Ciao Leonardo! E’ un vero piacere ospitarti sul nostro portale. Iniziamo dalla prima domanda. Sarai in gara al Festival di Sanremo con il brano BIANCA. Te lo saresti mai aspettato?

Diciamo che sperato fino alla fine e poi sentire fare il mio nome è stata una grandissima Gioia… C’erano tantissimi musicisti di grande talento, sono onorato di essere stato scelto!

Hai iniziato a lavorare nel mondo dello spettacolo a soli 11 anni… un tuo ricordo indelebile?

Beh probabilmente il mio ricordo indelebile è stato quando sono uscito dalla comunità educativa per entrare alla scuola di ballo del Teatro alla Scala. In comunità mi hanno sempre trattato bene però purtroppo vivere in una comunità educativa all’età che avevo (dieci anni) ti porta ad essere etichettato come un ragazzo diverso dagli altri, spesso ricevevo attacchi di bullismo a scuola. Desideravo nel mio piccolo di scappare da quella realtà ed entrare alla Scala di Milano anche un po’ per fuggire da quel mondo.

Come si è evoluta, a  tuo avviso, la musica negli ultimi anni?

Beh credo si sia evoluta, questo lo posso dire! Se dovessi scegliere quale genere di musica preferisco, probabilmente rientrerei nella fascia della vecchia scuola. Mi piacciono le ricerche armoniche, mi piace un certo tipo di sonorità che oggi forse sarebbe definito un po’ datato o antico. Questo non toglie il fatto che ho un apertura mentale molto elastica, ascolto di tutto e mi piace allargare la mia conoscenza musicale con nuovi generi e modi di fare musica. Ciò che offre il mondo della musica al giorno d’oggi, non mi dispiace

I tuoi brani parlano del tuo stato d’animo o di quello che ti circonda?

I miei brani parlano sia del mio stato d’animo che di quello che mi circonda. D’altronde secondo me la vita è un po’ una colonna sonora… Spesso ciò che viviamo in un determinato momento poi lo associamo ad una canzone e tutte le volte che riascolteremo quel determinato brano, ricorderemo quel periodo della nostra vita. La musica è magica!

Quanto conta la formazione artistica?

Secondo me la formazione artistica conta tanto perché spesso una persona può avere molto talento Ma se non ha le basi per usarlo non riesce ad esprimere al massimo ciò che vuole dire. Invece lo studio ti porta ad ampliare il tuo talento in qualche modo dandoti la possibilità di esprimere esattamente ciò che vuoi comunicare. Il mio motto è studiare studiare studiare! Poi c’è da dire che ci Sono rari casi in cui alcuni talenti riescono ad esprimersi anche senza avere una formazione alle spalle ma secondo me lo studio ti porta ad avere una consapevolezza maggiore di quello che stai facendo.

Come ti vedi nel tuo prossimo futuro?  

Spero di andare avanti in questa direzione. Il mio sogno e fare concerti ed esprimere attraverso la miglior forma di espressione che conosco, che è quella della musica, ciò che sono e ciò sento… spero di continuare così!

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =