Mar. Ott 15th, 2019

Rocco Siffredi, 55 anni da pornostar: “Sono stato un uomo fortunato”

“Se non avessi fatto il porno oggi sarei o il prete, che mia madre ha sempre sognato, o cantoniere come mio padre”. Rocco Siffredi compie 55 anni, è nato il 4 maggio 1964 a Ortona (Chieti), una vita spesa per il cinema hard come attore, ovviamente, il più famoso, il più premiato (ancora tre Oscar del porno solo a gennaio), e poi come regista, come produttore. “Sono stato molto fortunato, ho avuto tutto quello che sognavo – diceva pochi anni fa alla presentazione del film ritratto Rocco, firmato dai documentaristi francesi Thierry Demaiziere e Alban Teurlai – forse se devo pensare a un rammarico c’è quello di non aver capito sufficientemente in fretta che rimanere troppo a lungo in questo ambiente con una famiglia a fianco e con l’educazione che ho ricevuto sarebbe stato un po’ complicato. Avrei dovuto forse deviare un po’, ma tanto sono convinto che alla fine sarei tornato là”.

Se non avessi fatto il porno oggi sarei o il prete, che mia madre ha sempre sognato, o cantoniere come mio padre”. Rocco Siffredi compie 55 anni, è nato il 4 maggio 1964 a Ortona (Chieti), una vita spesa per il cinema hard come attore, ovviamente, il più famoso, il più premiato (ancora tre Oscar del porno solo a gennaio), e poi come regista, come produttore. “Sono stato molto fortunato, ho avuto tutto quello che sognavo – diceva pochi anni fa alla presentazione del film ritratto Rocco, firmato dai documentaristi francesi Thierry Demaiziere e Alban Teurlai – forse se devo pensare a un rammarico c’è quello di non aver capito sufficientemente in fretta che rimanere troppo a lungo in questo ambiente con una famiglia a fianco e con l’educazione che ho ricevuto sarebbe stato un po’ complicato. Avrei dovuto forse deviare un po’, ma tanto sono convinto che alla fine sarei tornato là”.

La carriera dell’attore simbolo del cinema hard è nota: in oltre 30 anni di carriera ha ricevuto più di una quarantina di Avn Awards, equivalente degli Oscar per il cinema pornografico conferiti ogni anno dalla rivista Adult Video News per celebrare le eccellenze mondiali del settore, ed è annoverato nella Hall of fame delle personalità che hanno contribuito alla crescita dell’intrattenimento per adulti. Ma Rocco Siffredi ha più di una volta fatto incursioni anche nel cinema mainstream anche se sempre in titoli che hanno a che fare con il mondo dell’erotismo. Nel 1999 ha recitato in Romance, film dall’autrice francese Catherine Breillat, con scene di sesso esplicito ma non porno, censurato in molti paesi compresi Italia e Stati Uniti. È stato protagonista di Amore estremo, film ispirato al romanzo di Claudia Salvatori Schiavo e padrona, dove Siffredi interpretava Silver, un uomo che cerca di scoprire l’assassino del suo migliore amico, un poliziotto masochista trovato senza vita dopo avere passato una notte con Xenia, una bibliotecaria sadica. Siffredi è apparso anche in Pornocrazia, film francese del 2004 che racconta la storia di una giovane donna salvata da uno sconosciuto dopo essersi tagliata le vene in un locale frequentato da omosessuali. Da spettatore il suo film preferito è Shame di Steve McQueen con Michael Fassbender: “Quel film mi ha turbato perché raccontava la mia vita. Sono stato male a vederlo. Se dovessero fare un film sulla mia vita, dovrebbe farlo lui”.

Ma prima della sua carriera, prima dei film che sono frutto di “vera passione”, Rocco Siffredi dice che c’è la famiglia “mia moglie e i figli stanno al top” assicura. Sposato con l’ex modella e attrice porno Rosa Caracciolo e padre di due ragazzi, Lorenzo e Leonardo che ha debuttato come modello di intimo, Siffredi è consapevole di come sia difficile per loro convivere con la schiera di fan che gli chiedono foto e autografi. “Il fatto di andare in vacanza e ritrovarsi a condividere il papà con persone che mi fermano in continuazione, senza mai poter passare un momento insieme senza invasioni per loro è molto pesante”. Sarà per quello che ha deciso di coinvolgerli in uno show tv Casa Siffredi, una sorta di reality in cui racconta chi è veramente, al di là delle “performance” come le chiama lui, nella quotidianità.

L’attore, regista e produttore nella sua carriera ha vinto oltre una decina di statuette negli Stati Uniti come miglior interprete maschile, di cui la prima all’età di 29 anni nel 1993. “Ho pensato più volte di non andare oltre i 55 anni. Ma, se continuano a premiarmi come miglior performer, devo per forza allungare la mia presenza di fronte alla macchina da presa – ha detto a gennaio ritirando tre premi – Dovrò spostare l’asticella verso quota 60” ha concluso l’attore con ironia. (LA REPUBBLICA).

Follow Me

Walter Nicoletti

Founder at Voce Spettacolo
Walter Nicoletti è un produttore, filmmaker, attore e fonda Voce Spettacolo nel 2013. Laureato in Giurisprudenza. E' portavoce italiano della Notte degli Oscar® - European Oscar Party (2018-2019).
Walter Nicoletti
Follow Me

Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + nove =