Voce Spettacolo at London Curzon Bloomsbury – Seven Wonders of World Cinema (AMPAS) – La Strada

di Stefano Straniero e Michele Valente.

 

ENG

Voce Spettacolo have attended the first appointment of the event series Seven Wonders of World Cinema – Summer Sundays that took place in London, at the Curzon Cinema in the lovely Bloomsbury area. This initiative has been organized by the Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS) and will allow the public to join Sunday projections until beginning of July. The shows aim to celebrate the 60th Anniversary of the establishment of the Oscar prize for foreign language movies. The Seven Wonders selection is represented by 7 masterpieces that won the prize in each decade since the Fifties.

 

The first movie to be shown has been La Strada (The Road) from director Federico Fellini, that won the Oscar prize in 1957.

The introduction to the projection is opened by a short description of AMPAS schedule by listing the next Sunday appointments at Curzon cinemas.

When Gary Kurtz then takes the stage we almost forget we are in front of the co-producer of a certain Star Wars,: instead of talking about faraway galaxies and speaceships he took us by our hands and lead us for a walk on Earth, precisely behind Fellini’s movie camera. In fact, thorugh a series of anedoctes on the film production, Gary describes the artistic effort, the passion, the hard work that silently (and sometimes painfully) hide discretly behind every masterpiece.

 

So we learn that due to many delays on the production schedule (including the difficulties to propose Giulietta Masina for the role of Gelsomina) Anthony Quinn almost gave up his part in the movie (Zampano’) as he had already signed a contract for another movie to be shut after La Strada. In fact, the postponement would have meant to work at  two movies at the same time. After many discussions Fellini convinced him to stay and Anthony Quinn later commented ironically that his tired look in the movie was caused by the lack of sleep for those hard days of work.

 

Towards the end of the movie shooting Fellini had a nervous breakdown (the original screenplay was 600 pages plus Fellini’s notes on the side). This didn’t allow some winter scenes to be shut with a snow background, as per screenplay. Gary Kurtz has therefore told us about one of  thousands cinema’s technical secrets, in fact the problem was solved by using mattresses and white sheets that from a certain distance looked exactly like snow: the ordinary that becomes magic.

 

He then reiterated the fact that in the Fifties and Sixties Hollywood producers understtod that the american film average quality was not  at the same level of other foreign countries, above all Italy, so directors and writers starts to study and take inspiration from them.

 

Gary then tells us about the fact that La Strada received many bad reviews at the beginning but later the movie was universally recognised as a masterpiece, the highest point in Fellini’s career. Recently the movie has been remastered, also thanks to the financial contributions from Martin Scorsese, who is particularly fond of this production. In fact, he confirmed taking many features of the Zampano’s self-distructive and brute character interpreted by Quinn to inspire his production of Taxi Driver and Raging Bull.

Finally, he reminded us how Fellini talked about La Strada as a ‘catalogue of his mitological world’ and a ‘dangerous representation of his own identity’.

 

Right after, Meredith Shea (Membership and Awards Manager) concludes the presentation, explaining how the selection process, which leads the prestigious statuette to be assigned to foreign languages movies, is carried out.

It’s quite interesting to understand that the first part of the skimming stage of the works is carried by the local bodies of the organisation in each countries, leaving everyone free to submit a movie that is considered locally eligible, in every country worlwide.

 

When the lights are turned off, we all take a good breath and let loose heart and soul to the magic of the big screen that sweetly brings us back to the Italian 50s. Italy was poor but genuine at the time and it’s masterfully described across the route run by Zampano’ and Gelsomina on a rickety moto-wagon. It’s the route itself the steady and trustworthy element of these unlucky characters, it actually represents the route that everyone of us follow, with our resources and skills. This is what “the Fool” says to Gelsomina when she doubts about remaining along with Zampano’ in the meantime he’s arrested: while making fun of her, he says everyone has a purpose and function in their lives. Even the little pebble he collects from the ground has got its own reason for being, it must have one he says, otherwise nothing does have, not even the stars: film poetry at its own peak.

 

Gelsomina’s naivety not only moves people for the candor of her soul that’s never touched by the real life, but because eventually we all identify ourselves in her when we fear the malice we don’t know, the cruelty and cynicism that take over human actions. Gelsomina represents the youth, the lack of a background, the nakedness of the heart that proves itself against the world.

