Ultime Notizie

Finalmente. Torna il Met Gala, mai atteso come quest’anno. Dopo uno stop forzato causa Coronavirus, che ha fatto saltare l’edizione 2020, ecco la serata più glamorous dell’anno di New York, organizzata per raccogliere fondi a favore del Costume Institute del Metropolitan Museum of Art, tornare ad accendere i riflettori e a far sfilare sul tappeto rosso i nomi più prestigiosi dello star system internazionale.

L’occasione, quella ufficiale, è l’apertura della mostra dal titolo In America: A Lexicon of Fashion, la più importante esposizione di moda del programma annuale del Museo di fama mondiale.

Tre presidenti – lo stilista Tom Ford, l’head di Instagram Adam Mosseri e, naturalmente, Anna Wintour – e ben 4 padroni di casa a presentare la serata – Timothée Chalamet, Billie Eilish,  la poetessa Amanda Gorman e la tennista Naomi Osaka – per una notte all star che segna il ritorno definitivo (?) alla grandeur di quei mega eventi che consideravamo la normalità in epoca pre Covid, e che oggi hanno tutto il sapore, la bellezza e l’eccitazione della straordinarietà.

Il tema della mostra – ovvero la moda americana nella sua storia e nella sua evoluzione attuale – che funge da dress code implicito alla serata, ha ispirato le celeb presenti sul red carpet in modo diverso l’una dall’altra, a volte quasi opposto. Ognuna ha colto un aspetto della cultura americana – dal fascino degli anni Cinquanta al potere del denim, dal country allo sportswear – dando vita a un magma di suggestioni, mood e interpretazioni sorprendente. Insomma, sul red carpet abbiamo visto tutto e il contrario di tutto.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 19 =