VENEZIA 74: Il programma completo

 

La 74esima edizione della Mostra del cinema di Venezia si terrà dal 30 agosto al 12 settembre. Il programma è stato ufficializzato ieri e prevede 21 film in corsa per il Leone d’oro.

Rilanciare il cinema italiano, questo è il motto della kermesse. Sono infatti ben 4 le pellicole dirette da registi italiani. Sul Red Carpet sono attese le star George Clooney, Matt Damon e Jennifer Lawrence, sarà assegnato il Leone d’Oro alla carriera a Robert Redford e Jane Fonda. In questa edizione è previsto anche un nuovo concorso dedicato alla realtà virtuale.

Di seguito, invece, i 22 lungometraggi in concorso:

“Human Flow” di Ai Weiwei; “Mother!” di Darren Aronofsky con Jennifer Lawrence, Javier Bardem e Michelle Pfeiffer. “Suburbicon” di George Clooney con Matt Damon e Julianne Moore; “The shape of water”, ultimo film di Guillermo del Toro, con Sally Hawkins e Michael Shannon; “L’insulte” di Ziad Doueiri; “La Villa” di Robert Guediguian, “Lean on Pete” di Andrew Haigh con Steve Buscemi e Charlie Plummer; “Mektoub, My Love: canto uno” di Abdellatif Kechiche; “Sandome No Satsujin” di Koreeda Hirokazu; “Jusqu’à La Garde” di Xavier Legrand; “Amore Malavita” di Manetti Bros.; “Foxtrot” di Samuel Maoz; “Three Billboarda outside Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh; “Anna” di Andrea Paloro; “Downsizing” di Alexander Payne con Matt Damon e Christoph Waltz; “Jua Nian Hua” di Vivian Qu; “Una famiglia” di Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti; “Firt Reformed” di Paul Schrader, con Ethan Hawke; “Sweet Country” di Warwick Thornton; “The Leisure Seeker” di Paolo Virzì, con Helen Mirren e Donald Sutherland ed infine “Ex Libris – The New York Public Library” di Frederick Wiseman.

Saranno 19 i film della sezione collaterale della Mostra “ORIZZONTI”, anche qui 4 titoli italiani: “Nico 1988” di Susanna Nicchiarelli; “Disappearance” di Ali Asgari; “Espèces Menacées” di Gilles Bourdos; “Les Bienheureux” di Sofia Djama; “The Rape of Recy Taylor” di Nancy Buirsky; “Caniba” di Lucien Castaing-Taylor e Verena Paravel; “Marvin” di Anne Fontaine; “Invisible” di Pablo Giorgelli; “Brutti e cattivi” di Cosimo Gomez; “The Cousin” di Tzahi Grad; “The Testament” di Amichai Greenberg; “La Nuit Ou J’ai Nagé” di Damien Manivel e Igarashi Kohei; “No Date, No Signature” di Vahid Jalilvand; “Los versos del olvido” di Alireza Khatami; “Krieg” di Rick Ostermann; “West of Sunshine” di Jason Raftopoulos; “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak; “Under the Tree” di Hafsteinn Gunnar Sigurðsson; “La vita comune” di Edoardo Winspeare.“

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 10 =