Ultime Notizie

Tra le novità in vigore a partire dal 4 maggio c’è la possibilità di recarsi a far visita ai parenti che vivono nella stessa Regione in cui si risiede, mantenendo una distanza di almeno un metro, evitando quindi qualsiasi contatto ravvicinato, e sempre indossando la mascherina protettiva. Nel testo si parla di “congiunti”, parola che ha suscitato qualche perplessità perché è un concetto che lascia spazio a zone d’ombra. In tanti, ad esempio, si chiedono se sarà possibile incontrare i fidanzati e se ad esempio un cittadino che non ha familiari che vivono nella sua Regione potrà far visita a un amico stretto. I congiunti, secondo l’articolo 307 del codice penale, vanno intesi come “ascendenti, discendenti, coniuge, la parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso, fratelli, sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii e i nipoti”. Da questa definizione sembrano dunque essere esclusi i partner, in assenza di legami di sangue o di un rapporto civile che definisca la categoria.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =