LE IENE – LAZIO, CASO ANNA FRANK: DOMANDE DI STORIA A MIHAJLOVIC

“LE IENE SHOW”

 

LAZIO, CASO ANNA FRANK

CORTI E ONNIS DA SINISA MIHAJLOVIC

 

Domani, domenica 29 ottobre in prima serata su Italia 1, nuovo appuntamento con “Le Iene Show”. Conducono Nicola Savino, Nadia Toffa, Giulio Golia e Matteo Viviani.

Tra i servizi della puntata:

–       «Anna Frank? Non conosco questa storia, questa mattina non ho letto i giornaliSono un po’ ignorante da questo punto di vista…». Sinisa Mihajlovic, allenatore del Torino, è intervenuto così sulla recente bufera scoppiata dopo che una frangia di tifosi laziali ha affisso sulla curva sud dello Stadio Olimpico immagini della giovane vittima-simbolo della Shoah con la maglia della Roma.

Dopo le polemiche nate dalle sue parole, il tecnico dei granata si è scusato e ha spiegato: «Io sono contro ogni tipo di razzismo. Non avendo letto il “Diario” di Anna Frank e non avendo saputo cosa fosse successo la sera prima, ho preferito non parlare dell’argomento. A noi a scuola insegnavano di Ivo Andrić, premio Nobel per la letteratura dell’ex Jugoslavia».

Stefano Corti e Alessandro Onnis raggiungono, quindi, Sinisa Mihajlovic per interrogarlo sui principali personaggi storici degli ultimi decenni. Infine, i due inviati gli consegnano il “Diario” di Anna Frank. (frame in allegato)

 

–        Platinette faccia a faccia con un suo hater: servizio di Mary Sarnataro. La Iena organizza un incontro tra il noto personaggio televisivo e l’utente che, in diverse occasioni, ha scritto sui social network commenti offensivi nei suoi confronti.

 

–       Sull’onda del recente scandalo che ha coinvolto il produttore americano Harvey Weinstein, Dino Giarrusso continua la sua inchiesta intervistando altre attrici che raccontano di come avrebbero subito molestie e ricatti da parte di registi e produttori italiani. In merito a questo, la Iena raccoglie nuove testimonianze che confermerebbero quanto detto nei precedenti servizi: anche in Italia, quindi, sembrano emergere storie simili a quelle d’oltreoceano.

 

–        La Repubblica del Congo è un luogo ricco di cobalto, minerale utilizzato per costruire le batterie elettriche di ultima generazione. Negli ultimi 5 anni la domanda dicobalto si è triplicata ed è proprio in Congo che se ne estrae circa il 60% del totale mondiale.

Una recente indagine condotta da Amnesty International e African Resources Watch (Afrewatch) ha, però, denunciato come, qui, l’estrazione di questo elemento porterebbe a “lavoro minorile e sfruttamento”.

Reportage di Luigi Pelazza che si reca in questo stato dell’Africa e documenta, tra le altre cose, le pericolose condizioni di lavoro dei minatori che scavano a mano tunnel in miniere non autorizzate.

 

 

L’appuntamento condotto da Ilary Blasi e Teo Mammucari, in compagnia della Gialappa’s Band è per martedì 31 ottobre in prima serata su Italia 1.

Vito
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =