TCBO: “Il turco in Italia” di Rossini secondo titolo d’opera della stagione 2017

Il secondo titolo d’opera della stagione 2017 del Teatro Comunale di Bologna è Il turco in Italia di Gioachino Rossini nella produzione del Rossini Opera Festival (dov’è stato rappresentato nell’agosto 2016) in collaborazione con il Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e la regia di Davide Livermore, autore anche delle scene; i costumi sono di Gianluca Falaschi, il progetto luci di Nicolas Bovey, Videodesign D-WOK, assistente alla regia Alessandra Premoli, assistente ai costumi Gianmaria Sposito. Lo spettacolo, che debutta il 10 marzo, vede sul podio dell’Orchestra del Comunale l’americano Christopher Franklin, che a Bologna aveva già diretto con successo nel 2008 l’opera di Michael Daugherty Jackie O e nel 2009 lo spettacolo di Stephen Sondheim Sweeney Todd. Il coro del Teatro felsineo è preparato da Andrea Faidutti. Il cast comprende grandi interpreti rossiniani e giovani talenti già noti al pubblico internazionale: Simone Alberghini (Selim), Hasmik Torosyan (Donna Fiorilla), Nicola Alaimo (Don Geronio) – presente in tutte le recite tranne l’ultima, il 18 marzo, in cui ad interpretare lo stesso ruolo è Marco Bussi, Maxim Mironov (Don Narciso), Alfonso Antoniozzi (Prosdocimo), Aya Wakizono (Zaida) e Alessandro Luciano (Albazar).

Uno dei lavori più significativi della comicità teatrale di Rossini, che aveva debuttato alla Scala nel 1814, riscoperto nel Novecento soltanto negli anni Cinquanta grazie a Gianandrea Gavazzeni, si trasforma in questo recentissimo allestimento affidato all’estro visionario di Davide Livermore che immagina l’intricata vicenda amorosa di Selim, Fiorilla, Geronio e Zaida in un’ambientazione tipicamente felliniana: il poeta Prosdocimo rivive così nei panni di Marcello Mastroianni, Fiorilla in quelli di Claudia Cardinale con abito a pois, foulard e Vespa, mentre Selim è il classico playboy dello Sceicco bianco. “Come accade in a Guido Anselmi/Mastroianni” spiega Livermore “anche nel Turco Prosdocimo è sempre alla ricerca della sua storia. Era una similitudine così accattivante che abbiamo voluto percorrerla sino in fondo. Mi divertiva creare una sorta di dittico cinematografico-musicale; e in fondo, poi, Rossini e Fellini sono figli della stessa terra”.

Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di Sigaro Toscano – Gruppo Maccaferri.

Ha preso il via con Il Turco in Italia il nuovo percorso “Note di gusto”, organizzato in occasione delle presentazioni delle opere in Teatro. “Miele e Peperoncino”, azienda bolognese attiva nell’organizzazione di eventi, in collaborazione con “Arlotti e Sartoni”, cioccolato di Alta Qualità, accompagnerà il Teatro Comunale nella Stagione 2017 attraverso un gustoso percorso a tema, strutturato di volta in volta in relazione all’opera, al compositore o al territorio in cui si svolgono gli accadimenti della trama. L’intento è quello di ricercare un collegamento tra arte, artigianato, enogastronomia e tradizioni dei territori per arricchire, con gradevoli note di gusto, ogni presentazione dell’opera. Al termine di ogni incontro, “Miele e Peperoncino” insieme ad “Arlotti e Sartoni”, illustreranno la loro personale interpretazione dell’opera attraverso una degustazione in Rotonda Gluck. www.mielepeperoncino.it;www.arlottiesartoni.it.

Prosegue con Il turco in Italia la partnership artistica fra Flò Fiori e il Comunale, iniziata già dalla scorsa stagione 2016: al debutto di ogni opera il Foyer Respighi ospita infatti un’installazione floreale, che interpreta l’opera in programma, realizzata attraverso il linguaggio e i simboli della natura. www.flofiori.com

I biglietti dello spettacolo (da 100 a 10 euro) sono in vendita sul sitowww.tcbo.it e presso la biglietteria del Teatro Comunale di Bologna. Eventuali biglietti invenduti saranno disponibili da un’ora e mezza prima dell’inizio di ogni spettacolo al 50% del costo.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =