Domani, ‪lunedì 30 settembre, in prima serata su Retequattro, nuovo appuntamento con “Quarta Repubblica”.

Nel talk show di politica ed economia, Nicola Porro intervista, in apertura, il leader di Articolo 1 Pierluigi Bersani su temi di stretta attualità: dalle tasse previste dal New Green Deal, alle decisioni sull’Iva e all’uso del contante; dalle sfide in vista delle imminenti elezioni regionali in Umbria e in Emilia-Romagna, alla redistribuzione dei migranti tra i Paesi dell’Unione.

E ancora, ampio spazio al tema dell’ambiente, dopo le manifestazioni della scorsa settimana, organizzate in tutto il mondo dal movimento Fridays For Future della giovane attivista Greta Thunberg. Le telecamere della trasmissione sono andate in Svezia, vicino Stoccolma, per raccontare la storia di un altro movimento ecologista:“Restiamo a terra”, i cui attivisti, sempre in nome del rispetto dell’ambiente, si rifiutano di usare l’aereo per i loro spostamenti.

Infine, un focus sull’immigrazione con un’inchiesta sui tre presunti torturatori libici,sbarcati a Lampedusa lo scorso 29 giugno dalla Sea Watch3, e un’intervista con il padre del ventunenne congoleseche giovedì pomeriggio ha accoltellato e disarmato un vigilante nella stazione Tiburtina di Roma e poi si è tolto la vita.

Tra gli altri ospiti della serata, anche la senatrice della Lega Lucia Borgonzoni, la presidente dei deputati di Forza Italia Mariastella Gelmini, il direttore de “Il Giornale” Alessandro Sallusti, il giornalista Stefano Cappellini e Mario Giordano.

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

One thought on ““QUARTA REPUBBLICA”, NICOLA PORRO INTERVISTA PIERLUIGI BERSANI”

  1. Buongiorno, mi riferisco alla trasmissione e, in particolare al focus sugli extracomunitari che lavorano in Toscana nella zona del Chianti. Premetto di non essere contrario ai lavoratori stranieri regolari. Ho notato che nella presentazione dei tre migranti che stavano per essere espulsi, il datore di lavoro li ha “salvati” concedendo loro un casa per dormire. E’ questo un requisito necessario per evitare l’espulsione? Si è fatto riferimento allo stipendio di 1100 Euro/mese che anche in questo caso, come in ogni informazione televisiva su tale argomento, si è dimenticato di precisare se si tratta di stipendio netto o lordo. Sarebbe importante specificarlo perché se si tratta di importo lordo parliamo di meno di 800 Euro/mese fruibili e ciò potrebbe spiegare parzialmente lo scarso interesse da parte degli autoctoni. La terza precisazione si riferisce ai contratti stipulati: sono sicuramente stagionali, quindi a termine. Cosa succede quando termina la vendemmia? Altri lavori o ricorso a contributi per i periodi di inattività?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 11 =