SpaceX: Oggi inizia il futuro con il viaggio americano fra le stelle

Alle 21.22 il razzo Falcon 9 con Doug Hurley e Bob Behnken ha rilanciato il sogno americano della frontiera spaziale.

La bandiera a stelle e strisce è stata piantata su un nuovo capitolo dell’esplorazione spaziale con astronauti americani che sono volati in orbita su un’astronave americana decollata dal suolo americano. Gli occhi del presidente Trump, ospite d’onore al Kennedy Space Center fiammeggiavano come i motori a cherosene, metano e ossigeno del razzo Falcon 9 che si è issato fragorosamente in cielo su un mare di fuoco.

A meno 40 minuti dal “Go”, la Nasa ha dato luce verde al riempimento dei serbatoi dei due stadi del Falcon 9. Cherosene, metano e ossigeno a bassa temperatura pompati ad altissima pressione nei serbatoi: un’operazione che mette i brividi e che spiega il timore per il maltempo, specialmente per i fulmini che aveva fatto slittare mercoledì il primo tentativo. 

La situazione meteorologica su Cape Canaveral in Florida era insomma quella che era: variabile, ma nemmeno malaccio e quindi anche il vertice alle 17 (ora italiana) al Kennedy Space Center ha confermato il “go” nonostante la minacciosa presenza di cumolonembi e fulmini. Gli astronauti hanno così proseguito la vestizione delle tute per nulla goffe e hanno raggiunto la rampa 39-A a bordo di una – noblesse oblige – Tesla, altro “marchio” del fondatore di SpaceX, Elon Musk. E alle 19.20 il portellone della capsula bianca è stato chiuso, prima effettiva botta di adrenalina.

La Nasa e l’azienda di Elon Musk hanno deciso di accettare il rischio e di procedere comunque al lancio tanto che era di nuovo arrivato il presidente Trump accompagnato dalla first lady Melania. 

«Stiamo andando avanti con il lancio. Le condizioni meteorologiche restano ferme sul 50% di possibilità di cancellazione», aveva scritto in un tweet l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. Elon Musk ha rilanciato il tweet nel quale la SpaceX dice che la capsula aveva superato tutti i test.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × tre =