When Zampano’ hopelessly cries when lying on the shore he’s aware he’s lost that purity forever and somehow the chance to recover the youth of his soul which Gelsomina had been able to let him glimpse.

Giulietta Masina (in the interpretation that anoited her) masterfully performs when tryng to put a face on happiness, surprise and fear that she ends up living at the time in Italy, within its many difficulties and a potential still unknown.

Gelsomina who learns how to play the trumpet represents Italy itself that will learn how to recover its talent.

 

After the screening Gary Kurtz give us another gem of the story, while having a glass of wine, and telling us how Fellini initially thought of setting the whole story around the Circus, but afterwards Tullio Pinelli (co-author of the story) had the idea of keying the element of the rickety moto-wagon that drives around Zampano’ and Gelsomina. This stratagem allowes the film to provide a portrait of Italy from that period, through the adventures of the couple among nuns, wedding in the coutryside and street artists.

 

We’d like to thank once again Carola Ash (AMPAS Director of Europe) for inviting us to the event. We would recommend all people and friends in London to take part to the screenings so to be able to get back into the past and retrieve some feelings to be kept from the screening room forever.

 

ITA

 

Voce Spettacolo ha partecipato al primo appuntamento della serie di eventi Seven Wonders of World Cinema – Summer Sundays tenutosi a Londra al Curzon Cinema nel delizioso quartiere di Bloomsbury. L’iniziativa prevede delle proiezioni che si susseguiranno da qui ad inizio Luglio, organizzate dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS) per celebrare i sessant’anni dell’istituzione del premio Oscar per i film in lingua straniera. La selezione delle pellicole che verranno proposte al pubblico è rappresentata da sette capolavori che hanno avuto l’onore di vincere questo premio in ogni decennio dagli anni Cinquanta ad oggi.

 

La prima opera ad essere mostrata in versione restaurata è stata La Strada, di Federico Fellini, trionfatore agli Oscar del 1957.

La proiezione viene introdotta da una breve presentazione dell’iniziativa AMPAS, ricordando i prossimi appuntamenti nei cinema Curzon di Bloomsbury e Soho.
Quando Gary Kurtz prende la parola, quasi ci si dimentica di trovarsi di fronte al co-produttore di un certo Guerre Stellari. E invece di galassie lontane e navicelle spaziali, veniamo presi per mano per una passeggiata sulla Terra, e più precisamente, dietro la macchina da presa di Fellini: attraverso una serie di aneddoti sulla produzione del film, Gary ci fa capire lo sforzo artistico, la passione, il sudore che in silenzio e a volte dolorosamente si nascondono discreti dietro ad ogni capolavoro.

Così veniamo a sapere che, a causa dei molti ritardi nella produzione (tra cui la difficoltà di proporre ai produttori Giulietta Masina nel ruolo di Gelsomina) Anthony Quinn pensò di rinunciare al ruolo di Zampanò perché aveva già firmato un contratto per un altro film da girare dopo La Strada.

Questo avrebbe comportato di lavorare alle due pellicole contemporaneamente. Alla fine Fellini lo convinse con molta fatica a continuare e lo stesso Quinn ironizzò successivamente sul fatto he la sua aria stanca ne La Strada era causata dalle poche ore di sonno dovute al doppio impegno.

 

Verso la fine delle riprese, Fellini ebbe un crollo nervoso che ritardò il lavoro (basti pensare che la sceneggiatura originale era di 600 pagine, più gli appunti di Fellini). Questo impedì ad alcune scene di essere riprese sulla neve in inverno, come previsto dalla sceneggiatura. Gary Kurtz però ha però svelato uno dei migliaia di segreti del cinema, dicendoci che a questo problema si ovviò utilizzando materassi e lenzuola bianche che da lontano sembravano davvero neve: l’ordinario che diventa magia.

 

Egli rimarca il fatto che al tempo le produzioni Hollywoodiane fossero considerate poco degne di nota al confronto di molte delle ottime scuole del cinema straniero, e soprattutto di quella italiana, da cui Hollywood inizia a prenderne le mosse e l’ispirazione.

