Il venticinquenne di Paderno Dugnano rappresenteraÌ l’Italia tra i 28 giovani giurati europei che assegneranno il Premio Giornate degli Autori/Venice Days alla 74a Mostra del Cinema di Venezia.

La storia bella di Tommaso Santambrogio, il venticinquenne appassionato di cinema che dalle poltroncine dell’Area Metropolis 2.0 di Paderno Dugnano (MI) sta per essere proiettato sul seggio di giurato in rappresentanza dell’Italia alla 74a Mostra del Cinema di Venezia, eÌ la dimostrazione di come nel nostro Paese lavorino istituzioni che credono nelle giovani generazioni e che si mobilitano affincheì il talento, la passione e i sogni abbiano una chance di realizzarsi.

La candidatura a giudice di Tommaso Santambrogio, infatti, eÌ decollata grazie alla relazione speciale, fatta di frequentazioni assidue, tra il giovane cinefilo brianzolo e il multisala padernese che fa capo alla Fondazione Cineteca Italiana.

“Ho scoperto l’esistenza del bando di concorso 28 Times Cinema pochi giorni prima della discussione della tesi di laurea alla Bocconi grazie alla newsletter di Area Metropolis 2.0, un cinema che ho sempre frequentato per la qualitaÌ della sua programmazione” – spiega Tommaso Santambrogio.

I buoni rapporti instaurati con i responsabili della sala si sono rivelati importanti anche come sostegno alla decisione di concorrere.
“Hanno insistito percheì mi mettessi in gioco, nonostante la tesi e anche se arrivare a Venezia da giurato mi sembrava una prospettiva cui non affezionarsi troppo per non restare scottato. Mi sentivo sicuro solo della scelta di “Poesia sin fin” di Alejandro Jodorowsky come oggetto della video-recensione da allegare alla domanda” – confida Tommaso. ”Di quel film mi aveva terribilmente colpito il potere immaginifico della narrazione e soprattutto la scena finale, in cui un giovane Jodorowsky parte dal Cile su una piccola barca, che va all’indietro e che ha in cima uno scheletro con le ali da angelo. Mi ha ricordato un quadro che amo, Angelus Novus di Klee”.

Riempiendo il format di candidatura con la sua idea di cinema, i titoli e gli autori che lo avevano maggiormente impressionato, Tommaso Santambrogio eÌ riuscito ad avere la meglio su decine di altri concorrenti nella severa preselezione nazionale effettuata presso la Fondazione Cineteca Italiana e a convincere, poi, gli esaminatori di 28 Times Cinema, l’iniziativa coordinata dal Parlamento Europeo, Europa Cineìmas, LUX Film Prize e Giornate Degli Autori/Venice Days allo scopo di promuovere la diversitaÌ culturale attraverso il cinema tra i giovani.

“Mi sono limitato a seguire un sogno restando me stesso. Ho sempre avuto una profonda passione per il cinema. Sin da bambino mi colpiva la possibilitaÌ di immergersi in altri mondi e di costruirli, di alterare la realtaÌ o poterne creare diverse parallele, ognuna con le sue regole, con il suo stile, con i suoi personaggi e la sua luce” – sottolinea Tommaso Santambrogio – “L’idea del cinema e dell’arte che salva, del compito dell’artista di cercare di dare un senso all’esistenza tramite le sue opere mi eÌ sempre rimasta dentro e ha sicuramente influito sia quando, cinque anni fa, ho scelto di iscrivermi al corso di laurea in Economia e management per l’arte, la cultura e la comunicazione, sia quando ho intrapreso lo studio parallelo in regia e sceneggiatura”.

La Fondazione Cineteca Italiana, che dal 1947 svolge un’ininterrotta attivitaÌ di conservazione e valorizzazione del patrimonio filmico e di diffusione della cultura cinematografica sia in Italia che all’estero, ha accolto con legittima soddisfazione la scelta di Tommaso Santambrogio come Ambassador italiano da parte di 28 Times Cinema.

La prospettiva di partecipare all’evento veneziano non piuÌ come spettatore, ma in veste di giurato in rappresentanza dell’Italia eÌ un cambio di prospettiva che, allo stesso tempo, lusinga e – almeno in parte – intimidisce Tommaso Santambrogio, un venticinquenne dall’indole fondamentalmente sognatrice, ma anche mosso da una ferra volontaÌ di cercare sempre un po’ piuÌ in laÌ, spostare il limite e non accontentarsi mai del presente che ha trovato nella Settima Arte la dimensione giusta per esprimersi e respirare.

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − tre =