INCONTRI ASOLANI: con Gloria Campaner

Armonie liquide, riflessi d’acqua e chiari di luna: questo lo scenario sonoro del viaggio nel quale la pianista Gloria Campaner ci condurrà il prossimo Venerdì 11 Settembre, alle 20.45, ad Asolo nel bel contesto medievale della Chiesa di S. Gottardo. Penultimo appuntamento del XLII festival internazionale  Incontri Asolani, il concerto sarà tutto dedicato al pianoforte e alle sue sonorità più notturne ed elusive. In programma la Sonata Op. 27 n. 2 «Al chiaro di luna» di Beethoven, una selezione di Preludi di Chopin e di Debussy, ma anche il Notturno di Respighi e Wasserklavier dai meravigliosi Six encores di Luciano Berio.

Vincitrice di numerosi premi, Gloria Campaner può vantare «una musicalità estremamente profonda, una fluidità notevolissima, un senso della sfumatura e dello stile» (Los Angeles Times) che la rendono uno dei pianisti più versatili e interessanti della sua generazione. Dedita al repertorio classico e a quello contemporaneo, ma anche a contaminazioni con il jazz, il folk e il pop e con altre arti performative, dal suo debutto alla Carnegie Hall nel 2010 è ospite fissa dei più importanti festival in tutto il mondo. Una voce personalissima che avremo occasione di apprezzare in un programma che copre due secoli di storia della musica: un viaggio musicale che inizia coi colori del crepuscolo, attraversa la notte e si conclude con l’inizio di un nuovo giorno.

Nostalgico, ricchissimo di colori e di sfumature, il Notturno di Respighi con cui si apre il concerto ci introdurrà all’atmosfera crepuscolare e notturna di uno dei brani più amati di Beethoven: la Sonata quasi una fantasia che il compositore romantico Ludwig Rellstab soprannominò «Al chiaro di luna», pensando forse al panorama notturno del lago di Lucerna. Restiamo in tema acquatico con Wasserklavier di Berio, brevissimo brano in cui le dita devono cadere sulla tastiera come una pioggia leggera e rada, e con alcuni dei Preludi francesi in programma: «Il ruscello» e «La goccia d’acqua» di Chopin, «Reflets dans l’eau» e «La cathédrale engloutie» di Debussy. Dopo queste e altre immagini il percorso si concluderà, come promesso, con due brani luminosi e pieni di vita: «Les collines d’Anacapri» e «L’isle joyeuse», tratti sempre dai Preludi di Debussy.

Di nuovo un’atmosfera viennese per l’ultimo concerto, lunedì 14 settembre, durante il quale avremo modo di ascoltare una compagine di livello eccezionale: il Philharmonic String Quartet, formato dalla giovane generazione di musicisti dei Berliner Philharmoniker. Un itinerario nella prima scuola di Vienna e nella sua forma più intima e sperimentale, quella del quartetto d’archi. Tre quartetti di Haydn, Mozart e Beethoven per chiudere questa rassegna piena di storia, di voci e di poesia.

La locandina del festival è opera di Martino Zanetti (Le Rane, febbraio 2020, tecnica mista su tela di sacco di juta fissata su legno)

Incontri Asolani, XLII Festival Internazionale di Musica da Camera 2020 è realizzato con il sostegno di MIBACTRegione VenetoComune di Asolo e Parrocchia Di Asolo.

Asolo Musica ringrazia per il fondamentale sostegno il Gruppo Pro-GestHausbrandt Trieste 1892Centromarca BancaTenuta 2castelli.

LA SICUREZZA

Asolo Musica ha adeguato le proprie norme di sicurezza in ottemperanza all’ordinanza del Ministero della Salute del 16 agosto 2020. Gli accessi alla chiesa di San Gottardo sono controllati e accessibili previa misurazione della temperatura corporea e l’obbligo della mascherina.

Biglietti.

Intero € 25,00

Ridotto € 20,00 riservato ai Soci di Asolo Musica e alle persone fino ai 26 anni e oltre i 65 anni.
Biglietto saltalacoda: www.boxol.it/asolomusica

Parcheggio Coperto: Cipressina di Via Fortestruzzo, Asolo

Per informazioni
Asolo Musica – Associazione Amici della Musica

+39 0423 950150 info@asolomusica.com – www.asolomusica.com

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 9 =