“IL VIOLINO VIRTUOSO” – Ven 20 Gen, OMAGGIO A MERCADANTE

Settimana intensa per la “Stagione d’Opera e Concerti” del Teatro Mercadante, con direzione artistica del musicologo Dinko Fabris.
Mercoledì 18 gennaio, alle ore 21.00, è in programma il quarto appuntamento della Stagione con il concerto “Il violino virtuoso” con Giulia Buccarella (violinista) e Francesco Buccarella (pianoforte). Saranno eseguiti famosi pezzi del grande repertorio virtuosistico, in cui la tecnica e le abilità degli esecutori sono protagonisti assoluti della serata, dal “Trillo del Diavolo” di Tartini (in cui la mano sinistra del violinista è impegnata in un lunghissimo ed estenuante movimento trillato ovvero veloce e ripetuto), alla bellissima “Tzigane” di Ravel composta per dare sfogo ad un carattere virtuoso pieno di difficoltà, di volatine, note acute, pizzicati che richiamano l’atmosfera del popolo Gitano. Di forte impatto emotivo con tecnica trascendentale è invece il suggestivo “Poème” di Ysaye, che a sua volta fu uno dei più grandi virtuosi di violino di tutti i tempi mentre lo “Scherzo” di Caikoskij, veloce e saltato, dimostra la grande tecnica d’arco dello strumentista e l’abilità del pianista. Nel finale di questo travolgente concerto tutto Romantico, il “Valzer” di Kreisler e la celeberrima “Ciarda” di Monti concludono una vera e propria maratona di bravura.
Programma:
Giuseppe TARTINI: Il trillo del Diavolo
Johannes BRAHMS: Scherzo
Maurice RAVEL: Tzigane
———————–
E. YSAYE: Poema Elegiaco
Pëtr Il’ič CAICOVSKIJ: Scherzo
F. KREISLER: Liebesfreude
B. MONTI: Czardas
GLI ARTISTI
Giulia Buccarella, figlia d’arte, è una delle più ammirate virtuose del violino italiane, vero talento fin dalla più tenera età. Nata a Bari ed oggi affermata violinista concertista e Docente al Conservatorio Piccinni di Bari, da bambina a pochi anni già sbalordiva il pubblico con una serie di Concorsi Nazionali e Internazionali vinti e tanti concerti e Maestri eccelsi. Con la maturità si è fatto strada il suo forte carattere musicale scolpito da un ‘esperienza pluriennale in grado di accattivarsi l’attenzione del pubblico per l’abilità con la quale suona il suo strumento, un violino ricco di virtuosismi e grande suono, tipico di un vero solista. Giulia e’ capace di cambiare rapidamente autore come dimostra da i programmi che interpreta , da Paganini a Prokoviev, da Mozart a Penderecki, da Schumann a Faure’, senza ripetere troppe volte gli stessi brani. Quest’anno e’ in tour per tutta l‘Italia, in Svizzera, Francia e Germania, a dimostrazione che la grande Musica Classica tanto piace ancora al pubblico felice di riempire la sala durante le sue Performance. Suona in duo con grandi pianisti italiani tra cui il cugino Francesco Buccarella.
Francesco Buccarella è nato a Roma nel 1967 in una famiglia di musicisti e ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di quattro anni con la madre Maria Teresa Garatti, proseguendoli sotto la guida di Adalberta Spada con la quale si è diplomato a sedici anni, con il massimo dei voti, presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma. In seguito ha frequentato i Corsi di Perfezionamento dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia in Roma diplomandosi con lode in pianoforte nel 1987 con Lya De Barberiis e con il massimo dei voti in musica d’insieme nel 1996 con Felix Ayo. Ha poi frequentato masterclass tenute da Vlado Perlemuter, Gyorgy Sandor e per alcuni anni gli stage di perfezionamento pianistico del M° Konstantin Bogino, completando la sua formazione artistica e musicale al più alto livello. Il debutto concertistico di Francesco Buccarella risale al 1982 quando fu scelto, dopo una selezione nazionale nei Conservatori italiani, per partecipare al Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo: da allora ha ottenuto vari premi in concorsi nazionali ed internazionali, intraprendendo una carriera musicale come solista, con orchestra, in gruppi da camera, e da alcuni anni come componente del prestigioso complesso “I Musici”, esibendosi tutto il mondo. Dal 1998 è titolare di ruolo della cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dove tiene anche corsi di Prassi esecutiva e repertorio e di Musica da Camera nell’ambito dei Bienni specialistici di II livello.

Un fuori-programma, invece, caratterizzerà l’appuntamento di venerdì 20 gennaio (ore 21.00): l’Orchestra della Città Metropolitana di Bari sarà protagonista di un concerto per flauti dedicato al musicista altamurano, Saverio Mercadante, a cui è intitolato il Teatro. “Omaggio a Mercadante”, infatti, è il titolo dell’evento che offre un ulteriore contributo di conoscenza dell’opera mercadantiana. La direzione del concerto è a cura di Maurizio Carbotta.

Per informazioni e prenotazioni: Box office del Teatro Mercadante, via dei Mille 159, Altamura – Tel. 080.3101222 – www.teatromercadante.com

Walter Nicoletti
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 13 =