Turismo, l’estate nera delle città d’arte: crollo del 55% dei turisti

Le città d’arte italiane hanno appena iniziato a vivere un’estate particolare, segnata dalla pandemia e dalle sue conseguenze. Una di queste è il crollo dei turisti stranieri. Secondo le stime dell’Agenzia Nazionale del Turismo, a causa del coronavirus, nel 2020 i visitatori non italiani crolleranno del 55% aprendo un buco di 23 miliardi. A pagare il conto più salato è Venezia, mentre Firenze ha già calcolato che perderà 900mila pernottamenti.

Come riporta La Repubblica, da Nord a Sud la situazione è la medesima. Nelle ultime settimane, le – poche – prenotazioni sono arrivate soprattutto dai Paesi europei più vicini, come Germania e Austria; prenotazioni che riguardano per lo più le spiagge del Nord-est. A Venezia “oggi è aperto il 70% degli alberghi con tasso d’occupazione sotto il 50% – spiega al quotidiano l’assessore al turismo Paola Mar -. Stiamo lavorando a una serie di eventi per l’autunno”.

“Di richiesta dalla Cina e dagli Usa non c’è nemmeno l’ombra e molti hotel di lusso, specie nelle città d’arte e d’affari, hanno deciso di non riaprire perché non conviene”, spiega Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, a La Repubblica

Sempre secondo l’Enit, i voli dall’estero acquistati per venire in Italia fino al 19 luglio sono crollati del 91,4%. D’altra parte, Federalberghi prevede un calo dell’81% delle presenze straniere in hotel per il 2020. Numeri che fanno paura, considerando che il turismo rappresenta il 13% del pil italiano. E il 50,6% degli arrivi è costituito da ospiti internazionali. 

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − quattro =