Scoppia la moda delle sanificazioni: «Ma occhio alle tante truffe»

Ma attenzione al costo di queste attività: se il prezzo non copre neanche il pagamento di un tecnico e dei materiali occorrenti è evidente che siamo difronte a una sanificazioni non a norma». A lanciare l’allarme è Pasquale Mario Bacco, amministratore delegato di Meleam, la spa che riunisce un gruppo di aziende che operano nel campo della sicurezza nei luoghi di lavoro e nella gestione e certificazione aziendale.

«Da Napoli, e in generale dal Sud, ci arriva notizia di sanificazioni realizzate a 30 euro, una cifra assolutamente fuori mercato, che suscita forti preoccupazioni circa il corretto svolgimento dell’attività di decontaminazione e quindi il rischio di contagio per gli avventori. Ma che rappresenta anche una concorrenza sleale per le aziende sane che vorrebbero lavorare».

D’altronde, rimarca l’amministratore delegato, cattive notizie giungono anche dal Nord: «Da un eccesso all’altro – spiega – sappiamo di imprenditori-sciacalli che nelle regioni più colpite dalla pandemia, e quindi in quelle settentrionali, chiedono fino a 2mila euro per sanificare un locale».

La cifra congrua calcolata da Meleam per una corretta sanificazione e il rilascio del certificato è vicina a 1,30/1,60 euro al metro quadrato. Per ripulire un bar di 100 mq, ad esempio, servono all’incirca 150 euro, più Iva. Man mano che crescono le dimensioni del locale, si abbassa il costo per singolo metro quadrato, circa 0,50/0,80 euro. Prezzo totale, 220 euro più Iva. «Dietro un prezzo molto più alto o più basso – continua Bacco – si nasconde la truffa».

Walter Nicoletti
Follow Me
Latest posts by Walter Nicoletti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 10 =