Intervista con la modella e attrice. Denny Mendez

di Walter Nicoletti.

 

Ciao Denny! Siamo davvero onorati di poterti ospitare su Voce Spettacolo. Partiamo dalla prima domanda. Da Miss Italia ad Hollywood.

Miss Italia è stato per me un sogno davvero incredibile perché, prima di ogni cosa, mi sento sempre una donna italiana. È stata certamente una grande vittoria quella di poter vincere un concorso tanto ambito, così rilevante e , al contempo, tradizionale della cultura italiana. È stato un ottimo trampolino di lancio. Non è stato facile arrivare ad Hollywood. Il percorso è stato irto di ostacoli, sacrifici, studio, formazione e tanta determinazione.

Dopo il tuo percorso artistico puoi svelarci chi è oggi Denny Mendez?

In tutti questi anni, se c’è una cosa che non ho cambiato (e che probabilmente non cambierà mai) è la mia semplicità ed umiltà. Devo dire che oggi mi sento più matura, meno ingenua, so difendermi in meglio rispetto al passato. Mi ritrovo più bella, soprattutto interiormente. Sono molto più sicura, anche nelle scelte che devo affrontare in merito alla mia carriera artistica. Oggi so quello che voglio. Sai, nel mondo dello spettacolo, si rischia di entrare in un vortice nel quale non si riesce a comprendere l’obiettivo finale. Poi, per magia, accade un evento, bello o brutto che sia, che ti da una spinta significativa verso quelle che sono le proprie attitudini, onde poter comprendere la propria essenza umana ed artistica. Mi ritengo assolutamente soddisfatta del mio percorso personale e professionale.

La tua sensibilità e semplicità ti ha portato ad essere la madrina del Los Angeles Italian Film Festival e la testimonial internazionale di Festina, al fianco di Gerard Butler…

Quello che dispiace è vedere i giovani talenti, le nuove generazioni costrette ad andar via dall’Italia, per poi ritornare come protagonisti. I successi diventano ancora più rilevanti quando sono condivisi anche nel proprio Paese e dalla propria comunità. Prima di essere stata nominata madrina del Los Angeles Italian Film Festival sono stata selezionata per un videoclip di Andrea Bocelli al fianco di John Travolta. Devo ringraziare il gentilissimo Pascal Vicedomini il quale ha voluto portare una italianità diversa al Festival Italiano di Los Angeles. Per me è stata una grande soddisfazione. Non tanto per la nomina di madrina, quanto per i contenuti ed i temi rilevanti, peraltro affrontati anche nel corso della cerimonia degli Oscar 2016. Ad ogni modo, siamo arrivati alla campagna pubblicitaria internazionale di Festina con Gerard Butler, una persona assolutamente cordiale, simpatica e gentile.

Hai intenzione di tornare in Italia? Magari in Basilicata, considerato che l’anno scorso sei stata ospite del Festival di Maratea?

A prescindere dalla professione, sicuramente tornerò in Italia sia per la mia famiglia, sia per gli affetti che mi legano al territorio. Il cinema americano è continuamente attratto dall’Italia, per cui tra i miei progetti futuri ci saranno anche dei ruoli in pellicole che saranno girate proprio lì. Diverse coproduzioni dovrebbero spostarsi in Italia. Se mi capita di tornare in Basilicata lo farò molto volentieri perché ho
avuto modo di amare quei luoghi in occasione del festival. Voi lucani siete davvero accoglienti!

Nelle tue scelte di vita e professionali obbedisci più al tuo cuore o alla tua testa?

Generalmente le mie scelte sono sempre dettate dall’impulso, per cui obbedisco spesso al mio cuore, anche alla luce delle mie origini latine. Tuttavia, negli ultimi anni, e in special modo negli ultimi mesi, ho preso diversi “impatti frontali”(sorride). A seguito di ciò ho deciso di cambiare rotta. Adesso inizio con il selezionare le scelte della mia vita ragionandoci su con la testa. Ci vuole equilibrio tra le due parti.
Servono entrambi.

Domanda secca, risposta secca: ci sono ancora dei sogni che vorresti realizzare?

Quello di realizzarmi completamente a livello professionale, quello di diventare mamma e di vivere la mia vita in pace con me stessa e con gli altri.

Il segreto del successo?

Essere se stessi. Sempre. Non cambiare mai. Mantenere intatto il proprio io. E’ molto difficile, ma quando un artista riesce a raggiungere questo risultato, convince anche che gli sta intorno. Non devono mancare le basi unite a passione, forza di volontà, determinazione e gran sicurezza di se stessi. Anche i fallimenti rappresentano un punto di forza dal quale un artista riesce ad emergere e a vedere meglio la vita ed il mondo che lo circonda. Tutte le grandi storie sono nate dai fallimenti. Ti aprono delle strade meravigliose.

Una donna di successo come te cosa pensa del genere femminile?

Quando si parla di donne di successo molto spesso si è abituati a vedere soltanto il lato positivo, la sua forza, la sua determinazione, senza andare a scavare quelle che sono le fragilità e le sue insicurezze. Le donne sono dotate di una sensibilità fuori dal comune. E allora il mio pensiero va a tutte quelle donne che continuano a subire violenze. A mio avviso, non sono belle soltanto le donne del mondo dello spettacolo. Ogni donna deve valorizzare il suo talento per diventare un esempio. Dalle casalinghe alle donne in carriera. Siamo tutte, indistintamente uguali.

Quanto costa essere belle dentro e fuori, esteticamente ed interiormente?

La responsabilità grava sempre sul metodo, su come utilizzare la propria bellezza. Ci sono donne che la utilizzano per raggiungere personali obiettivi, altre, al contrario, per viverne esclusivamente la sua essenza interiore. La donna deve essere responsabile di come trasmettere il messaggio della propria avvenenza. E necessario trovare il giusto equilibrio tra il presente ed il futuro. La vecchiaia spaventa tutti. Il vero segreto è la pace con se stessi.

Il tuo passato è segnato da ricordi indelebili che porterai sempre nel tuo cuore?

Il primo dettato in italiano con il mio insegnante delle scuole medie. Più che un professore di italiano era un assistente personale perché lo fermavo in ogni momento! Aveva una pazienza immensa. E’ anche grazie a lui che oggi sorrido. Mi ha lasciato un segno indelebile, di grande umanità. E poi c’è Santo Domingo, luogo d’incanto in cui torno ad assaporare le mie radici.Le mie giornate da ragazzina spensierata e felici all’oratorio Murialdo di Montecatini Terme,momenti indimenticabili.

Puoi anticiparci qualcosa in merito ai tuoi progetti futuri?

Sarò impegnata per il cinema. Il prossimo anno sarò madrina della dodicesima edizione del Festival del Cine Global Dominicano.L ‘ italia sarà il paese ospite dell’evento Ovviamente, non mancheranno sorprese!

 

Follow Denny Mendez:

www.dennymendez.it

Denny Mendez on Facebook

PHOTOGALLERY

[Best_Wordpress_Gallery id=”60″ gal_title=”Mendez”]

Blood Trap is set for release on September 20th with a cast that also includes Drew Kenney, Elena Mirela, Denny Mendez and Grazia Leone.

 

Sponsored by

 

 

Tutto Samo Style

 

Vuoi diventare Sponsor? Scrivici a: vocespettacolo@gmail.com

 

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Walter Nicoletti

Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − quattro =