Gary rimarca il fatto che La strada subì molti giudizi negativi e detrattori all’inizio ma il film fu successivamente riconosciuto dai critici come un vero capolavoro, considerato inoltre come il punto più alto della carriera Felliniana. Di recente l’opera è stata remasterizzata, anche grazie al supporto finanziario di Martin Scorsese, molto legato a questa produzione. Quest’ultimo ha infatti confermato di essersi ispirato molto alle caratteristiche del personaggio forzuto e bruto (self distractive brute character), quale Zampanò, interpretato da Quinn, nelle sue produzioni di Taxi Driver e Toro Scatenato (Raging Bull).

Gary Ricorda anche come Fellini abbia definito La Strada come il “catalogo del suo mondo mitologico” ed una “pericolosa rappresentazione della sua identità”.
Subito dopo è Meredith Shea (Membership and Awards Manager) a concludere l’introduzione spiegando il processo di selezione che porta ad assegnare la prestigiosa statuetta per i film in lingua straniera. Rimaniamo colpiti nell’apprendere che la prima parte della scrematura dei lavori viene affidata ad enti riconosciuti in ogni singolo paese, lasciando quindi grande libertà di poter inviare una pellicola che sia considerata valida da ogni società e ogni parte del globo.

 

 

Quando infine si spengono le luci prendiamo tutti un bel respiro per affidarci anima e cuore alla magia del grande schermo che ci porta dolcemente nell’Italia degli anni Cinquanta. Un’Italia povera ma genuina, descritta magistralmente attraverso la strada percorsa da Zampano’ e Gelsomina su una sgangherata moto-camionetta. E proprio questa strada, che è l’unico elemento fedele per i nostri sfortunati amici, è il percorso che tutti facciamo, ognuno con i suoi mezzi e le proprie capacità. Questo dice Il Matto a Gelsomina quando lei non sa se rimanere accanto a Zampanò che intanto è stato arrestato: tra una presa in giro e l’altra le dice che ognuno ha uno scopo e una funzione nella vita. Persino il piccolo sasso che lui raccoglie da terra ha una ragione d’esistere, deve averla dice, perché’ altrimenti nulla ce l’ha, nemmeno le stelle: poesia cinematografica al suo apice.

L’ingenuità di Gelsomina commuove non solo per il candore di un’anima mai sfiorata dalla vita reale, ma perché in fondo ci riconosciamo tutti in lei quando abbiamo paura di una malizia che non conosciamo, di una crudeltà ed un cinismo che non capiamo come possa prendere il controllo delle azioni umane.

Gelsomina è l’adolescenza, la mancanza di esperienza, la verginità del cuore che si mette alla prova col mondo. E quando Zampanò piange senza speranza sulla spiaggia, lo fa perché sa di aver perso per sempre quella purezza, la possibilità di recuperare in qualche modo la giovinezza della sua anima che Gelsomina le aveva fatto intravedere. Giulietta Masina (nell’interpretazione che l’ha consacrata) è magistrale nel dare un volto alla felicità, la sorpresa, la paura di quell’Italia che si ritrova a vivere di nuovo tra mille difficoltà e con un potenziale ancora sconosciuto. Gelsomina che impara a suonare la tromba in fondo, è un pò l’Italia che imparerà di nuovo a trovare il suo talento.

 

Dopo la proiezione Gary Kurtz ci regala un’ultima perla, raccontandoci di fronte ad un bicchiere di vino di come Fellini pensò inizialmente di fare girare l’intera storia unicamente intorno al circo, ma poi Tullio Pinelli (co-autore della storia) ebbe l’idea di inserire la moto-camionetta che porta in giro Zampanò e Gelsomina. Questo stratagemma permette al film di donare un ritratto dell’Italia del tempo, attraverso le esperienze della coppia con suore, matrimoni in campagna, e altri artisti di strada.

 

Ringraziamo ancora la squisita Carola Ash per averci dato la possibilità di partecipare a quest’iniziativa molto originale e ben pensata. Consigliamo a tutti gli amici londinesi di partecipare ad una delle proiezioni, per poter tornare indietro nel tempo e ritrovare sentimenti da portarsi fuori dalla sala cinematografica per sempre.

 

 

Follow Me

Michele Valente

Editor in Chief at Voce Spettacolo
Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.
Michele Valente
Follow Me

Michele Valente

Michele Valente è Editor in Chief di Voce Spettacolo. Laureato in Economia Aziendale all'Università di Parma, si occupa di Spettacolo e soprattutto di ambiti legati alla musica e NightLife. Una delle sue peculiarità è intervistare dj famosi nel mondo.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 9 =