5 minuti

In considerazione del grande successo di pubblico, la mostra “Leonor Fini. Memorie triestine”, allestita al Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste, è stata prorogata fino al 19 settembre. Ideata e curata da Marianna Accerboni e realizzata in coorganizzazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste, offre, con l’esposizione di più di 250 pezzi per la maggior parte inediti, rari e di provenienza triestina (disegni, dipinti, acquerelli, incisioni di Leonor, porcellane decorate e bozzetti per le stesse,  documenti, libri, affiche, lettere, foto, video interviste, abiti appartenuti all’artista e a un approfondimento sul piano letterario e grafologico della sua personalità) una rilettura del tutto nuova della personalità e della creatività dell’artista (Buenos Aires 1907 – Parigi 1996), attraverso il suo intenso e fondamentale rapporto con Trieste, città d’origine della madre, e un approfondimento sul clima culturale della Trieste del Novecento. Qui Malvina Braun condusse la figlia nel 1908 e così Leonor si formò sul pianosul piano artistico culturale e su quello umano e personale fino all’età di circa vent’anni, in un milieu cosmopolita e avanzatissimo, rimanendo sempre molto legata a quella che riteneva la sua “città degli affetti”.

Per tali motivi la mostra è stata molto apprezzata non solo dai triestini ma anche da un pubblico internazionale, proveniente da varie città italiane ed europee, che ha condiviso il linguaggio multimediale della rassegna, in cui all’arte visiva sono associate musiche surrealiste ed essenze profumate inedite e luci create ad hoc. Tra i visitatori di rilievo, il pittore Serse Roma e l’archistar tedesca Andreas Kipar, uno dei maggiori esperti internazionali di architettura del paesaggio, che si è molto entusiasmato in particolare per i profumi “Lolò” e “Kot”, che interpretano originalmente la personalità di Leonor e le sue predilezioni affettive.

Un’artista, la Fini, che continua ad affascinare il pubblico per il suo grande, originale e poliedrico talento, per il mistero che aleggia in molte sue opere esposte, alcune delle quali toccano l’esoterismo e una realtà altra. E per il suo spirito antesignano di femminista ante litteram, che seppe anticipare di più di mezzo secolo, anche facendo del suo stesso corpo un’opera d’arte, alcune tendenze dell’arte contemporanea, attraverso un raro intuito per la comunicazione, disciplina palesatasi per altro nella Trieste dell’Ottocento con le Assicurazioni Generali.

L’esposizioneè visitabile da mercoledì e domenica tutti i pomeriggi dalle 17 alle 20il sabato e la domenica anche dalle 10 alle 13. Sono previste visite guidate venerdì e sabato alle 18.30 e la domenica alle 11.30 e alle 18.30.

La mostra è realizzata in coorganizzazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste, in collaborazione con Biblioteca Statale Isontina di Gorizia, Assessorato alla Cultura del Comune di Laveno-Mombello (Varese), MIDeC-Museo Internazionale del Design Ceramico di Laveno-Mombello, con la media partnership del quotidiano Il Piccolo e con il sostegno delle Fondazioni CRTrieste e Kathleen Foreman CasaliAssociazione Giuliani nel MondoStudio Luce Sime Vignuda Gruppo CometCiaccio Arte Big Broker Insurance Group, Milano, Rotary Club Trieste Alto Adriatico, Azienda Agricola Zidarich  (Prepotto, Duino Aurisina, Trieste), Sponza Tappezzeria Trieste,  AndromedaOttica Dambrosi Trieste, Flowers GoriziaLaboratorio cornici Asso di QuadriPlexi & Star.

Per raggiungere il Magazzino 26 sono disponibili i bus linea 6, fermata Polo museale, e linea 80 (info 335 6750946).

DOVE: Polo museale del Magazzino 26 · Porto Vecchio · Trieste

DATE MOSTRA: 26 giugno_19 settembre 2021

ORARIO MOSTRA: da mercoledì e domenica 17_20 / sabato e domenica anche 10_13 / lunedì e martedì chiuso (autobus linea 6, fermata Polo museale, e linea 80)

A CURA DI: Marianna Accerboni

CATALOGO: sì

INFO:

leonorfinimemorietriestine@gmail.com

cell. +39 335 6750946

mostra promossa da

Associazione Foemina APS · Trieste

in coorganizzazione con

Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste

ideata e curata da

arch. Marianna Accerboni

in collaborazione con

Biblioteca Statale Isontina di Gorizia – Assessorato alla Cultura del Comune di Laveno-Mombello (Varese) – MIDeC Museo Internazionale del Design Ceramico di Laveno-Mombello

media partnership

Il Piccolo / GEDI Gruppo Editoriale  

con il sostegno di

Con il sostegno di Comune di Trieste · Fondazione CRTrieste · Fondazione Kathleen Foreman Casali · Associazione Giuliani nel Mondo · Studio Luce Sime Vignuda Gruppo Comet · Ciaccio Arte Big Broker Insurance Group, Milano · Rotary Club Trieste Alto Adriatico · Azienda Agricola Zidarich  (Prepotto, Duino Aurisina, Trieste) · Sponza Tappezzeria Trieste · Andromeda · Ottica Dambrosi Trieste · Flowers Gorizia · Laboratorio cornici Asso di Quadri · Plexi & Star.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 6 =