Cala l’inquinamento e l’Himalaya torna visibile da 200 km

Con circa 1,4 miliardi di persone chiuse in casa dal 23 marzo, la qualità dell’aria in India è significativamente migliorata. Senza smog, gli abitanti di alcune città del Punjub hanno potuto rivedere la vetta del Dhauladhar, appartenente all’Himalaya minore. Una situazione che, secondo uno dei più noti attivisti indiani per l’ambiente, non accadeva da oltre 30 anni. Così su Twitter si sono moltiplicate le foto e i video di chi, preso dall’entusiasmo, è salito sul tetto di casa per ammirare incredulo il paesaggio

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 6 =