FLOYD: Arrestata Chiara de Blasio, figlia del sindaco di New York

Crescono le proteste negli Stati Uniti dopo la morte dell’afroamericano George Floyd mentre veniva arrestato da un agente bianco. Coprifuoco nella capitale Washington e in altre 40 città, un morto in Kentucky, altri due in Iowa e 50 agenti feriti a Washington. Guardia nazionale mobilitata in 15 Stati. Venerdì sera Trump è stato portato nel bunker della Casa Bianca. Tra gli arresti a Manhattan anche Chiara de Blasio, figlia del sindaco di New York.

Manifestanti davanti alla Casa Bianca A meno di due ore dall’entrata in vigore del coprifuoco, migliaia di persone si sono radunate davanti alla Casa Bianca e la polizia, dopo quasi tre ore, ha concluso lo sgombero dell’area. Durante la fase più calda della protesta, le luci che generalmente illuminano l’esterno della Casa Bianca sono state spente.

Lacrimogeni e roghi, 50 agenti feritiMa i manifestanti, sfidando il coprifuoco, hanno continuato a presidiare la zona, gridando con le mani alzate agli agenti “non sparate” e “voi siete la minaccia”. Mentre avanzavano, sono stati respinti a colpi di lacrimogeni o, come ha denunciato qualche partecipante alla Cnn, con proiettili di gomma. Alcuni manifestanti hanno acceso diversi roghi e danneggiato alcuni edifici. Ci sono stati scontri violenti in cui una cinquantina di agenti del Secret Service sono rimasti feriti. Diversi monumenti di Washington sono stati sfregiati con scritte anche al National Mall. 

Migliaia di manifestanti invadono New York Nuova, imponente manifestazione di protesta anche a New York, dove migliaia di persone sono scese in piazza, in particolare a Manhattan e a Brooklyn. Sono stati registrati alcuni momenti di tensione e un’auto è stata bruciata vicino a Union Square. 

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + 19 =