Ultime Notizie

Venerdì 24 settembre ospite del Festival LGBT+ Padovano sarà Luca Trapanese, papà di Alba, e primo caso in Italia di genitore single ad aver adottato una bambina down. Sabato 25 settembre spazio alla comicità di Paolo Camilli con il talk&show “… a pezzi!”. Domenica 26 alle 18.00 il Pride village ospiterà inoltre “Dalla forma alla parola con il Viet Tai Chi”, evento di musica, forme, arte, teatro e parole, organizzato dall’Associazione Neuro Giardinieri.

Si preannuncia un fine settimana di quelli da non perdere quello che inizierà venerdì 24 settembre al Pride Village, il festival LGBT+ in corso al Parco delle Mura di Padova.

Aperto tutta la settimana, dalla colazione al dopo cena, il Village ha regalato ai padovani da giugno in poi, dinner showradio ed incontri, ad ingresso gratuito, per ritrovare il piacere di stare insieme nel verde.

Ad accogliere i “villeggianti” sarà come di consueto il prime time di Radio Wow, media partner del Festival, che, con Giusva al microfono, propone tutta la settimana i grandi successi musicali del momento, intervallati da news e gossip dal mondo dello spettacolo.

Ospite del talk di venerdì 24 settembre sarà Luca Trapanese, il papà di Alba, una bambina con la sindrome di Down, da lui adottata nel 2018 dopo il rifiuto di trenta famiglie. Una storia d’adozione che ha commosso l’Italia intera, raccontata in un libro, edito da Einaudi (2018) e, quotidianamente, sul profilo Instagram dell’autore. Da sempre impegnato nella solidarietà, ha fondato “Il Borgo Sociale”, micro-comunità per ragazzi disabili senza genitori impegnati a vivere in maniera autonoma ed all’inserimento lavorativo, e “La Casa di Matteo”, la prima comunità nel Sud Italia che accoglie bambini con gravi malformazioni, disabilità e forme tumorali abbandonati. Coordina da dieci anni i progetti della Fondazione del Cardinale di Napoli e collabora attivamente con enti benefici di rilievo come il Pio Monte della Misericordia. L’incontro, condotto da Lorenzo Bosio, direttore artistico del Pride Village, sarà occasione non solo ripercorrere la sua storia, ma anche per parlare di omogenitorialità, argomento ancora spinoso nell’Italia di oggi. La serata si concluderà con gli show del vocal & performer Nicola Simionato e di Angel.

Spazio alla risata sabato 25 settembre con “… a pezzi!”talk&show che vedrà salire sul palco, l’attore e comico Paolo Camilli, noto al grande pubblico dei social non solo per i suoi contenuti ironici, ma anche per le campagne di sensibilizzazione di cui si fa portavoce. Ha studiato e lavorato, fra gli altri, con L.M. Musati, L. Ronconi, G. Sepe, alternando alla prosa l’improvvisazione teatrale. Ha partecipato a due edizioni del Festival dei Due Mondi di Spoleto con “The Dubliners part.1” e “The Dubliners part.2” per la regia di G. Sepe. Nel 2017 ha debuttato come autore e regista con lo spettacolo “Per colpa di un coniglio”. Nel 2018 vince il premio come miglior attore al Festival InDivenire di Roma. In televisione, ha debuttato nel 2018 nella trasmissione “La TV delle ragazze – Gli Stati Generali” su Rai3condotta da Serena Dandini, dove ritorna anche nel 2019. Subito dopo partecipa al format “OltreSanremo” su TimVision. Continua con programmi come “C’è tempo per” su Rai Uno, “Il Salotto con Michela Giraud” (2020-2021) su Comedy Central, ed è coprotagonista nella serie “Ritoccàti” e “Ritoccàti 2”. L’accompagnamento musicale della serata sarà firmato da Daniel DJ.

Musica, forme, arte, teatro e parole saranno al centro dell’evento, domenica 26 settembre alle 18.00“Dalla forma alla parola con il Viet Tai Chi”, organizzato dall’Associazione Neuro Giardinieri. Nel corso della serata si potranno conoscere le forme di questa disciplina, la cui traduzione letterale è “coltivare l’Energia (Interna) per elevarsi”. Le dimostrazioni pratiche saranno accompagnate dalla musica, eseguita dal vivo ed introdotte attraverso la lettura di brani tratti dal libro “Parole tonde parole a punta” (78Edizioni) di Gianluca Grossi, raccolta di appunti per generare riflessioni e “far germogliare la mente”.

Dalla mattina alla sera, il Pride Village, aperto tutta la settimana ad ingresso gratuito, è diventato il punto di incontro preferito dai padovani per trascorrere l’intera giornata in una cornice verde alberata, grazie anche all’ampia scelta di possibilità per fare colazione, prendere un aperitivo o un after dinnerDalle 17.00 alle 20.00 l’Happy Pride Hour consentirà di celebrare il rito ormai universale dell’aperitivo assaggiando spritz e cocktail a prezzi speciali. Per il pranzo e la cena, inoltre, sono aperti il ristorante “Monkey Businness” con le proposte dello chef Angelo Pisano, e il pub “Il Vizio”, con le sue originali specialità gastronomiche.

L’ingresso al Village può avvenire da via Zancan o dalla rotonda del cavalcavia Dalmazia. Il pubblico avrà la possibilità di lasciare la propria vettura presso il Parcheggio Sarpi APS e il parcheggio del Supermercato Eurospin, entrambi in via Sarpi e sempre aperti.

Per tutta la durata del Festival saranno in vigore le regole ad oggi in vigore di contrasto al COVID-19Permangono gli obblighi di legge su distanziamento e uso della mascherina all’aperto. L’intera area sarà sanificata periodicamente e i bagni igienizzati continuamente con un presidio fisso. All’ingresso e in prossimità di ogni bar e ristorante sarà disponibile, inoltre, il disinfettante per le mani. Sarà premura, inoltre, dell’organizzazione aggiornare le misure di prevenzione al contagio qualora queste subissero dei cambiamenti.

La XIV edizione del Padova Pride Village è organizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e con il sostegno di Coca-Cola e Comunian, Hotel Al CasonPartner sono AnimaFlexobitHOUSEwebMedia partnerRadio Wow.

Per informazioni
www.padovapridevillage.it

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =