LE «BIG BLUE» ITALIANE PIÙ RESILIENTI? SEI SU 10 SI TROVANO A ROMA

«Fil rouge della realtà romana è lo sviluppo di una forte cultura di base, orientata all’innovazione, alla qualità, al servizio ed alla competitività, ponendo il profitto in secondo piano e privilegiando non solo la ricerca ma anche la promozione di quei valori umani che caratterizzano il “roman way of working”» spiegano gli analisti di Sensoworks  (https://www.sensoworks.com), la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello.
La crescita della forza lavoro di queste aziende, l’interesse delle persone in cerca di impiego in queste «big blue» nostrane, le interazioni dei lavoratori con le aziende e la loro capacità di attrarre talenti hanno portato le aziende romane ad essere sempre più competitive, ponendo l’uomo sempre in primo piano e marcando il passo con un’economia sempre più globalizzata
Roma supera così Milano in organizzazione e cultura aziendale, aspetti spesso non immediatamente visibili, ma che nel Centro e Sud Italia sono più profondi e radicati rispetto al Nord Italia. Il rinascimento tecnologico dell’Italia parte dunque dalla valorizzazione di una cultura interna delle aziende dove l’uomo è sempre in primo piano e dove si guarda all’ambiente come una risorsa di tutti, al di là di ogni confine nazionale.
Questo l’assioma di partenza di Sensoworks, perché —secondo i fondatori dell’azienda— il progresso tecnologico dipende soprattutto dalla componente umana e dalla «capacità umana» dei soggetti che sviluppano, implementano e utilizzano la tecnologia.
«Si tratta di un nuovo umanesimo che passa anche dall’Intelligenza Artificiale ma che vede l’uomo sempre al centro, cominciando dalla nostra cultura aziendale» spiega Niccolò De Carlo, ceo e co-fondatore di Sensoworks (https://www.sensoworks.com).
E —tra gli attori principali di questa rivoluzione— Sensoworks ha infatti la sua sede principale proprio a Roma.«Di fronte a noivi è la possibilità di vivere un vero e proprio rinascimento tecnologico attraverso uno sviluppo “più umano” di algoritmi predittivi. E noi ci siamo riusciti»  sostiene il ceo di Sensoworks.
Il successo di questa strategia è arrivato rapidamente con i primi progetti di monitoraggio dinamico realizzati per AceaAnas ed Autostrade, solo per fare alcuni nomi. Ed ora l’azienda romana ha aperto uffici anche a Boston, da dove si propone di conquistare presto tutta l’America

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × cinque =