Ultime Notizie

Sarà un lungo addio quello di Valentino Rossi alla MotoGP. Oggi, 5 agosto, l’annuncio dello stop a fine stagione di una carriera straordinaria da parte dello stesso campione di Tavullia. Un fenomeno, che ha reso globale uno sport come il motociclismo, che ha avuto tanti campioni che ne hanno fatto la storia. Come Giacomo Agostini, 15 titoli, una vita per le due ruote, che ha accolto comunque positivamente l’addio del campione di Tavullia: “E’ giusto che finisca così, l’ho visto in conferenza emozionato – ha detto -. Io quando dissi basta ho pianto per tre giorni di fila. Ma alla fine arriva il momento in cui si deve dire basta, è fisiologico. Non si può continuare per sempre”.

Quando sei abituato a vincere tutte le domeniche e poi non lo fai più, è dura – ha ammesso Ago riferendosi all’annuncio fatto da Rossi in conferenza stampa in Austria, alla vigilia del GP di Stiria -. Per me era difficile arrivare secondo o terzo e vincere di meno. A me quando arrivavo secondo mi dicevano ‘Agostini è finito’. Quando è successo, dopo diverse volte ho deciso di dire basta. Io pensai anche che mi era andata bene fino a quel momento e non ne volevo approfittare”.

Un momento sicuramente difficile quello di un atleta quando dice basta. Ma non solo: “E’ difficile anche per il tuo pubblico – ha ammesso Agostini -. I tifosi sono tristi oggi quando corre e non vince perché lui li ha abituati bene. E’ giusto che abbia detto basta. La vita continua, avrà tante altre cose da fare. Certo, gioie come quelle avute in moto non ci saranno più, sarà diverso ma si va avanti”.

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − quattro =