Ultime Notizie

Centinaia di foto e video nei quali si vedrebbero le ragazze con cui Alberto Genovese ha avuto un rapporto sessuale da due anni a questa parte conservati maniacalmente nei suoi cellulari e nei suoi tablet, ora posti sotto sequestro. Questo quanto emerge dalle indagini dei pm in merito ai 400 gigabyte di memoria analizzata, in cui ci sarebbero anche le immagini della violenza sessuale ai danni della ragazza che lo accusa.

spiega il Corriere, oltre a quelle che lo immortalano mentre abusa della ragazza di 18 anni per quasi 20 ore. In questi frame, si vedrebbe anche Genovese scattare foto alla ragazza priva di sensi nuda nel suo letto, imbottita di droga che non riesce a muoversi. Per il momento, gli inquirenti non sanno ancora se queste immagini siano state inviate o meno ai suoi amici, ma al termine dell’analisi forense si avrà un quadro ulteriormente più chiaro di chi fosse a conoscenza di quanto accaduto e chi no. Successivamente si procederà con l’analisi della memoria interna di un terzo telefono ritrovato all’interno di una cassaforte insieme a 40.000 euro in contanti e diversi grammi di “coca rosa”.

Una collezione di foto e video di rapporti sessuali
L’aspetto più agghiacciante della vicenda è la conservazione maniacale, da collezionista, di tutte le immagini scattate o registrate durante i rapporti sessuali con la ragazza di turno. Alcune foto risalirebbero a più di due anni fa. Parte delle recenti immagini, invece, Genovese ha cercato di cancellarle il giorno dopo la violenza sessuale, come da lui stesso dichiarato ai pubblici ministeri che seguono il caso. “Quando ho chiesto di cancellare tutto»sarebbe stato perché «avevo paura che la ragazza fosse minorenne» e perché «c’era la polizia sotto casa mia, c’era droga dappertutto e poi c’era la notte trascorsa con la 18enne» che, ha aggiunto, «poteva essere presa, se fuori contesto, come violenza sessuale».

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 + tredici =