PRODUTTORI SI NASCE O SI DIVENTA? INTERVISTA INEDITA A MARK CRAWEN

Lei nasce a Firenze, vive attualmente tra Positano e Napoli ma lavora principalmente all’estero come produttore fotografico per produzioni internazionali.

Quando è stato per la prima volta fuori dall’Italia, in quale occasione? Come ha iniziato questo mestiere?

La prima volta fuori dall’Italia è stata in occasione di un viaggio che mi regalarono i miei genitori dopo aver conseguito il diploma: optai per New York, dove avevo e ho ancora un carissimo amico fotografo.
Ricordo che l’Italia era ancora agli albori con Internet; si compravano i pacchetti di 60 ore per navigare: quando mi recai all’estero scoprii una realtà piacevolmente diversa da qui. Il mio amico mi fece notare che il business fotografico era incentrato sulle bellezze estere e in particolar modo sulle modelle italiane. Forse molti imprenditori erano stanchi di vedere un prototipo femminile modello “baywatch” o come quello fornito da altre sit-com americane simili; il loro obiettivo era chiaro: iniziare a portare sul mercato l’immagine della donna a 360 gradi in ogni nazione. Quando il mio amico mi disse che a New York c’erano molte aziende e molti imprenditori del business fotografico alla ricerca di figure femminili mediterranee italiane cominciai a pensare notte e giorno come esportare il prodotto lì. Al mio rientro in Italia contattai un mio amico fotografo, aveva con sé un ricco portfolio di modelle, ne scelsi 10 sullo stile mediterraneo (occhi neri, capelli neri, non rifatte e con l’altezza giusta); di ogni modella scelsi 2 foto, avevo un totale di 20 foto e all’epoca posso assicurarvi che inviare una mail con 20 foto era un procedimento lungo. Ricordo benissimo che nella email indirizzata al mio amico scrissi<<ti mando 10 modelle di esempio con 2 foto di ognuna, se sono interessati procediamo al prossimo step>>.
Dopo 20 giorni il mio amico mi contattò per dirmi che le aziende avevano rifiutato le foto ma due imprenditori del settore erano interessati a 5 modelle e il mio amico mi domandò <<E ora?>> Gli risposi: <<Perfetto! Fatti dire quanti pacchetti fotografici vogliono e di che genere>>. Gli imprenditori non volevano rischiare su qualcosa e su qualcuno di lontano nè comprare ad occhi chiusi. Mi ordinarono quindi 5 pacchetti fotografici di 40 foto cadauno: il genere era ben chiaro, volevano il passaggio tra donna vestita, donna in bikini fino al nudo artistico. Pagamento 500 dollari. Realizzammo le foto, spedii per posta tutto e mi arrivarono i 500 dollari, pagai tutti i 500 dollari al fotografo che a sua volta pagò le modelle. Morale della favola: non ci guadagnai nulla ma per me era importante stringere accordi di business e far contenti i miei clienti. Dopo 2 settimane mi ricontattò il mio amico dicendomi che gli imprenditori volevano altri pacchetti fotografici, raddoppiai il prezzo (da 500 a 1000 dollari) e così pian piano altri clienti americani si aggiunsero alla rete.

In Italia, nell’ambito della fotografia, si tende ad essere molto “conservatori”. Il Suo stile è differente. Qual’è? Ce lo prova a spiegare?

Il mio stile è sempre stato quello che bisogna saper curare la clientela, specialmente se parliamo di contatti importanti. E’ necessario saper azzardare, a volte anche rischiare. Come semini così raccogli e se all’inizio regali dei set perché “loro” vogliono vedere come va il mercato, sappi che è un tuo interesse, dal momento che se andrà bene potrai successivamente imporre tu il mercato dell’offerta. In Italia non funziona così. Fare il fotografo è una professione e ogni foto deve essere pagata; difficilmente ricevi risposta positiva sulla questione “semina-raccolta” cui accennavo sopra, lo stesso vale per i pregiudizi legati alla scelta del nudo artistico delle modelle (che per molti equivale a fare delle pessime figure di reputazione con familiari ed amici) e la stessa cosa accade con le agenzie che, in Italia, se reputano una ragazza “potenziale modella”, la esortano a pagare book fotografico e iscrizione per provare ad inseguire il proprio sogno. Firma delle proprie foto o vendita delle stesse su importanti riviste. E’ solo questo o cos’altro il discrimine tra svolgere il Suo lavoro dentro e fuori dall’Italia? Io sono un produttore fotografico, credo che in Italia non esistono queste figure professionali mentre in America ce ne sono tantissimi con il loro mercato. Con il passare degli anni mi sono appropriato di un team lodevole, ho 15 fotografi, segretarie, tour managers e numerose modelle. I miei clienti in America sono molto esigenti, sanno cosa vogliono e generalmente una modella che lavora con me in Europa per 3 giorni a settimana deve saper posare tutti gli stili, dal fashion al nudo artistico; se eliminiamo un genere finiamo per limitare in qualche maniera il mercato; noi realizziamo tanti pacchetti fotografici, li vendiamo immediatamente online ai clienti e il business è così concluso. I miei clienti rivendono poi le foto a giornali, aziende, siti e (avendo comprato i diritti d’immagine, insieme ai miei soci che investono sulle locations) ne ricavano guadagni con le royalty.

Ci svela quali saranno i suoi prossimi progetti nel corrente anno?

Per me ogni week-end è un lavoro diverso, realizzando foto su ogni stile è sempre un’emozione nuova che mi stimola e aumenta la crescita artistica e del mercato. Ho prodotto un book per una mia modella che volevano vedere in Spagna e Olanda, se andrà bene e vorranno l’esclusiva attenderò le offerte, altrimenti è comunque già pronta (manca poco) per il nostro team per le produzioni americane.

Per ulteriori info scrivi a: markcrawen@gmail.com

 

Vuoi pubblicizzare la tua attività su Voce Spettacolo?

Scrivici: vocespettacolo@gmail.com

vs-offerta

 

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Walter Nicoletti

Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =