi Manda Raitre

La nostra amica Emanuela Del Zompo è stata ospite del tuo programma per affrontare il delicato tema dell’abusivisimo edilizio. Credi che questo fenomeno stia davvero assumendo una particolare ed incisiva rilevanza sociale e politica?

 

Ricordo molto bene il caso di Emanuela. Studiandolo ero incredula, mi sembrava impossibile che una persona si potesse ritrovare, dopo una assenza da casa, con una costruzione di legno, ovviamente abusiva, di fronte alle sue finestre. Il fenomeno è in espansione, ma credo che l’aspetto più grave in situazioni come questa, sia la battaglia degli onesti che rischia di rimanere lettera morta. Nel nostro paese c’è troppa divisione di competenze, troppa burocrazia, troppi protocolli da firmare. Tutto questo fa lievitare l’esercito degli impuniti. E gli onesti pagano.

Il giornalismo è una missione, se non si è chiamati è meglio non farlo. Sei d’accordo?

Vale per il giornalismo e tutti i mestieri, senza la vocazione non si va da nessuna parte.

Un tuffo nel passato. La Radio. Se non l’avessi incontrata, la tua vita come sarebbe stata?

Meno ricca. La radio insegna tanto. E’ come avere una seconda laurea. Spesso devi improvvisare… e non ci si improvvisa degli improvvisatori

Credi davvero in tutto quello che fai?…e fai davvero tutto quello in cui credi?

Credo che la Rai prima di tutto abbia il compito di rendere un buon servizio… pubblico. Mi Manda Raitre ha una storia che non ha bisogno di essere ricordata. E’ un marchio di qualità. E’ puro servizio pubblico. Non solo credo in quello che faccio, ma amo questo programma. Se non credessi in quello che faccio non potrei metterci tutta la mia passione. E questo vale anche nella vita.

Come ti poni nei confronti della vita?

Da quando è arrivata mia figlia è cambiato molto. Prima correvo sempre. Inseguivo emozioni, ero una collezionista, ma sai i collezionisti non si accontentano mai e sono infelici a furia di cacciare il pezzo più bello.
Grazie a lei ho imparato a fermarmi, mi lascio cadere, mi godo i momenti belli. Non cerco di inseguirne altri perchè ho capito che si finisce per non apprezzare nulla.

Hai paura del tuo futuro o del futuro?

Nessuno sa cosa ci riserverà il futuro e l’incertezza genera inevitabilmente paura e timori. Se però proviamo a pensare che magari in questo futuro c’è qualcosa di bello che ci attende, sono sicura che ci scappa un sorriso.
Prova a farlo anche tu, adesso. Vedi ? Stai già sorridendo… Ti vedo…

 

 

 

In foto: Emanuela Del Zompo a “Mi Manda Rai Tre” (abusivismo edilizio).

Emy

Sponsored by

             Joliment

 

 

Tutto Samo Style

 

Vuoi diventare Sponsor? Scrivici a: vocespettacolo@gmail.com

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Walter Nicoletti

Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 3 =