Russia, 20mila tonnellate di diesel si riversano nel fiume

Lo scorso 29 maggio una cisterna di carburante che rifornisce una centrale elettrica vicino a Norilsk (Siberia settentrionale) è collassata riversando oltre 20mila tonnellate di carburante nel fiume Ambarnaya. Al momento risulta contaminata un’area di 350 km quadrati.

L’acqua dell’Ambarnaya si è tinta di rosso – come mostrato dalle immagini del video – a causa della massiccia presenza di combustibile diesel e lubrificanti. Il presidente russo, Vladimir Putin, ha ordinato lo stato d’emergenza accusando la Norilsk Nickel – l’azienda proprietaria della centrale elettrica – di aver cercato di nascondere l’accaduto.

Si tratta di un incidente senza precedenti in Siberia, regione strategica per le sue risorse e molto fragile sotto il profilo ambientale. 

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + sette =